Come far nascere funghi commestibili dai fondi del caffè

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Secondo voi è possibile far nascere funghi commestibili dai fondi del caffè? Ebbene sì, non è un'utopia e potrete gustare ottimi funghi con una spesa minima e con tanto divertimento da parte vostra. Sarà anche un'occasione per trascorrere del tempo con i vostri bambini ed educarli all'arte del riciclo. Non è difficile, i materiali sono facilmente reperibili e i funghi ottenuti gustosissimi. Non hanno l'aroma del caffè e non si possono produrre porcini ma degli ottimi Pleurotus, il Cardoncello e lo Scitake, un'essenza tipica giapponese. I fondi del caffè sono ricchi di azoto, fosforo e cellulosa e il ph è perfetto per lo scopo. Alcuni ne hanno persino fatto un business. Vediamo adesso come fare per coltivare dei funghi direttamente a casa vostra.

26

Occorrente

  • Fondi di caffè, micelio, carbonato di sodio, sacchetto immondizia, cassetta di legno
36

Dove acquistare il materiale

L'occorrente è facilissimo da trovare. I fondi del caffè ve li può dare il bar di vostra fiducia, il micelio del fungo costa pochi euro e lo trovate per pochi euro nei negozi di agricoltura e giardinaggio. Per una migliore riuscita dell'operazione procuratevi anche 4 grammi di carbonato di sodio per chilo di caffè umido e un sacco dell'immondizia. Vi serve poi una cassetta di legno (perfetta quella della frutta) oppure il Fungo-box, appositamente creato per questo tipo di coltivazione.

46

Preparazione

Prendete i fondi del caffè e lasciateli raffreddare. Quando avranno raggiunto la temperatura di 20-25°, cominciate a disporli sul fondo della cassetta alternandoli a ad uno strato di micelio. Quando avrete finito, chiudete il tutto con il sacco dell'immondizia e riponete in un luogo scuro a circa 15° di temperatura. L'ideale sono le cantine o un qualsiasi luogo lontano da fonti di luce e calore. Inizia così il periodo dell'incubazione. Quando il substrato sarà biancastro e odorerà deliziosamente di funghi. A questo punto praticare dei fori nel sacco e mettete il tutto alla luce ma non sotto il sole. Il luogo giusto è ventilato e ombroso, la temperatura di 15-20°.

Continua la lettura
56

Risultato

Se seguirete le indicazioni in modo fedele, i risultati non si faranno attendere e potrete farvi delle scorpacciate di funghi o un piccolo business che potrebbe diventare anche importante. Presto potrete cucinare i vostri funghi ma state attenti alle contaminazioni. Una volta che i fondi e il micelio non saranno più adatti allo scopo, potrete utilizzarli come compost. Se le condizioni climatiche sono ideali, i funghi potrebbero sorgere anche spontaneamente. Un esempio di coltura sostenibile ed ecologica.  

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far nascere fiori su un cancello

Se si possiede una certa passione e un pollice verde, questa può tornare utile sicuramente per trovare nuove soluzioni per la decorazione dei propri ambienti, sia interni che esterni. Sicuramente bisogna avere una certa manualità per svolgere tali lavori,...
Giardinaggio

Come usare i sali inglesi e il caffè per concimare

Per crescere rigogliose e sane, tutte le piante hanno bisogno di fertilizzanti. Con il tempo, infatti, il terreno in cui alloggiano s'impoverisce di sali minerali. Alcuni di questi, come azoto, potassio, magnesio e ferro, sono determinanti per lo sviluppo...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè

Meraviglioso, corroborante, aromatico caffè! Poche cose riescono a stimolarci come l'aroma inconfondibile e ristoratore del caffè, soprattutto al mattino.Per chi ama il giardinaggio, non sarà difficile cimentarsi nella produzione della pianta del caffè....
Giardinaggio

Come coltivare i funghi in casa

Quanti di voi hanno la passione per i funghi e si dilettano nell'andare alla ricerca di questi per i boschi!; tuttavia bisogna essere degli esperti per distinguere i funghi velenosi da quelli commestibili. Per non incorrere a tale rischio è bene lasciarsi...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini in giardino

Tra tutti i funghi, il porcino è senza dubbio uno dei più apprezzati. In virtù del suo pregio e dell'inconfondibile odore che emana, questo fungo, negli anni, si è meritato l'appellativo di "re dei funghi". Data la sua specifica peculiarità, non...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè in vaso

Forse non tutti sanno, che è possibile tenere in casa le piante del caffè. Più precisamente, la varietà Coffea Arabica, che è originaria degli altopiani etiopi, ma ormai diffusa nelle zone tropicali di tutti i paesi. La pianta è formata da un arbusto...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi sulla paglia

I funghi sono ormai entrati a far parte delle cucine tipiche tradizionali, ottimi per donare un tocco in più alle nostre pietanze, ne esistono di svariati tipi utilizzati per altrettanti scopi, esistono funghi usati per fare il pane o utilizzati per...
Giardinaggio

Come costruire una serra per funghi

Se amiamo i funghi ed intendiamo coltivarli, possiamo farlo in un modo abbastanza semplice costruendo una serra. L'uso di questa copertura serve infatti ad ottimizzare il risultato, ed ottenere degli esemplari di alta qualità. In riferimento a ciò,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.