Come fare l'orlo ad una tovaglia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le tovaglie sono oggetti di biancheria piuttosto semplici ma molto utili per proteggere la superficie dei tavoli dall'usura del tempo o da possibili danneggiamenti dovuti ad incuria. Oltre ad avere una funzione protettrice, le tovaglie sono diventate delle vere e proprie opere d'arte e complementi d'arredo in grado di dare un tocco in più alla propria abitazione. In commercio ne esistono tante, ma certamente possiamo utilizzarne una che già abbiamo in casa per personalizzarla e renderla ancora più bella. Se abbiamo una tovaglia un po' rovinata e vogliamo metterla a nuovo, possiamo provvedere realizzando un bellissimo orlo con le nostre mani.
In questa guida spiego come realizzare l'orlo per un tovaglia in 4 passi (dalla scelta della stoffa al completamento dell'orlo). Questo è un metodo standard per la creazione degli orli che quindi potrà essere utilizzato anche per altri oggetti. Vedremo come realizzare un ottimo lavoro, attraverso pochi e semplici passaggi, in cui daremo utili consigli in merito che vi aiuteranno a realizzare un lavoro ben fatto e che sarà ammirato da tutti. Mettiamoci quindi all'opera per fare l'orlo alla nostra tovaglia.

27

Occorrente

  • Ago
  • Filo da imbastitura
  • Stoffa (a piacere)
  • Forbici
  • Cartamodello o tovaglia già posseduta
  • Filo da cucito
  • Gessetto o matita (o qualsiasi materiale che non lascia segni evidenti)
  • Macchina da cucire (non obbligatorio)
37

LA SCELTA DELLA STOFFA. Il primissimo passo per la realizzazione di un orlo preciso è la scelta della stoffa della tovaglia. I tessuti più utilizzati sono "lino" e "cotone" ma su internet il campionario delle scelte è vastissimo. Se non avete un vostro rivenditore di fiducia, affidatevi al web!

47

IL TAGLIO. Il taglio della stoffa è forse la fase più delicata e difficile: se non si realizza un rettangolo con i lati belli dritti, risulterà complicato successivamente ottenere degli orli fatti bene.
Pu& amp; amp; amp; amp; amp; amp; amp; amp; amp; amp; amp; lt; span class="sub">ò essere utile servirsi di un modello preciso: una tovaglia che avete già o un cartamodello.
Bisogna posare dunque il modello sulla stoffa (stendere coerentemente la stoffa e appoggiare un peso sul modello) e segnare il contorno usando un gessetto o una matita o comunque un qualsiasi materiale che non lasci un segno troppo evidente. Fatevi furbi: disegnate questo contorno sul retro della stoffa!
Prima di iniziare con la fase di taglio bisogna tenere presente che facendo l'orlo le misure si riducono di circa 2 cm per lato. Le soluzioni sono 2: o, una volta tracciate le linee, queste si spostano di 2 cm oppure si tiene presente questo dato durante la realizzazione del cartamodello.
Potete procedere con la fase di taglio: affilate bene le forbici!

Continua la lettura
57

PREPARIAMO L'ORLO. Prendete del filo da imbastitura (che è possibile trovare in qualunque merceria), fate un nodo da un lato del filo e preparatelo sull'ago. Utilizziamo, in questa fase, il filo da imbastitura perché, essendo più economico, lo butteremo a cuor leggero una volta che avrà finito il suo lavoro. Tuttavia è possibile utilizzare anche un normale filo da cucito.
Ora piegate la stoffa per circa 1 cm dal bordo verso l'interno (la parte che nella tovaglia starà sotto) e fissatela in tale posizione con ago e filo facendo cuciture larghe e molto distanziate. Fate questa operazione per tutti e quattro i lati del rettangolo. Questa è un operazione veloce: serve solo per fissare la piegatura quindi la stoffa deve essere piegata bene ma la cucitura non deve essere precisa.

67

FINIAMO L'ORLO. Per ultimare ci sono 2 alternative.
1) USARE LA MACCHINA DA CUCIRE | Ripiegate la stoffa di 1 cm su stessa e fissate con del filo da imbastitura. A questo punto cucite tutto il bordo con la macchina da cucire e l'orlo è fatto! Infine togliete il filo da imbastitura sfilandolo e tagliandolo ogni tanto (tagliarlo aiuta a sfilare meglio). La tovaglia è pronta!
2) CUCIRE A MANO | Prendete del filo da cucito, fate un nodo e mettetelo sull'ago. Prendete un lato della tovaglia, piegate la stoffa per circa 1 cm dal bordo verso l'interno e fissatelo con cuciture fitte e piccole. Potete descrivere una linea con il filo, facendo entrare ed uscire l'ago dalla stoffa. In questo caso le cuciture devono essere molto fitte. La vostra tovaglia è pronta!
Realizzare l'orlo per una tovaglia è un lavoro piuttosto stimolante, che non richiede molto tempo, ma solo un po' di abilità manuali. Seguendo i consigli di questa guida riuscirete a fare il lavoro in pochissimo tempo, dando sfogo alla vostra fantasia e al vostro estro creativo, alla fine avrete una bellissima tovaglia da utilizzare nelle grandi occasioni. Non mi resta che augurarvi buon lavoro e buona fortuna e che sarà certamente ammirata da chi se ne intende.
Alla prossima.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come rivestire un tavolo

Se abbiamo in cucina o in sala da pranzo un tavolo che non apprezziamo più, ma a cui siamo particolarmente affezionati e di cui non vogliamo liberarci, il consiglio è quello di usare uno stratagemma: quello di rivestirlo! Rivestire un tavolo è facile...
Casa

Come apparecchiare la tavola in stile country chic

Apparecchiare la tavola viene definito quasi un'arte. Il modo di adornare e sistemare tutto iniziando dai complementi essenziale. Partendo dalla tovaglia da tavola, al servizio di piatti e bicchieri, fino a completare tutto con delle decorazioni che arricchiscono...
Casa

Come apparecchiare e decorare la tavola di Natale

Il giorno di Natale rappresenta sempre un appuntamento molto sentito. Un momento nel quale tradizione e buona cucina si fondono, dando vita ad una giornata davvero speciale. Per rendere ancor più indimenticabile la festa, si organizzano pranzi particolari,...
Casa

5 tovagliette fai da te con materiale riciclato

Si parla spesso di differenziata e del fai da te.Il bello del riciclaggio è proprio che si possono inventare molte cose, con un po’ di creatività e fantasia avete la possibilità non solo di avere in casa delle cose nuove ma anche di risparmiare...
Casa

Come realizzare una tovaglietta in legno

Avere una bella tavola apparecchiata è la priorità di molte donne, soprattutto quando si hanno a cena o a pranzo amici e parenti. La classica tovaglia rende elegante l'atmosfera, ma ormai non è molto originale. L'idea di questa guida invece è quella...
Casa

Dove e come stendere quando piove

Le casalinghe di tutto il mondo odiano l'autunno e l'inverno a causa dei panni. Infatti quando piove o fa freddo far asciugare la biancheria diventa una vera e propria missione speciale. Spesso quando si intravvede un raggio di sole si stende all'aperto...
Casa

Come apparecchiare la tavola per una grigliata

Come è meglio festeggiare l'arrivo della bella stagione, se non con una grigliata tra amici e parenti? Buona cucina, tanto divertimento, una giornata diversa dalle altre: certo, affinché si riveli un successo è necessario seguire alcune regole basilari:...
Casa

Come apparecchiare la tavola per il pranzo di Natale

Il periodo delle feste di Natale è probabilmente il più frenetico dell'anno. Per tutto il mese di Dicembre ci si preoccupa di regali, biglietti di auguri, addobbi e naturalmente del cenone della vigilia e il pranzo del 25. La concentrazione si sposta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.