Come fare la malta di calce idrata

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La malta di calce è una sostanza utilizzata per tenere insieme mattoni o pietre. Può anche essere utilizzata per chiudere dei buchi presenti nei muri o per fare intonaci. Ottenere dei risultati immediati ai fini dell’indurimento della resa finale è possibile, basta aggiungere alla malta la calce idrata che ne modifica le caratteristiche strutturali, rendendola quindi lavorabile e molto più elastica.
Indi per cui, in questa guida, vi spiegherò dettagliatamente come fare la malta di calce idrata.

27

Occorrente

  • acqua
  • sabbia
  • idrato di calcio
  • ossido di calcio
  • frammenti di pietra calcarea
37

Preparare la miscela

Per preparare la miscela con la malta bisogna innanzitutto procurarsi l’idrato di calcio. Quest'ultimo, non è altro che una sostanza a base di gesso polverizzato, mescolato in parti uguali con malta, con ossido di calcio e piccoli pezzi di pietra calcarea. In commercio ci sono dei preparati già pronti, realizzati industrialmente, a disposizione di chiunque voglia cimentarsi nella realizzazione di questo composto.

47

Riscaldare il composto

A questo punto, la combinazione di questi elementi con acqua consente di avere la cosiddetta calce idrata. La preparazione tuttavia, non è ancora finita. Per completare l'opera infatti, occorre riscaldare il composto ad una temperatura di circa 800 gradi fino a quando non diventa una pasta molto spessa. Una volta raggiunta questa consistenza, la malta di calce idrata può essere conservata per diversi mesi nei silo. Il prodotto che otterremo è molto simile allo stucco, sia come consistenza che come durezza. Molte imprese edili la scelgono appositamente per le sue caratteristiche di essiccazione veloce, che semplifica il lavoro da eseguire. La calce idrata dopo il processo di lavorazione a forno e alla conservazione descritta, rilascia nel composto dei cristalli che le danno stabilità e resistenza, oltre ad avere la funzione di favorire l'essiccazione dei lavorati.

Continua la lettura
57

Calcolare le proporzioni

La quantità esaustiva per rivestire e otturare buchi di ampie dimensioni su strutture murarie è quella di sciogliere un chilogrammo di calce idrata, trecento grammi di sabbia ed un litro di acqua. Se invece, il composto dev'essere utilizzato per la realizzazione di intonaci o stucchi, le proporzioni sono le medesime ad eccezione della sabbia. Quest'ultima infatti, dev'essere esattamente la metà rispetto all'indicazione precedente. L’impasto dunque, deve avvenire iniziando dalla calce aggiungendo poi man mano la sabbia e, infine, l’acqua. Mi raccomando, l'acqua in questione va versata gradualmente fino ad ottenere un impasto morbido, così che aderisca subito sulla parete da intonacare. Il risultato sarà pronto per essere rifinito.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Bisogna stare molto attenti alla quantità di acqua, poiché da essa dipende la consistenza e la presa del materiale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come realizzare un intonaco a calce

Vogliamo ristrutturare un muro e dobbiamo intonacare. Però non vogliamo chiamare un muratore professionista. Magari la superficie da trattare è ridotta. Oppure vogliamo avere la soddisfazione di fare noi stessi il lavoro. Tuttavia occorre sapere bene...
Materiali e Attrezzi

Consigli per un'ottima preparazione della malta

Quando dobbiamo fare dei lavori in cui è necessario utilizzare la malta, è fondamentale preparare adeguatamente la miscela di quest'ultima che tradizionalmente prevede l'uso di cemento, sabbia e acqua. Come tutti sanno, la malta serve per intonacare...
Materiali e Attrezzi

Come mescolare la calce in polvere

La calce è materiale usato maggiormente per realizzare gli intonaci, e negli ultimi anni è diventata più popolare perché è più ecologica del cemento. La calce può essere mescolata in due modi, ma entrambi richiedono una discreta quantità di tempo...
Materiali e Attrezzi

Come Ottenere L'Acqua Di Calce

Ci sarà sicuramente capitato, di aver bisogno di un particolare composto e generalmente in questi casi preferiamo acquistarlo in appositi negozi, già pronto per essere utilizzato. Una valida alternativa è quella di provare a prepararlo con le nostre...
Materiali e Attrezzi

Come usare la vernice a calce

In questa breve guida, come avrete sicuramente già capito dal titolo, vi spiegherò, passo dopo passo, come usare nel modo migliore, più veloce, pratico e sicuro possibile, la vernice che normalmente utilizziamo, come quella a calce, in quanto è quella...
Materiali e Attrezzi

Come preparare la malta

La malta è il legante che permette oggi di fare praticamente quasi tutte le costruzioni esistenti: nasce a inizio 900 e il primo fautore ad avere particolare riconoscimento fu l'architetto Le Corbusier, che la unì insieme al ferro, realizzando il calcestruzzo...
Materiali e Attrezzi

Come fare la malta di gesso

In questa breve guida viene spiegato passo passo come fare la malta di gesso, un composto ideale per chiudere fori di grandezza ridotta, per ottenere un calco di una forma per modanatura, per lavori di rifinitura, ritocchi su intonaci o in tutti quei...
Materiali e Attrezzi

Come intonacare un muro in cemento armato

Per intonacare in modo corretto un muro di cemento armato è necessaria un buona preparazione di questo ultimo, sia se si tratta di intonaco civile, sia se si tratta di intonaco rustico. Per prima cosa è necessario sapere cosa è l'intonaco e come è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.