Come Fare Il Feltro

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Le donne sono sempre molto attente alla moda, alla particolarità degli oggetti che comprano, ma soprattutto alla qualità con cui sono realizzati e alle rifiniture. Tra i materiali più apprezzati ed utilizzati possiamo annoverare il feltro. Il feltro rappresenta un particolare ed utile materiale utilizzato per realizzare tantissime cose, ad esempio accessori come borsette, spille, pantofole, cappellini eccetera. Generalmente, chi realizza questi particolari accessori compra già il feltro che occorre nelle varie tonalità di colore desiderate, infatti esso risulta essere facilmente reperibile in qualsiasi merceria o negozio di tessuti. In realtà, risulta essere possibile costruire il feltro anche da soli, senza doverlo acquistare, risparmiando così notevoli somme di denaro. Continuate, quindi, a leggere questa interessante ed utile guida per apprendere in modo piuttosto semplice e veloce come fare il feltro. Attraverso pochi e semplici passaggi daremo utili consigli su come procedere. Mettiamoci quindi all'opera immediatamente.

27

Occorrente

  • lana cardata, stuoia di bambù, asciugamani%2
37

Innanzitutto procuratevi della lana cardata di svariati colori, dopodiché posizionatevi su un tavolo di lavoro ampio e comodo, stendeteci sopra prima la plastica pluribolle, poi una asciugamano, una stuoia di bambù ed infine una stoffa leggera tipo tela a rete. Dividete e districate le fibre di lana utilizzando le mani, disponendole sulla stuoia di bambù tutte nello stesso verso. Finito il 1 strato, cominciate con il 2 sovrapponendolo al 1, ma questa volta posizionate le fibre nel senso opposto, poi passate al terzo strato cambiando nuovamente il senso delle fibre, e cosi via.

47

Sistemata bene la lana, prendete lo spruzzino, versatevi due dita di sapone di marsiglia ed il restante riempite con acqua calda, scuotete il tutto molto bene. Ripiegate sulla lana il tessuto di tela, spruzzandovi sopra la miscela di sapone ed acqua. Mentre bagnate la lana uniformemente, pressatela con forza con le mani, a questo punto ripiegate sulla lana anche il pluribolle e continuate a spruzzare l'acqua ed il sapone, facendo movimenti circolari con le mani su tutta la lana almeno per 10 minuti, sempre nello stesso verso per fissare le fibre tra loro.

Continua la lettura
57

Alzate il pluribolle e spruzzate di nuovo l'acqua e il sapone sulla lana, fin quando la lana diventerá compatta. A questo punto togliete sia il pluribolle che il tessuto di tela, sulla stuoia sistemate il pluribolle e posizionatevi sopra la lana cominciando ad arrotolare la stuoia stringendola e compattandola bene, srotolatela girate la lana bagnatela nuovamente e arrotolate ancora.

67

Quindi, aprite nuovamente il rotolo, riempite il lavandino con dell'acqua calda ed immergetevi la lana, strizzandola per togliere il sapone. Poi immergete il tessuto in acqua fredda con un po' di aceto bianco, ciò servirà a produrre uno shock termico che bloccherà il processo di infeltrimento. Adagiate il feltro su un asciugamano pulito ed asciutto, arrotolatelo e strizzatelo in modo da eliminare l'acqua in eccesso. Srotolate l'asciugamano e ponete il feltro ad asciugare all'aria.
Realizzare il feltro non è poi così difficile come sembra, soprattutto per le donne che sono abiliti in questo genere di lavori e vi si dedicano anima e corpo. Se però è la prima volta che vi cimentate nella realizzazione del feltro e non avete idea di come iniziare, niente paura, basterà infatti seguire le istruzioni di questa guida per fare tutto nel migliore dei modi, spendendo poco e realizzando un materiale che vi servirà per creare dei bellissimi accessori. Vi auguro quindi buon lavoro ma soprattutto buon divertimento.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come creare dei cestini in feltro per Natale

Il periodo natalizio è dotato di un fascino molto particolare: le luci per strada, gli addobbi sparsi per la casa ed i vari preparativi sono molto caratteristici ed infondono un senso di allegria e familiarità. Inoltre, questo è il periodo giusto per...
Materiali e Attrezzi

Come usare una fustellatrice

La fustellatrice è una macchina che incide, taglia o ritaglia vari tipi di materiale, come per esempio il cartone o il cartoncino, tutto tramite la fustella. Può essere automatica, a pedale, orizzontale o verticale... Insomma ne esistono di tutti i...
Materiali e Attrezzi

Come cambiare lo stoppino dello zippo

Se avete un accendino del tipo zippo, e notate che lo stoppino è diventato troppo corto e quindi non vi consente più l'accensione è necessario sostituirlo. L'operazione non è affatto difficile, ma va eseguita in vari passi ben precisi vista la particolare...
Materiali e Attrezzi

Come Smaltire Il Mercurio

Il mercurio fino a poco tempo fa era un materiale utilizzato nei termometri, grazie alla sua capacità di reagire al calore e quindi di indicare la temperatura corporea. È tuttavia risaputo che tale sostanza è tossica e a causa di questo fattore progressivamente...
Materiali e Attrezzi

Come infeltrire la lana

Si chiama "felting" o "fulling" il processo per infeltrire la lana, ed ottenere un materiale compatto e morbido perfetto per la realizzazione di spille, borse, cappelli e pantofole. Tuttavia, in commercio è disponibile in pannelli pronti, già lavati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.