Come fare un abito con taglio a kimono

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il kimono è un abito tradizionale giapponese e anche il costume nazionale. Inizialmente con kimono si indicavano tutti i tipi di abito, fino a quando venne utilizzato solo per indicare il tipico abito lungo a forma di T che oggi conosciamo tutti come il kimono tradizionale. L'indumento si compone di diversi rettangoli di stoffa colorata e di varie dimensioni. Crearlo da zero non implica grandi sforzi ma solo un po' di precisione nelle cuciture; oltre ovviamente ad avere gli strumenti adatti a realizzarlo (cartamodello, ago, filo, macchina da cucire). Di seguito vedremo come fare un abito con taglio a kimono.

25

Occorrente

  • Stoffa di seta
  • Cartamodello
  • Ago e filo
  • Macchina da cucire
  • Fiocco
35

Per prima cosa bisognerà scegliere la stoffa adatta, solitamente la seta. Si possono preferire tessuti a tinta unita o a fantasia. Successivamente bisogna, metro alla mano, prendersi le misure partendo dalla parte posteriore del collo, passando poi al busto, alla vita e ai fianchi per poi finire ai piedi.

45

In questo nodo otteniamo una serie di barre verticali di stoffa che in base alla misura rilevata, maggioriamo di un paio di centimetri di larghezza, poiché bisogna cucirle tra loro accavallandone un buon quantitativo. Le cuciture dovranno essere eseguite a macchina perché necessitano di precisione. Le strisce di stoffa vanno cucite a coppia, per cui si prendono due strisce per il busto, due per la vita ed infine due per i fianchi. Completato il kimono sia davanti che dietro, passiamo alla realizzazione delle maniche. Per un taglio più comodo della stoffa, bisogna far piegare il gomito alla persona che ci fa da modella, tenendo conto che la larghezza di un kimono standard si aggira intorno ai 60 centimetri. Per realizzarle sono necessarie due strisce di stoffa della medesima misura che vanno cucite tra loro, ottenendo un'unica manica cilindrica. Dopo la realizzazione delle maniche del kimono, procediamo con l'imbastitura in prossimità delle spalle, ed in modo perfettamente equilibrato perché il kimono nella parte superiore, deve avere la classica forma della lettera "T".

Continua la lettura
55

A questo punto la realizzazione del kimono è quasi terminata; bisognerà solamente ricavare il fiocco da un altro pezzo di stoffa (stessa qualità ma colore diverso). Ad esempio se l'abito è blu, il fiocco dovrà essere giallo; nei tessuti fantasia il richiamo deve invece avere almeno uno dei colori rappresentati. Per la sua realizzazione occorre della stoffa di 2 metri di lunghezza e larga 15 centimetri, ed una volta rifinita, va applicata intorno al busto, bloccata ai due lati, ed infine quando si indossa, va fatto il classico fiocco a farfalla. Ora saprete come fare un abito con taglio a kimono. Liberate la vostra fantasia orientale e il gioco è fatto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come creare un kimono con la carta: origami

Il kimono è un capo d'abbigliamento tradizionale Giapponese che generalmente viene indossato sia da uomini che da donne. Tuttavia, quello delle donne prevede delle stoffe molto raffinate e con fantasie veramente originali, mentre il kimono per uomo solitamente...
Bricolage

Come piegare un tovagliolo a kimono

Avete intenzione di organizzare una allegra cena tra amici o con la vostra famiglia e volete decorare da voi la vostra tavola con decorazioni originali e simpatiche senza dover per forza spendere un patrimonio o rivolgervi a un professionista? Niente...
Bricolage

Come fare bambole giapponesi di carta

Le bambole di carta fanno parte della cultura tradizionale giapponese fin dal 1500. Usate inizialmente come giocattoli per i bambini ed in seguito come oggetti decorativi, queste bambole vengono create per rappresentare le persone di tutti i ceti sociali,...
Bricolage

Come realizzare bambole giapponesi di carta

Le bambole di carta sono una parte della cultura giapponese da più di 500 anni. Inizialmente venivano usate come giocattoli per i bambini, mentre in seguito si sono trasformate in veri e propri oggetti decorativi. Queste bambole vengono realizzate per...
Cucito

Come realizzare un costume da geisha per Carnevale

Questa guida è pensata per coloro che amano sfoggiare un costume di carnevale elegante e molto femminile. Chiaramente realizzarlo interamente con le vostre mani lo renderà unico e vi darà molta soddisfazione. Un costume da geisha, ricco di colore e...
Altri Hobby

Come realizzare una Kokeshi

Le Kokeshi sono delle bambole che appartengono alla tradizione cinese, che di solito sono realizzate a mano, in legno, con una bastone lungo e cilindrico come corpo, una sfera come testa che è decorata con la pittura per delineare i caratteri del corpo....
Cucito

Come realizzare uno scavaglio ai ferri

Molto spesso, acquistare un particolare capo di abbigliamento già confezionato presso un negozio, può diventare veramente un'impresa, perché difficilmente riusciamo a trovare il vestito che stavamo cercando oppure il suo costo può risultare molto...
Cucito

Come fare una vestaglia di chiffon

Lo chiffon è una stoffa molto leggera e soffice, simile alla seta. È prodotta con filati leggermente crespati e resistenti, adatti ad abiti da sposa, camicette, tuniche eccetera. In questa guida vi verrà spiegato come fare una semplicissima, ma elegante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.