Come fare un fermaporta a forma di tartaruga

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Spesso le porte delle nostre case sbattono continuamente per colpa del vento, o perché i nostri figli le sbattono continuamente. In commercio infatti vendono degli oggetti che servono proprio per minimizzare l'impatto tra l'uscio della porta e la porta stessa. I materiali non sono tra i migliori e nemmeno il prezzo, per questo è preferibile realizzare qualcosa di unico con le proprie mani. Scopriamo insieme come fare un fermaporta a forma di tartaruga.

26

Perché fare un fermaporta fai da te

Se vi chiedete il perché fare un fermaporta fai da te, I motivi sono banali. Prima di tutto perché si risparmia e si riciclano vecchi materiali da cucito inutilizzati, secondo perché fare qualcosa con le proprie mani è molto soddisfacente, rilassante e serve a sentirsi più liberi di realizzare le proprie idee. Inoltre, esso è un lavoro che è possibile realizzare con l'aiuto dei vostri figli che si divertiranno tantissimo a lavorare con voi per dare forma una bella tartaruga. I bambini amano fare questo genere di lavoretti e se hanno l'occasione, state tranquilli che non se la lasceranno sfuggire!

36

Realizzare la sagoma della tartaruga

In questo passo vi spiegherò come realizzare la tartaruga. Prima di tutto, occorre preparare una sorta di bozza o schizzo in un foglio, decidendo come dev'essere, per quanto riguarda i colori e le dimensioni. Quindi, vi consiglio di preparare una sagoma in cartone che vi possa servire come imput per iniziare. Se non siete bravi a disegnare, potete stamparla da internet o farvela disegnare da qualcun altro.

Continua la lettura
46

Cucire la tartaruga

Se il cucire non fa per voi non vi preoccupate: vi illustrerò in semplici passaggi come cucire la tartaruga. Innanzitutto, procuratevi della stoffa colorata di verde, marrone, bianco e nero. La stoffa dev'essere di un buon materiale per favorire la durata del vostro fermaporta nel tempo e per evitare la lacerazione del tessuto fin da subito. Quindi, posizionate la sagoma in cartone sotto la stoffa e comincerete a ritagliare le parti dietro e avanti del guscio, le gambe e infine la testa. Con l'aiuto di ago e filo di cotone iniziate a cucire la stoffa del guscio, lasciando scoperta una fessura dove inserirete la gomma piuma per dare volume, stabilità e morbidezza al vostro fermaporta.

56

Posizionare gli ultimi dettagli

Posizionare gli ultimi dettagli è sicuramente la parte più bella, proprio perché è quella conclusiva e il vostro sogno è quasi diventato realtà. In questa ultima fase, basterà cucire gli occhi alla testa e quindi la testa al guscio. Finalmente il lavoro è pronto per essere ammirato da tutta la famiglia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come fare un fermaporta a forma di fungo

Il fermaporta è un oggetto molto comune nelle abitazioni, molto apprezzato per la sua semplicità ed utilità, viene utilizzato sia per la sua principale funzione, sia per dare un tocco di stile all'abitazione nella quale viene utilizzato.Il classico...
Cucito

Come cucire un fermaporta a forma di maiale

Con l'arrivo delle giornate ventose è sempre bene tenere d'occhio la propria casa, in particolar modo perché potrebbe rivelarsi un'idea poco intelligente lasciare entrare troppo vento: pensate a quanta polvere e quanta umidità lascereste all'interno...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di albero di Natale

Il fermaporta è divenuto oramai un oggetto molto utile quando si tratta di proteggere le porte di casa dall'azione dannosa di giochi di corrente e spifferi provenienti dall'esterno. Ecco perché può diventare davvero utile e simpatico realizzare dei...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di pinguino

Quante volte a casa vostra sbattono le porte sia per colpa del vento e sia perché i vostri figli lo fanno apposta quando sono arrabbiati? Crederete che prima o poi la porta si rompa e che sia solo questione di tempo. Effettivamente è così, è per questo...
Cucito

Come cucire un fermaporta a forma di gallina

I fermaporta sono degli strumenti molto utili in casa per svariati motivi. Prima di tutto perché la proteggono dai vari spifferi e in secondo luogo perché donano un tocco di allegria all'ambiente delle vostre stanze. La loro funzione principale, però,...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di orso

Se per le porte della vostra casa ovvero quella d'ingresso e le altre che dividono le varie stanze avete bisogno di un fermaporta, potete costruirne uno a forma di orso, usando alcuni materiali di facile reperibilità ed avendo un minimo di dimestichezza...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di casetta

Quante volte a casa vostra sbattono le porte sia per colpa del vento e sia perché i vostri figli lo fanno apposta quando sono arrabbiati? Probabilmente prima o poi si romperanno, ma di sicuro non avrete intenzione di acquistare una nuova porta dato il...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di Befana

Se siete degli amanti del fai da te potreste pensare di realizzare qualcosa di grazioso e unico per addobbare la vostra casa durante il periodo natalizio. Uno degli oggetti senza dubbio più originali è un fermaporta in tema. I fermaporta sono molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.