Come fare il legno lamellare

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il legno è un prodotto naturale, che viene caratterizzato dalla pianta da cui si ottiene e dal modo in cui viene lavorato. A seconda delle sue caratteristiche naturali e della lavorazione, viene poi usato per scopi diversi ed è presente in molti settori produttivi, specialmente nell'arredamento. Il legno lamellare è la combinazione di varie lamelle di diversi tipi di legname, che producono un blocco di materiale omogeneo. Chi ama il "fai da te". Ecco come fare il legno lamellare.

28

Occorrente

  • listelli e/o tavolette di legno.
  • Pialla a filo.
  • Colla vinilica.
  • Morsetti.
  • Sega a nastro.
38

Innanzitutto è indispensabile scegliere il migliore legno grezzo, sano e senza nodi, onde evitare che lavorandolo, si sgretoli o che formi cavità che non permettono di continuare l'opera iniziata e si debba iniziare nuovamente ciò che già era a buon punto, vanificando la fatica fatta. I pezzi di legno di buona qualità ci permettono non solo di ottenere un buon lavoro, ma anche di utilizzare tutto, compresi gli scarti.

48

Dopo avere fatto la scelta del legno migliore, il tronco della pianta dovrà venire tagliato verticalmente, in modo da ottenere delle lamelle larghe al massimo una ventina di centimetri. La misura non è casuale, ma è molto importante, proprio per le peculiarità infatti il legno lamellare, per sua natura tende a diventare più corto o più lungo.

Continua la lettura
58

La lunghezza invece, è determinata dall'uso a cui sono destinate le lamelle e dalla misura del tronco.
Premettendo che una lavorazione perfetta necessita di specialisti, anche il tipo di legno lamellare varia a secondo della sua destinazione, se deve sostenere del peso, non dovrà essere vuoto all'interno, qualità che invece si rende utile per realizzare mensole, battiscopa ed altri oggetti, non necessariamente portanti.

68

Procediamo in seguito a piallare e squadrare tutti i pezzi di legno ottenuti e sovrapporli quindi, facendo attenzione che tra luno e l'altro non si evidenzino fessure. Importante è che abbiano la stessa dimensione, quindi è opportuno usare una pialla apposita che ci garantisce questo. Con una sega, preferibilmente a nastro procediamo ora a rifilare le lamelle, che verranno poi utilizzate, per la costruzione di vari oggetti.

78

Si ricorda che il legno lamellare non richiede un particolare trattamento di conservazione, poiché è abbastanza resistente da auto-proteggersi dall'esposizione della pioggia e della neve. L'umidità nell'aria non è generalmente sufficiente per aumentare il contenuto di umidità del legno. Se il legno è mantenuto asciutto, non decadrà. Un tetto ben dettagliato realizzato con legno lamellare, presenterà solitamente una protezione sufficiente, per le intemperie, soprattutto nelle travi. Come regola empirica, il legno deve essere mantenuto al di sopra di un piano tracciato dal punto più basso del tetto o della fascia, verso la struttura in pendenza di un'unità verticale per ogni due unità orizzontali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Legno lamellare: consigli di manutenzione

Il legno lamellare è oggigiorno utilizzato in tantissime applicazione. Utilizzato principalmente per la realizzazione di mobili, questo particolare profilato ligneo è usato anche per realizzare strutture più o meno mastodontiche come gazebo o anche...
Materiali e Attrezzi

Come realizzare una carriola in legno

Dalle antiche origini, la carriola in legno è utile in terrazzo come nei terreni agricoli. Graziosa fioriera per il giardino oppure simpatico porta-vaso, si presta a molteplici scopi. È ideale per il trasporto degli attrezzi da lavoro oppure come gioco...
Materiali e Attrezzi

Come Usare Il Mastice Legno O Legno Fluido

Chi ama dedicarsi ai lavori di bricolage e, in particolare quelli che prevedono l'utilizzo del legno, sicuramente conosce il mastice di legno o legno fluido: un preparato ottenuto impastando della finissima segatura ad un legante (come olio di lino, colla...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un portafiori in legno

In questo articolo vorrei spiegarvi come costruire un portafiori in legno. Con il legno possiamo costruire tantissimi oggetti utili e soprattutto decorativi per le nostre abitazioni. Il legno è un materiale facile da lavorare per la costruzione di oggetti...
Materiali e Attrezzi

Come piegare i tasselli di legno

Il legno è un elemento che viene adoperato da sempre, per la costruzione. Tanto che, nonostante la comparsa di nuovi materiali, continua a rivelarsi una delle materie prime più importanti sulla terra. Esistono vari tipi di legno e molti di questi, vengono...
Materiali e Attrezzi

I tipi di legno più comuni nell'arredamento

Il legno possiede un fascino che non sembra temere il trascorrere del tempo. Un materiale "vivo", capace di riscaldare l'ambiente domestico rendendolo accogliente e famigliare. Ovviamente non tutti i tipi di legno sono uguali. Ognuno possiede infatti...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il legno grezzo

Il legno continua ad essere, ancora oggi, il grande protagonista dell'arredamento; per quanto le abitazioni possano apparire futuristiche, la maggior parte presenta mobili, tavoli, sedie e librerie realizzate in legno. Nella maggior parte dei casi il...
Materiali e Attrezzi

Consigli per allargare un foro nel legno

Spesso, mentre ci dilettiamo nel bricolage, dobbiamo eseguire dei fori nel legno, un'operazione che non sembra molto facile, se non si hanno alcune conoscenze di base. Inizialmente bisogna segnare con una matita, il punto dove è necessario forare, per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.