Come fare il pellet senza macchinari

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il pellet è uno dei combustibili più convenienti in assoluto sul mercato delle biomasse. Infatti il pellet ha un altissimo rendimento ed allo stesso tempo un costo basso. Per non parlare del fatto che lascia pochissimo residuo, quindi non si è costretti a dover pulire continuamente la stufa. In commercio si trovano tantissime tipologie di pellet, dalla diversa qualità. Ma se avete la possibilità, dovete sapere che il pellet può essere realizzato anche in casa. Se dovete produrne una quantità elevata, allora è indispensabile l'utilizzo di pellettatrici, ma se la quantità è poca, si può produrre il pellet in modo facile senza l'utilizzo di macchine. Questa guida si propone appunto di spiegarvi come fare il pellet senza macchinari.

24

Procurare la segatura

Innanzitutto, per fare il pellet senza macchinari sarà necessario procurarvi una grande quantità di segatura. Ovviamente, per fare al meglio quest'acquisto, dovrete anche visionare il libretto delle istruzioni della vostra stufa a pellet. In questo modo potrete acquisire moltissime informazioni come quale legno non utilizzare (per evitare di danneggiare la vostra stufa) e quale legno sarà invece particolarmente indicato (per ridurre ulteriormente i consumi). Una volta acquisite tali informazioni recatevi presso un negozio di fai da te, o presso una falegnameria, e acquistate la vostra segatura.

34

Umidificare la segatura

Il pellet deve essere composto da una segatura molto asciutta. Infatti utilizzando i macchinari quest'ultima viene pressata e assume la classica forma a bastoncino. Ovviamente eseguire quest'operazione senza macchinari non è altrettanto semplice. Questo perché la forza manuale non sarà mai eguale alla forza di una macchina. Quindi per creare il vostro pellet dovrete utilizzare della segatura umida ed essiccare solo in un secondo momento il pellet. Umidificate la vostra segatura bagnandola leggermente con un nebulizzatore riempito d'acqua. Prendete quindi la segatura ed inseritela all'interno di un pistone aperto. Se non avete un pistone di piccole dimensioni potrete utilizzare qualsiasi stampo cilindrico a vostra disposizione.

Continua la lettura
44

Pressare la segatura

Per fare il pellet senza macchinari, con la parte che chiude il pistone iniziate a pressare la segatura. Per aiutarvi in questo tipo di operazione utilizzate un martello e date dei colpi per schiacciare la segatura il più possibile. Svitate quindi la parte posteriore del pistone e, con molta delicatezza, estraete il cilindro di pellet. A questo punto dovrete far essiccare il cilindro di pellet sotto il sole per almeno 2-3 giorni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come Piegare Il Ferro

Capita molto spesso nei cantieri edili di dover piegare dei ferri per poterli adattare alla struttura che si sta costruendo o per altre esigenze. Grazie a particolari macchinari è possibile farlo in maniera veloce, ma se se ne ha bisogno in casa e non...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare correttamente il compressore

Frequentemente può capitare di avere a che fare con strumenti difficili da utilizzare, almeno in apparenza. Si può trattare di apparecchi come smartphone di ultima generazione o di elettrodomestici fino ad arrivare a macchinari complessi per i meno...
Materiali e Attrezzi

Come fare una recinzione in cemento armato

In questa guida vogliamo pensare ad un'ipotesi ben specifica, ad esempio quella secondo cui vi siete ritrovati, per puro caso, a dover ereditare un immobile sito in una zona di campagna o una zona balneare. In entrambe le fattispecie appena descritte,...
Materiali e Attrezzi

Come testare un fusibile di ceramica

Insieme ai fusibili in vetro, quelli in ceramica sono tra i più comunemente utilizzati negli elettrodomestici, in particolar modo nei forni a microonde, i quali sono inclini a corto circuito causato da fluttuazioni di tensione. La presenza di un fusibile...
Materiali e Attrezzi

Come isolare con la lana di vetro

Chi abita in una casa molto antica, magari risalente a quaranta o anche cinquanta anni fa, può riscontrare il problema di un'umidità ed un freddo continuo, pur se la casa è riscaldata. Questo perché in passato per risparmiare, le abitazioni non venivano...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere i tubi per la stufa a legna

Il focolare domestico porta con sé un retaggio antico, carico di folklore e tradizioni. Anche se oggi buona parte della sua essenza è andata dispersa, resta ancora quel desiderio atavico di riunirsi difronte al calore di una fiamma viva. Per chi non...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un rifrattometro per la birra

Le grandi industrie produttrici di birra durante il periodo successivo alla lavorazione del luppolo, sottopongono la bevanda ad un test per verificare lo stato di fermentazione con un processo analitico, che serve per individuarne la giusta densità ed...
Materiali e Attrezzi

Come regolare le lame per la piallatrice

Generalmente nelle fabbriche e nelle industrie che si occupano della lavorazione di materiali ingombranti e pesanti come il legno oppure i metalli vengono utilizzati strumenti ed attrezzature di ultima generazioni. Queste ultime svolgono il lavoro in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.