Come fare un glowstick

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I glowstick, chiamati anche luce chimica sono dei cilindri in silicone oppure in altri tipi di materiali di plastica morbida che hanno una lunghezza che può variare da qualche centimetro fino ad oltrepassarne i trenta e si presentano con luce autonoma e fluorescente di vari colori. In questa guida vedremo Come fare un glowstick nei migliori dei modi in piccoli e semplici passaggi. Se vi sembra nel caso complicato, seguite i nostri passaggi seguenti e metteteci massimo impegno e massima serietà ragazzi e ragazze.

27

Occorrente

  • Triclorofenile 50 grammi; Dietilftalato 30 grammi; Solfuro di rame-zinco 15 grammi; Perossido di idrogeno 200 ml.; Polvere fluorescente q.b.; una siringa di plastica; un paio di guanti; una mascherina e una cannuccia.
37

Fate attenzione ad ogni singolo passaggio

Per la realizzazione occorrono alcuni componenti chimici non facili da reperire nei negozi, ma tuttavia è possibile acquistarli anche online. Se avete acquistato tutto il materiale, non vi resta altro che mettervi all'opera e creare questa fantasiosa invenzione, ma fate attenzione ad ogni singolo passaggio, perché nessun procedimento va sottovalutato e messo in secondo piano. Perché se solo salterete un passaggio, tutto ciò non verrà realizzato in maniera corretta e non avrà l'effetto che voi poi volevate.

47

Glowstick luminosi

L’operazione importante è quella di mescolare la sostanza chimica in alcuni solventi specifici, che provoca una reazione, grazie alla presenza del triclorofenile. Per rendere i propri Glowstick luminosi e di diversi colori, c’è bisogno anche di altri prodotti chimici. Se realizzerete l'effetto fluorescente, sarà ancora più bello e invidiato da tutti proprio per la sua particolarità luminosa. Fate si che tutto ciò lo vedano e lo notano bene i vostri amici e se nel caso vogliono realizzarlo anche loro, beh dategli una mano e utili consigli su come fare. L'effetto fluorescente è quello più gettonato proprio per il suo luminoso colore e l'effetto che poi vi darà in seguito e col tempo.

Continua la lettura
57

Mescolare insieme il solfuro di zinco e la resina epossidica

Tutto quello che occorre fare è mescolare insieme il solfuro di zinco e la resina epossidica, quindi utilizzare la siringa per poter iniettare il composto nel tubo tappandolo da ambo i lati con del sughero. Le polveri fluorescenti, sono disponibili di diversi colori e ciò consente di realizzare dei glowstick di diverse tonalità. Insomma realizzare un bellissimo e accurato glowstick sarà per tutti voi una meravigliosa esperienza e scoprirete quanto sia bello realizzarlo. Conoscere e realizzare cose nuove, non può che far piacere e rendervi onore ragazzi ed imparare nello stesso tempo un lavoretto mai eseguito finora nè a scuola e nemmeno a casa, anche per la felicità dei vostri familiari ed amici.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare attenzione che non fuoriesca il liquido dai bastoncini.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come realizzare delle lanterne volanti

Le lanterne volanti sono degli oggetti che possono creare giochi di luce davvero molto interessanti. Realizzarle non è cosi complicato come si può pensare, poiché basterà un po' di manualità e di passione per il bricolage, senza però creare troppi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.