Come fare i sigilli cera lacca

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La cera lacca era e lo è ancora oggi, un materiale molto utilizzato per fare i sigilli; infatti, come in passato i nobili in genere, ma soprattutto Re e Papi, usavano questo composto per imprimere il proprio marchio sulle pergamene, oggi si usa principalmente per sigillare i pacchi in spedizione. Il fascino di questo metodo di stampa rimane quindi invariato e molti sono coloro che amano realizzarne uno, per poi firmare la loro corrispondenza. In riferimento a ciò, ecco dunque una guida su come fare in proprio dei funzionali ed originali sigilli di cera lacca.

25

Occorrente

  • Ceralacca
  • Fiammifero/Accendino
  • Timbro
  • Busta
  • Asciugamani di carta
  • Olio
35

Innanzitutto bisogna preparare tutto l'occorrente in modo da averlo a portata di mano: ceralacca, fiammiferi, olio, asciugamani di carta, una busta e un timbro o qualcosa con cui incidere la ceralacca (ad esempio un timbro fai da te in legno). Adesso si può puoi cominciare, per cui si prende la busta da sigillare, e si fa colare la ceralacca nella zona che si desidera chiudere dopodiché si accende lo stoppino.

45

Dopo poco, la ceralacca comincerà a sciogliersi e a colare, ma tuttavia bisogna tenere sempre d'occhio il diametro della pozza di cera in relazione al diametro del timbro, per non versarne troppo. A questo punto è necessario dare alla cera lacca circa una quindicina di secondi per rapprendersi. Nel frattempo si può cominciare a preparare il timbro immergendo la punta nell'olio, in modo da raddoppiare la sua protezione. Fatto ciò si asciuga tutto l’olio in eccesso su un tovagliolo di carta, assicurandosi di pulire per bene anche i bordi, prima di applicarlo sulla ceralacca. Una volta compiuti tutti questi passaggi, si versa ancora un ultimo strato di cera, in maniera tale da riuscire a rendere più voluminoso il sigillo, ed infine si aspettano altri dieci secondi affinché si asciughi.

Continua la lettura
55

Adesso si preme il timbro delicatamente, ma con fermezza, nella cera e si lascia riposare. Sarà necessario aspettare che la cera asciughi completamente prima di procedere col rimuovere il timbro e, una volta che ciò avviene si inizia a muovere il timbro delicatamente avanti e indietro fino a quando non si staccherà dalla cera stessa. In questo modo il sigillo sarà elegante e suggestivo e volendolo rendere ancora più bello e soprattutto colorato l'idea è di prendere dei monconi di pastelli a cera e sfruttarli proprio come liquido per ottenere un volta che si solidifica, degli altri sigilli multicolori e quindi decisamente innovativi, originali e del tutto personalizzati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Utilizzare La Lacca Anticante

Esistono in commercio, molti prodotti, particolarmente adatti a eseguire una finitura anticante su una superficie decorata con colori acrilici, o anche arricchita da un'applicazione di decoupage. In particolare, in questa guida vedremo come fare per riuscire...
Bricolage

Consigli per rimuovere la finitura in lacca dai mobili

Se avete un vecchio mobile a cui tenete molto ma volete rinnovare una o più stanze della vostra casa, sappiate che non c'è bisogno di buttarlo e comprarne uno nuovo. Se utilizzate gli strumenti giusti e avete un po' di pazienza infatti un vecchio mobile...
Bricolage

Come marmorizzare un oggetto con la lacca cristallo

Lavorare un oggetto con la Lacca Cristallo, può essere un lavoro molto piacevole soprattutto per i più esperti in "materia", dato che la sua manipolazione è molto particolare; si possono ottenere effetti veramente sorprendenti, se il suo uso viene...
Bricolage

Come Realizzare Candele Con Frutti E Fiori Di Cera

In questa guida vedremo come realizzare delle candele con frutti e fiori di cera. Prima di tutto vedremo come realizzare delle candele con frutti di cera e poi con una piccola variante vedremo anche come realizzare fiori di cera su delle candele per...
Bricolage

Come colorare la cera liquida

Al giorno d'oggi, sono sempre più le persone che amano, adornare ed abbellire la propria abitazione, con delle candele colorate, o forme di cera profumate. Queste ultime, oltre al fatto che oramai, possiamo comprarle tranquillamente in qualsiasi negozio...
Bricolage

Come realizzare la finitura a cera del legno

Generalmente la cera in pasta viene utilizzata per proteggere e rendere più bello il legno. Per secoli la cera d'api veniva impiegata per le rifiniture, prima che arrivassero le finiture moderne. La finitura a cera rende meravigliose le superfici in...
Bricolage

Come usare lo stucco a cera in barrette

Se dobbiamo restaurare un mobile di legno o semplicemente riempire delle cavità presenti su alcune mensole, è importante sapere che in commercio esistono delle barrette di cera, che si possono usare in modo pratico e con ottimi risultati. A tale proposito,...
Bricolage

Come decorare le Uova Con La Cera E Le Paillettes

Le paillettes o lustrini spesso accostati alla bigiotteria detta strass dal nome del suo ideatore Georges Frédéric Strass, sono piccoli dischi di materiale plastico colorato, con una elevata proprietà riflettente. Sono considerate passamaneria. Grazie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.