Come fare la poltiglia bordolese

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I vostri alberi sono ormai spogli del loro fogliame? È il momento giusto per realizzare le poltiglia bordolese dai vostri alberi da frutto. Questo è un rimedio antichissimo che prende origine dalla nome della città france Bordeaux. La sua funzione principale è quella di preservare le piante dalle malattie crittogamiche (funghi). La poltiglia bordolese è disponibile già pronta in commercio, ma la sua semplice preparazione, permette di realizzarla in casa. In questa guida, infatti, vi fornirò tutte le informazioni su come fare la miscela di solfato di rame e idrato di calce in casa.

27

Occorrente

  • recipiente di plastica
  • 100 lt di acqua
  • 1 kg di solfato di rame
  • 800 gr di idrossido di calcio
37

Innanzitutto, la scelta dell'unione di questi due elementi, sta nei loro principi base. Il solfato di rame, da solo, risulterebbe troppo aggressivo, essendo un sale ricco di acidi, ecco quindi il bisogno di sommarlo all'idrato di calce. La calce, oltre a mitizzare l'acidità del solfato, permette di prolungare l'azione pesticida. Naturalmente, come in ogni composto, la percentuale maggiore di uno o dell'altro componente, ne modifica le caratteristiche. Infatti, se mettete maggiore percentuale di solfato, il composto risulterà più aggressivo e la sua durata sarà relativamente inferiore; se a prevalere è la calce, l'azione pesticida verrà leggermente limitata, a favore della sua durata nel tempo.

47

Inoltre, vi ricordo che la miscela va realizzata al momento dell'uso, per non perderne di efficacia, quindi aspettate che l'albero si sia denudato del suo fogliame, prima di procedere alla preparazione. Evitate di eccedere con i quantitativi, perché l'abuso di poltiglia bordolese indebolisce l'albero, rendendolo più sensibile alle aggressioni esterne. Partite versando in un recipiente di plastica, novanta litri di acqua, ai quali addizioneremo un chilo di solfato di rame. Mescolate finché le due parti non risultino perfettamente unite, ovvero, l’acqua assumerà una colorazione di un azzurro omogeneo.

Continua la lettura
57

Successivamente, mettete da parte il primo liquido, e in un altro contenitore, versate altri dieci litri d’acqua, ai quali addizionerete circa ottocento grammi di idrossido di calcio; mescolate anche questo composto fino a completo scioglimento. Attrezzatevi di un ulteriore contenitore abbastanza capiente ed unite le due parti e mescolate delicatamente. Risulta importante anche l'utilizzo del trattamento. La soluzione neutro di poltiglia bordolese va applicata in modo uniforme, vaporizzandola dal basso verso l'alto e senza innaffiare la pianta, per poter ricoprire tutti i focolai d'infezione. L'uso di una mascherina è consigliato.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Malattie fungine: come combatterle con i rimedi naturali

Le malattie fungine, che possono colpire le piante che coltiviamo, sono innumerevoli e proliferano indipendentemente dalle nostre accortezze e capacità di giardinieri. Nostro è però il compito d'individuarle tempestivamente, al fine di debellarle nel...
Giardinaggio

Come coltivare la scabiosa del Caucaso

La Scabiosa Caucasica è una pianta perenne originaria del Caucaso, può arrivare a crescere fino a 60 centimetri e ha dei grandi fiori di un colore blu profondo; mentre la crescita del fogliame è piuttosto scarsa. Si tratta, tutto sommato, di una specie...
Giardinaggio

Come Proteggere Gli Alberi Da Frutto Dal Freddo Invernale

È inutile fare finta di niente e lasciarsi sedurre dalle ultime tiepide, seppure piovose, giornate di novembre: il freddo è alle porte. O meglio è al cancelletto del nostro orto e prima di farlo entrare dobbiamo prendere alcune precauzioni per proteggere...
Giardinaggio

Peronospera: come eliminarla

La natura e le piante offrono sempre uno splendido spettacolo e sono il modo migliore per decorare la propria abitazione. Ma richiedono molta attenzione e cura a causa di funghi e parassiti che spesso si depositano sulle foglie. La peronospera è una...
Giardinaggio

Giardinaggio: i lavori di marzo in giardino

Marzo è un mese importante e pregno di impegni per chi ha l'hobby del giardinaggio. I lavori da fare in giardino, in serra fredda e nell'orto, sono davvero tanti. È necessario quindi andare con ordine e organizzarsi per tempo per non arrivare impreparati...
Giardinaggio

Come Riconoscere E Curare La Carie Del Legno

La carie del legno è un processo di disgregazione dei tessuti legnosi che interessa le piante arboree, ornamentali e forestali, soprattutto quando raggiungono una certa età. Si tratta di una patologia estremamente pericolosa, in quanto non si rende...
Giardinaggio

Come combattere la peronospora

Se abbiamo un orto, può capitare che alcune foglie degli ortaggi presentino delle macchie bianche diffuse. Evidentemente la pianta è stata colpita dalla peronospora, una grave malattia funginea che volendo si può curare. In questa guida a tale proposito,...
Giardinaggio

Come potare i cespugli di ribes rosso, ribes bianco e uva spina

I ribes sono bacche succose e profumate, ma dal sapore acidulo, ottime per le confetture. La potatura dell' arbusto è simile per tutte e tre le piante e se viene fatta correttamente possiamo ottenere una piena produzione già dal terzo anno e per questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.