Come fare l'ibridazione delle rose

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le rose sono da sempre tra i fiori più amati soprattutto per il loro colore che stupisce chi le riceve. Tuttavia è importante sapere che questo fiore si presta per alcune particolari trasformazioni che lo rendono ibrido. Per eseguire al meglio questa tecnica è però necessario adottare delle tecniche di giardinaggio ben precise, per cui nei passi successivi troviamo le istruzioni su come fare l'ibridazione delle rose.

25

Occorrente

  • Piante di rose
  • Forbici affilate
  • Sacchetto di plastica
  • Vasetti
  • Pennello
  • Terriccio
  • Bicchiere di plastica
35

Le rose opportunamente trasformate possono diventare ibride, quindi è possibile ottenere nuove specie con particolari profumi e dei colori originali ed insoliti per questo fiore. Creando un ibrido inoltre, potrete tentare di sviluppare piante più robuste e resistenti sia ai parassiti che alle malattie. Ad esempio, se avete in giardino una varietà di rose con fiori perfetti e un'altra con un odore inebriante, l'incrocio tra le due rose vi regalerà un ibrido che racchiuderà entrambe le caratteristiche.

45

Per prima cosa scegliete le due rose su cui eseguire l'ibridazione. Il secondo passo consiste nel togliere delicatamente i petali da uno dei fiori di ciascuna rosa. Coprite con un sacchetto l'ovario della rosa femmina e legatelo senza stringerlo troppo. A questo punto chiudete il sacchetto con un laccetto posto alla base, in modo che il vento non ne disperda il polline. Tagliate quindi il fiore maschio e raccogliete gli stami e il polline in un bicchierino di plastica, staccando poi i pistilli con le dita oppure aiutandovi con una pinzetta per le ciglia. Lasciate il contenitore in casa aperto per una notte. Rimuovete il sacchetto dal fiore femmina e ponete al centro della busta il polline, prelevandolo dal bicchiere con un pennellino. Fatto ciò, rimettete il sacchetto di plastica come prima, coprite la rosa e bloccate la copertura. Se l'ibridazione ha avuto successo, l'ovario inizierà a ingrossarsi e si trasformerà nella bacca contenente i semi vitali.

Continua la lettura
55

Per aumentare le probabilità di successo dell'operazione, utilizzate più fiori e invertite anche il rapporto parentale, fecondando col polline della seconda pianta alcuni fiori della prima. Nel periodo autunnale è importante raccogliere i semi diventati ormai maturi, prima che cadano a terra e vengano mangiati dagli uccelli. Fatto ciò riponeteli in dei vasetti con del terriccio di tipo sterile per farli germinare e teneteli in un luogo asciutto per almeno un mese e mezzo. Trascorso tale tempo quando spunteranno le prime piantine e saranno belle forti, potete travasarle in dei contenitori più grandi oppure nel rosaio appositamente allestito nel vostro giardino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Errori da evitare nella potatura delle rose

Le rose sono, senza dubbio, i fiori più belli da coltivare per decorare con eleganza e raffinatezza romantica il proprio giardino, balcone o terrazzo. La bellezza delle rose, però, si accompagna alla necessità di cure costanti, regolari ed attente....
Giardinaggio

Come scegliere le Rose da bordura

È difficile battere l'esuberante bellezza delle bordure di rose. La loro fragranza e la continua fioritura, le rende superiori ai fiori che vanno e vengono con l'alternarsi delle stagioni. La vostra bordura di rose può essere costituita da rose di un...
Giardinaggio

Come piantare le rose rampicanti

Chi non ama le rose? Nessuno credo. È il fiore più celebrato in letteratura e fra i più ricercati quando si deve fare un omaggio floreale. Le rose più utilizzate per adornare terrazze e giardini sono le rose rampicanti. La caratteristica principale...
Giardinaggio

Come eliminare parassiti e funghi dalle rose

Le rose sono uno dei fiori più amati da tutti noi. Quando fioriscono, riempiono l'aria di meravigliosi profumi. Sono bellissime anche alla vista e donano allo sguardo un'esplosione di colori. Coltivare rose è il sogno di chiunque abbia un giardino....
Giardinaggio

5 errori da evitare nel coltivare le rose

Le rose sono fiori belli per portamento e ricercate per il loro intenso profumo. Ne esistono di varie specie e sono facili da coltivare. Le loro piante si possono tenere in giardino. Oppure si possono sistemare in vasi nei terrazzi e balconi. Le rose...
Giardinaggio

Come piantare i cespugli di rose

I cespugli di rose di solito si vedono nei giardini e nei grandi viali. Queste vengono piantate per creare delle bellissime siepi profumate. Una volta collocate sono facili da coltivare e hanno bisogno di attenzione. Pertanto la regola fondamentale è...
Giardinaggio

Come piantare le rose in vaso

Le rose sono tra i fiori più comuni coltivati ovunque. Sono molto apprezzati per la propria bellezza, celebri nella letteratura e nei modi di dire e abitudini delle persone. In Italia vi sono tanti tipi di rose, e la più comune è la cosiddetta rosa...
Giardinaggio

Come coltivare le rose rampicanti

Il modo migliore per abbellire giardini, balconi o terrazzi è coltivare delle piante di rose rampicanti. La particolarità di questo tipo di rose è di "arrampicarsi" a dei sostegni creando un gradevole effetto ornamentale. Originarie dell'emisfero boreale,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.