Come fare la messa a dimora delle rose

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La messa a dimora delle rose è un'operazione che va effettuata, di regola, nel periodo che va da aprile a ottobre. È fondamentale scegliere una giornata in cui il tempo è buono, considerando che è sconsigliato fare il tutto quando piove.
In questo articolo, passo dopo passo, ti darò tutte le indicazioni utili su come fare al meglio la messa a dimora delle rose.

27

Occorrente

  • Piante di rose
37

La dimora delle rose

Prima di tutto accertati che il terreno sia ben rassodato e che tu lo abbia concimato in un periodo precedente. Scava quindi al centro del terreno stesso, una buca che possa misurare circa quarantacinque centimetri di larghezza e più o meno trenta di profondità. Dopo che avrai realizzato la buca in questione, provvedi a sistemarci le radici della pianta. A questo punto allarga queste ultime il più possibile e comunque in base allo spazio disponibile. Successivamente ricoprile con della terra, la quale deve essere a grana sottile; dopodiché aggiungi un po' di torba e di farina di ossa. Eseguito il tutto, rassoda la terra con le mani, in questo modo eviterai che si formino delle sacche d'aria al di sotto delle radici. Ora provvedi a coprire le radici con ulteriore terra e poi calpestala leggermente con i piedi. Metti poi la terra che ti è rimasta e premila con forza per fare in modo che diventi compatta e al tempo stesso omogenea.

47

La distanza fra le rose

Per quello che riguarda gli arbusti di rose, dovrai piantarli a una distanza minima di un metro l'uno dall'altro. Tieni presente che in questo caso la distanza varia in base alla robustezza degli arbusti stessi, quindi, più sono robusti i rosai e più dovrai metterli distanti l'uno dall'altro.

Continua la lettura
57

Dimora delle rose in un'aiuola

Qualora tu abbia scelto di mettere a dimora le rose in un'aiuola, dovrai prima di tutto concimare bene la terra, visto che quest'ultima, avendo ospitato in precedenza un'altra pianta, è piuttosto carente di elementi nutritivi.
Togli, dunque, la vecchia terra nella quantità necessaria, poi frantuma il suolo, aggiungi del concime e ricoprilo con uno strato coltivabile fresco.

67

Conclusione

Dopo aver fatto il tutto, potrai constatare che il punto in cui si uniscono la marza e il portainnesto si trova al di sotto della superficie del terreno.
Se si tratta di mettere a dimora quelle classiche, devi tenere presente il fatto che vanno piantate a una distanza minima di circa mezzo metro l'una dall'altra.
Nel caso in cui tu abbia optato per mettere a dimora quelle che sono chiamate le rose rampicanti, dovrai piantarle a una distanza minima di due metri l'una dall'altra e detta distanza, comunque, non deve superare i quattro metri, ed è variabile in base alle caratteristiche delle rose rampicanti.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mettere a dimora in luoghi soleggiati e aerati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

10 consigli per mettere a dimora la lavanda

Amate le atmosfere della Provenza francese, con quei meravigliosi campi di color violetto pieni di lavanda in fiore? La lavanda è una delle vostre piante preferite e vorreste tanto avere una parte del giardino che emani celestiali profumi? Sappiate allora...
Giardinaggio

Come mettere a dimora le ortensie

Il pollice verde è un attitudine che si rende necessaria soprattutto nel mettere a dimora piante molto particolari, che richiedono una conoscenza approfondita del giardinaggio, come le ortensie.Sono delle piante ornamentali molto apprezzate e indicate...
Giardinaggio

Come coltivare le rose rampicanti

Il modo migliore per abbellire giardini, balconi o terrazzi è coltivare delle piante di rose rampicanti. La particolarità di questo tipo di rose è di "arrampicarsi" a dei sostegni creando un gradevole effetto ornamentale. Originarie dell'emisfero boreale,...
Giardinaggio

Come mettere a dimora i bulbi

Se intendiamo addobbare il giardino o il balcone della nostra casa con fiori belli e colorati come ad esempio il narciso, il giacinto o le fresie, trattandosi in tutti i casi di piante bulbose, ci sono alcune regole ben precise da seguire, per cui nei...
Giardinaggio

Come avere delle rose stupende in giardino

Le rose sono arbusti molto resistenti, in grado di vivere molti anni, capaci di superare lunghe estati come i più rigidi inverni. Con le loro magnifiche esplosioni di colori annuali e profumatissime sfumature decorano e abbelliscono i giardini delle...
Giardinaggio

Come effettuare la semina a dimora

Questa guida fa al caso di chi voglia effettuare la semina a dimora nel proprio giardino o terreno. Seguendo ogni passo di questa guida riusciremo ad effettuare la semina a dimora senza grandi difficoltà, in modo semplice e veloce. La buona riuscita...
Giardinaggio

Come coltivare le rose selvatiche

Le rose selvatiche tendono a portare i propri pensieri verso i tempi medievali di cavalieri, re, regine, principi e principesse, poiché molti di questi personaggi sono strettamente collegati a questa tipologia di rose. Il termine botanico è "Specie...
Giardinaggio

Come usare le rose tappezzanti

Chi di voi conosce le rose tappezzanti? Non molti probabilmente. Si tratta infatti di una varietà di rosa recente. Ma vi assicuriamo che, una volta che l'avrete scoperta, la adorerete! Queste rose infatti sono molto scenografiche. Le rose tappezzanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.