Come fare la regolare manutenzione ad una caldaia in Piemonte

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Regione Piemonte, con apposita Delibera della Giunta Regionale n. 35-9702 del 2008 ha recepito le disposizioni attuative della Legge regionale n. 13 del 2007 circa le "Disposizioni in materia di rendimento energetico nell'edilizia" per incentivare il risparmio energetico e la corretta gestione degli impianti termici. In termini attuativi, a decorrere dal 15 ottobre 2009, la Regione Piemonte ha reso obbligatorio il sistema di autocertificazione degli impianti termici denominato "bollino verde" e la trasmissione in formato elettronico dei risultati dei controlli alla Provincia competente. In questa guida vedremo come fare la regolare manutenzione a norma di legge di una caldaia in Piemonte.

26

Occorrente

  • impianto di riscaldamento
36

Specificato che il controllo periodico è responsabilità del proprietario, del locatore o di una figura incaricata (ad es. Amministratore per impianti centralizzati), occorre sottolineare che gli obblighi di trasmissione sono a carico del manutentore abilitato al rilascio del bollino verde che, come specificato, deve inviare all'ufficio preposto dalla Provincia la copia del rapporto. Tecnicamente il bollino verde va apposto obbligatoriamente dal manutentore con la seguente frequenza:
- ogni 4 anni per impianti di potenza inferiore ai 35 kw;- ogni 2 anni per impianti di potenza uguale o superiore ai 35 kw.
Gli impianti di installazione successiva alla data spartiacque del 15 ottobre 2009 sono da ritenersi provvisti di bollini.

46

Applicare il bollino verde ed affidarsi ad una delle aziende presenti nell'elenco regionale delle imprese abilitate è onere del cittadino sottoposto a sanzione. La Provincia, con la collaborazione dell'ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente), esegue infatti numerose ispezioni a campione ed in caso di mancata ottemperanza procede con sanzione amministrativa da euro 500,00 a euro 3.000,00 nei confronti del responsabile inadempiente che non esegue le operazioni di controllo, e con sanzione amministrativa da euro 100,00 ad euro 600,00 in caso di mancata adempimento alla procedura del bollino verde.

Continua la lettura
56

Infine in termini attuativi la normativa prevede l'istituzione di un elenco regionale delle imprese abilitate al rilascio del bollino verde. Le imprese inserite nell'elenco, oltre a garantire un alto livello di professionalità riconosciuto, devono procedere alla compilazione ed alla trasmissione in formato elettronico dei controlli eseguiti. Nel dettaglio, a partire dal 15 ottobre 2009 al termine della verifica del rendimento di combustione (la cosiddetta"prova fumi") il manutentore è tenuto a compilare il libretto di manutenzione, ad apporvi l'etichetta che identifica in modo univoco l'impianto e ad emettere il "bollino verde".

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • eseguire controlli periodici
  • esporre bollino

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

10 regole per la corretta manutenzione della caldaia

Quando il primo freddo inizia a farsi sentire, occorre già aver predisposto tutti gli strumenti necessari per garantirsi in casa il giusto grado di comfort termico. Quando dunque si rende necessaria l'accensione di una caldaia, occorre sempre che questo...
Casa

Come fare la manutenzione della caldaia

La caldaia è un apparecchio che consente di convertire l'energia proveniente dai combustibili in calore. Tramite un circuito ad acqua o ad aria, il calore viene poi distribuito nei vari ambienti ed anche nell'acqua dell'impianto sanitario. Esistono tre...
Casa

Come fare la taratura del minimo della caldaia

Per garantire sempre un perfetto riscaldamento e acqua calda alla vostra casa, è fondamentale eseguire le manutenzioni dell'impianto. Vi servirà a tenere sempre in forma la vostra caldaia e aiutarvi nel gestire le spese ad essa collegate, a volte diminuendo...
Casa

Come abbassare la pressione della caldaia

Come si può facilmente intuire, uno degli elementi maggiormente importanti per il corretto funzionamento della caldaia, è la sua pressione: se quest'ultima risulta più bassa del dovuto oppure troppo alta, può causare una serie di importanti malfunzionamenti,...
Casa

Come aumentare la temperatura della caldaia

Tutte le abitazioni generalmente dispongono di una caldaia che serve a riscaldare la casa e a rendere l'acqua calda. Tuttavia a volte essa può danneggiarsi e diminuire la temperatura. Prima di rivolgersi ad un tecnico specializzato bisogna però sapere...
Casa

Come mantenere la giusta pressione dell'acqua nella caldaia

La guida che andremo a sviluppare nei passi che seguiranno, che per la precisione saranno tre, si occuperà di manutenzione. L'oggetto della nostra guida sarà la caldaia, in quanto, come avrete già potuto comprendere attraverso la lettura del titolo...
Casa

Come cambiare i sali alla caldaia

Il calcare può andare a compromettere il corretto funzionamento di una caldaia, in conseguenza di ciò cambiare i sali anti calcare che si trovano nel filtro generalmente collocato sotto la caldaia è semplice, e tale procedura richiede anche poco tempo,...
Casa

Come Sostituire La Vecchia Termocoppia Della Caldaia

La maggior parte dei forni a gas utilizza un sensore di fiamma o una termocoppia (spesso denominata "accoppiatore termico"); entrambi sono dispositivi di sicurezza che rilevano la presenza di una fiamma e controllano il flusso di gas all'apparecchio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.