Come fare la carta vetrata

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Al giorno d'oggi non si ha molta pratica con il metodo del "fai da te". Uno degli elementi più utilizzati quando vengono compiuti dei piccoli lavoretti, è la carta vetrata. Questo strumento abrasivo viene utilizzato in molteplici campi. Quindi ha diverse applicazioni. In questa guida vedremo brevemente come fare la carta vetrata.

27

Occorrente

  • Policotone
  • Macchinari industriali
  • Granelli di sabbia
  • Resina
37

È paradossale che un materiale così abrasivo, possa rendere una superficie tanto liscia e levigata. A dispetto del nome, la carta vetrata spesso non viene costituita da carta, ma da un materiale chiamato policotone. Il primo passaggio ha luogo srotolando il tessuto in un macchinario dotato di testina stampante; i rulli, dotati di testine magnetiche in gomma, stampano sul tessuto le caratteristiche del prodotto. Il tessuto passa quindi sotto altri rulli che applicano a caldo uno strato adesivo sul lato non stampato.

47

A questo punto si passa a misurare la densità mediante un sistema computerizzato. Quest'ultimo verifica se lo strato viene applicato correttamente. Subito dopo si trasporta il tessuto in una camera elettrostatica sotterranea e proprio in questo ambiente caldo e umido si creano le condizioni perfette per fissare i granelli abrasivi elettrostaticamente. I granelli vengono versati nella camera attraverso una griglia, dove un apposito trasportatore spinge i granelli sotto il tessuto arrotolato tra gli elettrodi e i dischi di molatura. Questi producono un campo elettrico che scatena una specie di piccola tempesta di sabbia. Mossi dall'elettricità i granelli si incollano e si fissano allo strato adesivo, distribuendosi omogeneamente sul tessuto.

Continua la lettura
57

Il tessuto, ora ricoperto di granelli, può ritornare al piano superiore dove dei tecnici verificano. Infatti, esaminando la superficie al microscopio e calcolando il peso del materiale, controllano che la preparazione stia proseguendo sui giusti binari. La fase successiva, è una delle più importanti, e consiste nell'inserire la carta vetrata in un forno di circa novanta metri. Dove il materiale viene sottoposto a tre zone di cottura, e in cui le alte temperature hanno l'effetto di fissare definitivamente i granelli all'adesivo. La carta vetrata ora risulta abbastanza ruvida, ma il lavoro non lo si può definire ancora ultimato. Bisogna infatti passare uno strato di resina sulla superficie abrasiva che lega i granelli alla base. Dopo aver fatto asciugare la resina, i rotoli di carta abrasiva vengono disposti in magazzino dove vengono tagliati su misura. Ecco dunque svelati tutti i segreti che portano alla produzione di questo materiale così importante per tutti gli amanti del bricolage!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di cominciare il procedimento verificate la presenza di tutto il materiale necessario
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come realizzare una vetrata isolante

Fornirsi di un sistema di vetrata isolante consente di ottenere un grosso risparmio in termini di dispersione termica e di conseguenza una buona temperatura interna dell'immobile sia nel periodo invernale che in quello estivo. Tali vetri riducono i problemi...
Casa

Come Realizzare Un'Antina Vetrata

Solitamente un'antina vetrata torna utile in mobili già realizzati dove si vuole riparare dalla polvere elementi di arredo di vario genere, lasciando comunque la trasparenza. Risulta una buona soluzione anche nel caso in cui si vuole sostituire un'anta...
Casa

Come riutilizzare la carta da parati

Quando si cambia la carta da parati in casa, l'investimento da fare è sempre notevole. Si tratta di scegliere le carte più resistenti, in grado di resistere alla polvere e, soprattutto, al passare del tempo. Tuttavia, in ogni casa, al termine dei lavori...
Casa

Come costruire un porta carta igienica per due rotoli

Avete deciso di aggiungere un secondo porta carta igienica nel vostro bagno e non sapete dove collocarlo? Oppure vi siete stancati di vedere sempre qualche rotolo vagante appoggiato qua e là? Allora vuol dire che nel vostro bagno forse è necessario...
Casa

Come rivestire una parete con carta da parati

Rivestire una parete con la carta da parati è una soluzione molto gradevole per rinnovare gli ambienti di casa. In questo modo, potrete mettere in risalto un elemento architettonico, oppure un arredo originale ed insolito. Tuttavia, prima di procedere...
Casa

10 modi alternativi di usare in casa la carta da forno

Avete presente la carta da forno un po' impermeabile che utilizzate solitamente per infornare le vostre specialità? L'utilizzo della carta da forno è essenziale per alcuni motivi: se abbiamo delle teglie un po' rovinate quindi non più aderenti, la...
Casa

Come eliminare le bolle che si formano nella carta da parati

Decorare pareti per renderle più belle ed accattivanti è un po' il cruccio di moltissime persone quando si tratta di restaurare e rendere più belle le proprie abitazioni. Esistono moltissimi modi per far si che una parete sia maggiormente valorizzata...
Casa

Come rimuovere la carta da parati

La carta da parati, una volta che diventa vecchia e deteriorata, necessita di essere sostituita. L'applicazione di una nuova carta è sicuramente un lavoro che deve essere effettuato da un esperto del settore. Però, anche chi non è un professionista...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.