Come fare un bonsai in stile ishizuki

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La tecnica del bonsai, pur essendo tipicamente orientale, è molto diffusa, conosciuta e praticata anche in occidente. Consiste nel lavorare le piante in modo tale che restino sempre di dimensioni ridotte, pur conservando le caratteristiche di una pianta adulta. Non tutti forse conoscono una particolare declinazione della tecnica che si chiama ishizuki, e consiste nell'usare, oltre alle piante, anche delle rocce. Diamo ora inizio a questa guida su come fare un bonsai in stile ishizuki.

26

Occorrente

  • una piantina (azalea, acero, gelsomino o altro)
  • una roccia con scanalature e concavità
  • un contenitore lungo e basso
  • piombini da pescatore
  • argilla e torba
  • filo metallico morbido
36

L'ishizuki potrebbe definirsi un po' una tecnica paesaggistica, perché mira a creare un paesaggio sofferto, in cui le piante appaiono abbarbicate alle rocce. Per realizzarla, si possono usare specie vegetali altrimenti poco adatte al bonsai. Quindi la prima operazione da compiere consiste nell'acquisto di una piantina: ad esempio si potrebbero prediligere piantine di azalea, acero, gelsomino, cotogno, o anche cipresso. Ci si deve poi procurare un contenitore lungo e basso, ed una roccia che presenti molte fessure e scanalature. La roccia deve essere compatta e possibilmente porosa. La piantina deve essere giovane, e dobbiamo farla crescere per un certo periodo di tempo in un contenitore alto e stretto.

46

Questo servirà a far sì che la pianta sviluppi soprattutto l'apparato radicale. Si passa allora alla realizzazione del bonsai ishizuki, decidendo il modo in cui posizionare l'albero sulla roccia. In questa operazione è importante cercare di ottenere un effetto quanto più possibile naturale. Dopo aver liberato le radici dalla terra, facendo ben attenzione a non danneggiarle, le si deve allacciare alla roccia usando del filo metallico morbido e dei piombini da pescatore. Per rendere il tutto più stabile, si deve creare un impasto di argilla e torba e usarlo per riempire le fessure in cui sono inserite le radici.

Continua la lettura
56

Per rendere l'insieme ancora più compatto, roccia e radici vanno completamente ricoperte con uno strato di fango, e le estremità delle radici che scendono sotto la roccia devono essere accuratamente rivestite di terra. Solo dopoche sia trascorso un anno, le radici possono venire ripulite dalla torba e dall'argilla. La tecnica infatti richiede molto tempo e molta pazienza affinché la pianta radichi nella roccia, e riprenda dunque a crescere. Ora non resta che prendersi cura del bonsai secondo la tecnica tradizionale, usando tutte le accortezze e le procedure richieste. Siamo ormai giunti al termine di questa guida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Modellare Un Bonsai

Quella per i bonsai è una passione antichissima che ci è stata trasmessa dall'Oriente, precisamente dal Giappone, dove cresce la maggior parte di questi alberelli. Le tecniche di potatura e di modellatura dei bonsai sono tante e differiscono a seconda...
Giardinaggio

Il bonsai olmo: come curarlo

L'olmo è una delle piante maggiormente impiegate per ottenere bellissimi bonsai. Si tratta infatti di una specie resistente, di stile eretto, a legno duro, provvista di piccole foglie disposte a cespuglio che arrivano a formare imponenti chiome globose....
Giardinaggio

10 piante ideali per ricavare un bonsai

I bonsai solo dei piccoli alberi in miniatura che vivono in vasi di dimensioni ridotte proprio per mantenere al minimo la crescita di questo tipo di pianta. I bonsai sono delle vere e proprie opere d'arte in miniatura, e sono dotati di un'eleganza e di...
Giardinaggio

Come curare il vostro bonsai

L’arte del bonsai ha origini antichissime; essa si diffonde a partire dalla dinastia Tang (618/906). Il termine è di derivazione giapponese, ma la tecnica è originaria della Cina. Per facilitare la cura dei bonsai i maestri giapponesi hanno stabilito...
Giardinaggio

Come creare un bonsai

L'arte orientale del bonsai è sempre più apprezzata in tutti i Paesi occidentali. Oggi i centri di giardinaggio vendono alberi già pronti, foggiati nelle forme tradizionali, destinati nella maggioranza dei casi a non crescere oltre l'altezza del ginocchio....
Giardinaggio

Cosa fare se il bonsai perde le foglie

Se a casa abbiamo un bonsai e notiamo che esso perde foglie, ciò, può essere dovuto a diverse cause. Quelli a foglie caduche, perdono normalmente le foglie quando il clima è più fresco, ad iniziare dall'autunno. Se invece possediamo un bonsai sempreverde,...
Giardinaggio

Come potare un bonsai

Se desideriamo avere uno o più bonsai in casa, la cosa più importante che c'è da sapere è il fondamentale ruolo che ricopre la potatura. I bonsai sono dei mini alberi che vanno curati costantemente nel tempo e per fargli assumere la forma che vogliamo...
Giardinaggio

Come cominciare a coltivare i bonsai

"Bonsai", noi occidentali lo interpretiamo in due modi. Il bonsai, o meglio, quel bell'alberello che vediamo nei negozi. Quello piccolino, di cui vendono anche tanti manuali perché difficile da potare. Ma anche l'arte orientale di coltivare miniature...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.