Come fare un giardino inglese in 5 mosse

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se abbiamo un giardino abbastanza ampio ma siamo stanchi del design un po' spartano, ed intendiamo modificarlo rendendolo simile a quello del vicino, magari con un'impostazione stile inglese, è possibile farlo in modo semplice. A tale proposito ecco una lista, su come fare un giardino inglese in solo 5 mosse.

26

Stabilire il design

Un giardino all'inglese salta subito all'occhio, poiché si presenta in linea di massima con un design fatto di un prato che copre gran parte della superficie, piante disposte in modo adeguato e con un arredo semplice ma funzionale, che ne evidenzia l'eleganza. Una volta stabilito il design giusto, basta attenersi a delle determinate procedure che servono per ottimizzarne il risultato.

36

Rimuovere aiuole e piante

Per modificare l'impostazione del giardino e renderlo in stile inglese, bisogna rimuovere aiuole e piante, mettendo da parte queste ultime per poi sistemarle in un nuovo assetto. Se le aiuole sono corredate di una recinzione in muratura, bisogna quindi armarsi di piccone e scalpello, per eliminarla del tutto, in modo da spianare il suolo in base al progetto stabilito.

Continua la lettura
46

Preparare il suolo

Una volta liberato il giardino da tutto ciò che lo rappresentava prima dell'intervento di maquillage, possiamo dedicarci alla preparazione del letto. Si tratta di un'operazione che rappresenta il fulcro del progetto; infatti, con un buon quantitativo di terriccio, possibilmente nuovo del tutto o in aggiunta a quello preesistente, prepariamo il suolo per inserire il manto erboso che possiamo scegliere tra la semina (sconsigliata per i tempi di attesa), e i tappeti già pronti da acquistare in un vivaio (consigliati). Se dunque la scelta ricade su questi ultimi, non resta che procedere alla loro posa.

56

Aggiungere l'erba

I tappeti erbosi si vendono di diverse lunghezze e larghezze, e sono molto facili da posare sul suolo; infatti, dopo un'abbondante annaffiatura è sufficiente srotolarli gli uni accanto agli altri, compattarli con una vanga e poi alla fine procedere con un'altra irrigazione. Inoltre, bisogna attendere almeno una settimana, affinché le giunture si compattino tra loro e ci consentano di ottenere un tipico prato inglese verde, uniforme e raffinato.

66

Posizionare piante e fiori

Terminata la nuova impostazione del design, quindi con un giardino che ci appare come un'unica superficie verdeggiante, possiamo posizionare di nuovo piante e fiori, in base allo schema che ci siamo prefissati. Infatti, entrambe le sistemiamo a macchia di leopardo, realizzando una recinzione perimetrale del prato, con piante a foglie ai margini e i fiori subito davanti, in modo da creare il contrasto giusto di colori, tipico proprio di un giardino stile inglese, che tra le sue principali caratteristiche oltre alle giuste tonalità, richiede delle geometrie ben precise e lineari.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come trasformare il proprio giardino con semplici mosse

Avere un giardino, anche di piccole dimensioni e soprattutto in città, è una grande fortuna, ma a volte sembra difficile e costoso renderlo esteticamente invidiabile agli occhi dei vicini curiosi. In realtà, con poche mosse si può riuscire a trasformare...
Giardinaggio

Come realizzare una panca da giardino in poche mosse

Possedete un bel giardino e vi è venuta voglia di personalizzarlo creando con le vostre mani un elemento d'arredo che possa essere utile oltre che bello da vedere? Questa idea è vincente e voglio aiutarvi spiegandovi in modo molto facile come realizzare...
Giardinaggio

Consigli per realizzare un prato inglese

Un prato verde e rigoglioso, come quello inglese, in giardino non possiede solamente un valore estetico. Possiamo definire questo manto erboso il polmone verde della nostra casa: la nostra fonte di ossigeno. Nei mesi più caldi, inoltre, garantisce un...
Giardinaggio

8 mosse per costruire un supporto per rampicanti

Siete appassionati di fai da te e giardinaggio? Amate le piante rampicanti? Potrebbe farvi piacere farne crescere una sul vostro balcone o nel vostro giardino per dare un tocco in più alla vostra dimora. Ecco le 8 semplici mosse per costruire un supporto...
Giardinaggio

5 semplici mosse per piantare una siepe

La siepe è un bellissimo modo per recintare il nostro giardino o creare dei percorsi e delle divisioni in zone, se abbiamo a disposizione tanto spazio. Tuttavia molti di noi si scoraggiano, perché piantare una siepe sembra un'operazione difficile e...
Giardinaggio

Come avere un Giardino in un Vaso

Cosa fare se ci viene voglia di avere un giardino non avendo un terreno o di una spaziosa terrazza? Ognuno di noi, se ha la passione del giardinaggio, potrà metterla in pratica, poiché non ci sono limiti a ciò che si può ottenere anche nello spazio...
Giardinaggio

Come curare il prato inglese

Quando si ha un ampio giardino sarebbe il caso di piantare un bel prato inglese per poterne sfruttare appieno gli spazi. Quella del pollice verde è un'attitudine verso il mondo del giardinaggio che spesso purtroppo non sempre basta nella cura del verde...
Giardinaggio

Come fare bordure all'inglese

A chi non è mai capitato, girovagando qua e là per i parchi più belli della città e della penisola, di trovarsi dinanzi a quelli che tecnicamente vengono definiti "bordi all'inglese". Chiunque resterà sbalordito dinanzi a questa composta miscellanea...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.