Come Fare Il Pizzo A Forcella

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il pizzo a forcella è utilizzato per realizzare oggetti di vario tipo come sacchettini per confetti, copri-spalle ed addirittura collane. Per lavorarlo occorrono una forcella, che si trova in merceria, ed un uncinetto. Il risultato è molto soddisfacente anche perché raggiungerlo non solo non è difficile ma può essere anche rilassante.

27

Occorrente

  • una forcella
  • un uncinetto
  • cotone per uncinetto
37

La forcella è un attrezzo che si usa in abbinamento all’uncinetto e permette di realizzare dei pizzi, delle bordure, degli scialli e sciarpe davvero particolari alternando, nella parte centrale, maglie basse e alte e, nella parte laterale, una sorta di asole. Queste asole sono realizzate appunto con questo strumento, la forcella. Si tratta di una sorta di forcina con i rebbi paralleli, la distanza tra i rebbi determina appunto la dimensione dell’asola.

47

Prima di cominciare procurati una forcella della dimensione più consona all'uso che ne andrai a fare e un uncinetto. Inizia il tuo lavoro, con cotone messo doppio, avviando una catenella poi avvolgi il filato sulla forcella, passando da sinistra verso destra attorno all'asticciola di destra, ed esegui una catenella esattamente al centro della forcella. Ricorda di lavorare facendo in modo che il filo sia sempre teso altrimenti esso scivolerà dalla forcella.

Continua la lettura
57

Avvolgi, adesso, il filato dal centro verso sinistra voltando contemporaneamente la forcella nella medesima direzione, in modo che il filo passi attorno alla seconda asta della forcella, formando un altro anello. Punta in seguito l'uncinetto al centro dell'anello precedente e prendi solo il filo anteriore per eseguire un punto basso. Ripeti quanto detto in questo passo della guida fino a quando non raggiungerai la misura desiderata.

67

Se prima di aver raggiunto la lunghezza necessaria al tuo uso, la forcella ti risulterà già piena di punti, sfilali tutti ad eccezione degli ultimi cinque o sei anelli eseguiti e prosegui il lavoro come detto in precedenza. Quando riterrai di avere terminato rompi il filo ed affrancalo al lavoro. Con il pizzo così ottenuto potrai rifinire molti oggetti, come ad esempio dei sacchettini di lino, all'interno dei quali poter inserire i confetti, realizzando così una bomboniera molto elegante. Potrai realizzare anche collane, borse, scialli ect.

77

Il pizzo con la forcella è un ritorno al passato perché una tecnica molto antica, in vigore nell'800 in Europa, somiglia molto al Pizzo Veneziano. Ultimamente sono tornate nelle mercerie e nei negozi di filati (grazie alle fiere e alla rete), le famose forcelle. Attrezzi a forma di forcina con le asticciole parallele, possono essere in legno o in metallo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come costruire una forcella per uncinetto

L'uncinetto è una particolare tecnica che attraverso l'utilizzo di uno strumento chiamato ferro da maglia ed incrociando in un determinato modo i fili di lana, ci permette di realizzare moltissimi capi di abbigliamento come un maglione, un cappello,...
Altri Hobby

Come colorare il pizzo

Il pizzo senza dubbio è il tessuto più elegante e raffinato che una donna possa scegliere per il proprio abito da sposa, per le lenzuola e per la lingerie. Diciamo pure che il pizzo lo abbiamo sempre ricordato di un colore bianco candido, ma i tempi...
Altri Hobby

Come inamidare il pizzo

Uno dei rimedi più antichi per il trattamento dei capi è quello di inamidarli. L'amido, posto sui tessuti, contribuisce a svolgere un'azione protettiva delle fibre. Inoltre esso tende a rendere quella parte di tessuto più rigida e più lucente, conferendogli...
Altri Hobby

Come decorare dei piatti con finto pizzo

I mobili del salotti di molte famiglie italiane sono sempre pieni di tantissimi piatti da tempo inutilizzati, spesso tramandati di generazione in generazione. Alcuni saranno piatti di poco valore, semplici, senza alcun disegno mentre altri probabilmente...
Altri Hobby

Come rivestire una spalliera da letto ad uncinetto

L'uncinetto è senza dubbio una delle arti nobili più antiche che esistano, tramandato da generazione in generazione attraverso manufatti e creazioni meravigliose. Proprio a tal riguardo, nei passi di questa guida, vedremo insieme alcuni utili consigli...
Altri Hobby

5 modi per rendere trandy una borsa

Nella moda va così: ciò che ti piace quest'anno non è detto che ti possa piacere l'anno successivo! Molto spesso quando si verifica questo, si finisce con il lasciare in disuso il capo e seppellirlo in fondo all'armadio.Per ovviare a questo errore,...
Altri Hobby

Come riutilizzare un centrino

Molto spesso oggetti acquistati da noi in precedenza, perdono il loro utilizzo, il nostro interessamento nei loro confronti e smettono di funzionare. Ciò porta ad accumulare cose di cui non abbiamo più bisogno e ci ritroviamo pieni di scaffali con oggetti...
Altri Hobby

Come decorare un t-shirt bianca

Quanti di noi hanno almeno una t-shirt bianca nel proprio armadio che però non indossiamo più perché la riteniamo troppo 'noiosa' e monotona? Se avete una vena artistica di seguito troverete qualche idea per sbizzarrire la vostra fantasia e mettervi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.