Come evitare la bolla del pesco

Tramite: O2O 28/07/2017
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Quando si ha la passione per l'orto, si cerca di curare ogni pianta nel migliore modo possibile. Purtroppo però può accadere che, nonostante tutto l'amore che possiamo trasmettere a ciò che si coltiva, funghi o parassati attacchino la vegetazione con il rischio di far ammalare la pianta e quindi non avere più frutti o comunque non di buona qualità. In questa guida spiegherò come evitare la bolla del pesco, una malattia che intacca prima le foglie e, se non curata si estende fino a tutto l'arbusto, con il rischio di far seccare il tutto.

27

Occorrente

  • Fungicida ad ossicloruro di rame
37

Controllare il colore

Anzitutto, il nome scientifico di questo parassita è "Taphrina deformans", ma è comunemente conosciuto come bolla del pesco e deve essere trattata molto prima del suo manifestarsi, perché quando iniziano a spuntare le prime bolle, non è più possibile porvi rimedio. Inoltre, la malattia è resistente a tutti i pesticidi e fungicidi comunemente adoperati per debellarla. Con l'arrivo della stagione invernale, è possibile trattare più efficacemente il problema ed ottenere i migliori risultati. Il mio consiglio è quello di controllare spesso foglie e fusti; in caso di cambiamento di colore intervenire subito.

47

Acquistare il prodotto

Il prodotto più indicato per eseguire questa operazione è un fungicida a base di ossicloruro di rame. Quando il tempo è freddo, ma non troppo umido, potrete spruzzare abbondantemente il prodotto su tutta la pianta, senza tralasciare alcun ramo. Dopo averlo applicato su ogni parte del fusto, dovrete aspettare quale ora, in modo che il composto venga assorbito completamente. Nel caso di giorni di pioggia insistente, dovrete ripetere il trattamento, poiché la pianta non avrà assorbito la necessaria quantità di medicina, quindi vi consiglio una nuova applicazione al cessare delle piogge.

Continua la lettura
57

Ripetere il trattamento

Occorre evitare le recitive, quindi sarebbe meglio ripetere questo trattamento nel periodo invernale, per precauzione e in questo modo la pianta rfesiterà ad eventuali attacchi da parte di funghi e parassiti. Attendere la stagione dell'impollinazione causerebbe un danno agli insetti che frequentano la pianta, è per questo che occorre agire tempestivamente. Nel caso in cui non riusciste a debellarlo, nella primavera successiva al primo sbocciare dei fiori, si ripresenterebbe lo stesso problema, per cui conviene accertarvi di aver versato una quantità di prodotto tale che sia correttamente assorbito dalla pianta. Avrete così salvato i frutti più belli e gustosi del vostro giardino!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare la potatura del pesco

Ogni tipo di pianta ha bisogno di rinnovarsi. Esistono alberi da frutto che fin dall'impianto servono attenzioni continue. Queste vanno eseguite in modo preciso e ripetute ogni volta che serve. Fa parte di questa categoria l'albero di pesco che appartiene...
Giardinaggio

Come innestare un pesco

Poeti, cantautori e pittori gli hanno dedicato versi e dipinti. Il pesco è un albero da frutto bellissimo e capace di produrre fiori e frutti meravigliosi. L'antica e saggia cultura orientale considerava il pesco un simbolo d'immortalità. Avere un pesco...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del pesco

Il pesco, è un albero da frutto molto esigente, che richiede una potatura specifica per poter crescere in maniera sana e forte. Questa pianta da frutto, è molto delicata e deve sempre essere ben curata per poter crescere in modo efficiente e robusto.Per...
Giardinaggio

Come potare il pesco noce

La potatura è una fase importantissima della coltivazione; ometterla o realizzarla in maniera errata può infatti determinare non soltanto un prossimo raccolto insoddisfacente, ma addirittura compromettere la vita della pianta. Per questo motivo è...
Giardinaggio

5 alberi da piantare in giardino

Se nel nostro giardino abbiamo spazio sufficiente per ospitare degli alberi da frutta, possiamo sceglierli tra diverse specie, e tra questi vale la pena citarne alcuni che oltre ad un'ottima resa dal punto di vista degli stessi frutti, garantiscono anche...
Giardinaggio

Peronospera: come eliminarla

La natura e le piante offrono sempre uno splendido spettacolo e sono il modo migliore per decorare la propria abitazione. Ma richiedono molta attenzione e cura a causa di funghi e parassiti che spesso si depositano sulle foglie. La peronospera è una...
Giardinaggio

Come livellare il terreno

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se si effettua questa operazione, il terreno degrada più lentamente e non occorre poi dover agire per pareggiare eventuali...
Giardinaggio

Consigli per l'innesto a spacco

L’innesto è una tecnica usata da moltissimi anni per riprodurre piante di ogni genere. Esistono vari tipi di innesto. Ogni tipo viene utilizzato per delle piante specifiche. Tramite questo tutorial vi daremo degli utili consigli per l’innesto a spacco....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.