Come fare germogli in casa

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Con alcune indicazioni giuste e procedendo nel modo corretto, da oggi è possibile realizzare dei germogli in casa, come se ci si trovasse all'interno di un ampio giardino o di una modernissima serra. Questa operazione risulterà inoltre molto utile, in quanto i germogli sono ricchi di proprietà benefiche e fonti di vitamine e sali minerali. In questa guida vi illustreremo quindi come fare i germogli in casa, seguendo poche semplicissime azioni.

26

Occorrente

  • Contenitori di vetro
  • Acqua
  • Semi di vegetali
  • Sacco di lino
  • Garza
  • Coltello
36

Scegliere la varietà giusta

Per realizzare dei germogli in casa occorre scegliere le varietà che desideriamo coltivare e consumare. Alcune specie davvero che possono fare al caso nostro sono la soia, il grano, le lenticchie o l'avena. Per iniziare dobbiamo procurarci un contenitore o una bottiglia di vetro o di plastica sufficientemente capiente. Occorre poi versarci dentro una bustina di semi del vegetale scelto. Successivamente dobbiamo ricoprire con dell'acqua il contenitore con i semi per circa i 4/5 della sua capienza. Elemento essenziale per far germogliare i semi è che questi ultimi siano sempre umidi e non esposti alla luce. Infatti l’oscurità favorisce l’ottimale germinazione, generando l’aria indispensabile per il loro sviluppo.

46

Collocare i semi in ammollo

A questo punto proseguiamo con il nostro lavoro facendo rimanere i semi con l’acqua per circa dieci ore all'interno del recipiente. Copriamo l’apertura del contenitore con della garza inumidita e riponiamo il tutto in un posto buio. Appena notiamo che la buccia che riveste i semi si spacca, questi sono pronti a germogliare. Dopo che siano trascorse ventiquattro ore dal germoglio dei semi, eliminiamo l’acqua versata il giorno prima e riempiamo i recipienti con dell’acqua nuova. Mentre attendiamo che i semi germoglino definitivamente, sciacquiamoli un paio di volte al giorno. Infine, verso il quarto quinto giorno, noteremo che i nostri semi raggiungeranno circa 3 cm di altezza e, quindi, saranno pronti per essere consumati.

Continua la lettura
56

Riporre dentro un sacchetto

Un altro procedimento per favorire la germinazione dei semi consiste nel mettere in ammollo i semi per una notte, asciugarli il mattino dopo e riporli dentro un sacchetto di lino che va messo a sgocciolare e che occorre bagnare regolarmente per mantenere i semi umidi. Il tutto per circa quattro giorni. I germogli solitamente vengono consumati crudi in un'insalata e si possono utilizzare in numerosi modi, come ad esempio per insaporire i secondi piatti o per condire altre pietanze. I germogli che non intendiamo consumare subito vanno conservati in frigorifero e sciacquati ogni due giorni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far germogliare il grano

Ultimamente va molto di moda un certo ritorno alle origini per quanto riguarda le nostre abitudini alimentari e quotidiane. Ricicliamo di più, cosa che fa bene all'ambiente, e si riutilizzano molte cose vecchie. Si prova a fare in casa di tutto, dagli...
Giardinaggio

Come cercare gli asparagi selvatici

Gli asparagi selvatici sono dei germogli che crescono spontaneamente in tutta l'area mediterranea. Nascono da una pianta spinosa appartenente alla famiglia delle Liliacae. Gli asparagi puntano fuori in primavera e hanno un gusto forte e amarognolo. Vengono...
Giardinaggio

Come potare i bonsai

Nell'ultimo decennio è iniziata la mania del giardinaggio. Si sono diffusi in particolare le piante orientali, come ad esempio i bonsai. Piccoli ma davvero molto graziosi, i bonsai hanno bisogno di potatura regolare per mantenere la loro forma e lo stile...
Giardinaggio

Come piantare i tenerumi

I tenerumi sono i germogli e le foglie tenere delle zucchine lunghe. In botanica il nome specifico della pianta che produce i tenerumi è zucca lagenaria. I tenerumi fanno parte della cucina tradizionale siciliana. Il sapore succulento di questi germogli...
Giardinaggio

Come coltivare il cavolo di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles sono i germogli ascellari dalla forma globulare di una varietà di Brassicacea che appartengono alla famiglia dei cavoli, ovvero alla parte edule della pianta: essi crescono alla base delle foglie principali e sono composte da...
Giardinaggio

Come estirpare i rovi dal terreno

Possedere un giardino significa essenzialmente prendersi cura del terreno nell'arco di tutto l'anno, in modo da eliminare le piante infestanti che possono attecchire e crescere in maniera esponenziale soffocando ogni genere di coltivazione. I semi, trasportati...
Giardinaggio

7 consigli per avere il prezzemolo in vaso

Tra le varie erbette aromatiche più utilizzate in cucina, non può sicuramente mancare un profumatissimo prezzemolo. Il prezzemolo è inserito in moltissime ricette, soprattutto che riguardano il pesce. Se avete deciso di iniziare ad avere delle graziose...
Giardinaggio

Come e quando potare le piante rampicanti

Le piante rampicanti sono piante molto decorative che, nei nostri giardini, crescono in verticale sulle recinzioni perimetriche, svolgendo una duplice azione: di abbellimento per l'ambiente della nostra abitazione e di schermo, a protezione dagli sguardi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.