Come fare lo slime senza il borace

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Lo slime era un giochino per bambini, commercializzato sin dagli anni 70. Si trattava di un liquido viscido, in grado di colare ma, allo stesso tempo, di attaccarsi alle superfici. Si poteva acquistare in tutti i negozi di giocattoli, ma destò particolare stupore il fatto che veniva prodotto con borace, una sostanza non propriamente salutare se ingerita. Inoltre molto spesso lasciava degli aloni nelle superfici sulle quali viene attaccato: per questo è molto più semplice realizzarlo in casa con prodotti naturali, al fine di non precludere il divertimento del bimbo mediante l'uso di materiale modellabile. Lungo questa guida vedremo come fare lo slime senza il borace.

27

Occorrente

  • 250 ml d'acqua
  • Tre pentole di piccole dimensioni
  • 4 gocce di colorante verde
  • 140 gr di amido di mais
37

Il primo passo è quello di versare 350 ml d'acqua in una pentola. Mettete il pentolino su un fornello e fate scaldare il contenuto senza raggiungere l'ebollizione. In caso contrario, dovrete attendere che l'acqua si raffreddi sino a raggiungere una temperatura ideale per poter immergere le mani e dare via alla lavorazione dello slime come verrà descritto al passo successivo. Prima di passare alla lavorazione, utilizzate un altro pentolino di piccole dimensioni, versate dell'acqua calda al suo interno ed aggiungete qualche goccia di colorante. Per dar vita al classico slime, come quello commercializzato negli anni 70, usate il colorante verde. In alternativa potete decidere voi quello da utilizzare, purché sia fluorescente.

47

Prendete dell'amido di mais e mettetene da parte una quantità pari 140 grammi. Utilizzate un altro pentolino e versate il mais al suo interno; unite al mais l'acqua scaldata come illustrato al punto uno della guida, ed aiutatevi con le mani per ottenere un impasto denso. Se notate che l'impasto è troppo liquido aggiungete dell'altro mais; se invece risulta troppo denso, regolate la consistenza con un altro po' d'acqua tiepida. Raggiungerete la consistenza ottimale quando riuscirete ad affondare le mani nello slime senza sentirvele bagnate.

Continua la lettura
57

Per rendere lo slime più accattivante ed ancor più disgustoso, utilizzate vermicelli di gomma, qualche insetto finto o qualsiasi altra cosa possa possa aggiungere un po' di brivido. Il gioco in questione non è da destinarsi ai soli bimbi con la passione dell'horror, ma si può utilizzare anche per una serata di halloween o per un party. Una volta terminato con tutti i passaggi della guida, non resta che versare lo slime all'interno di un sacchetto da freezer o in un contenitore ermetico per conservarlo a lungo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non riutilizzate lo slime troppe volte; è preferibile rifarlo di volta in volta.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come trattare il legno di mogano con la borace

Quanti di noi sono rimasti affascinati dalla bellezza del legno di mogano, la sua lucidità e compattezza fanno di questo legno un vero e proprio alleato per chi lo sceglie. Tuttavia, nonostante il suo valore dato dalla sua infinita resistenza, anche...
Materiali e Attrezzi

Guida ai tessuti ignifughi

Con questa guida ci occuperemo di tessuti ignifughi. Questo tipo di tessuto è prodotto artificialmente, con materiali che non sono reperibili in natura. È consigliato quindi tenersi sempre aggiornati sui tessuti in questione, dal momento che essendo...
Materiali e Attrezzi

Bambù: consigli utili per la conservazione

Il bambù, imponente esemplare vegetale originario delle regioni asiatiche, è costituito da fibre malleabili e piuttosto resistenti che rendono le canne un materiale ideale per la costruzione di manufatti, recinzioni ed elaborati destinati all'arredamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.