Come fare un mobile di legno bianco decapato

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il ripristino, la finitura o la costruzione di un vecchio pezzo di arredamento può incidere notevolmente nelle possibilità di cui disponiamo. Tuttavia se amiamo cimentarci in questi lavoretti fai da te e abbiamo un minimo di manualità possiamo anche tentare di provarci. A tal proposito, il decapaggio generalmente è una tecnica di finitura che serve ad imbiancare il legno senza però nascondere le sue venature naturali. Si tratta di una tecnica molto efficace e senza dubbio d'effetto, in quanto un mobile bianco conferisce alla stanza un tocco di freschezza ed eleganza. Come fare un mobile di legno bianco decapato e quali fasi è consigliabile seguire ce lo spiegheranno i passi a seguire.

28

Occorrente

  • Guanti resistenti
  • Mascherine
  • Spazzola metallica
  • Lana d'acciaio
  • Cera sbiancata in pasta
  • Cera per mobili chiara
  • Pezza per lucidare in lana
38

Luogo di realizzazione

Innanzitutto, ricordiamo che il decapaggio va fatto all'aria aperta, per evitare appunto di respirare troppa cera o altri odori forti che potrebbero nuocere alla nostra salute. Ma se proprio saremo costretti a lavorare in un ambiente chiuso, allora è estremamente importante utilizzare una mascherina e un paio di guanti. Ovviamente, per rendere decapato un mobile si intende sverniciarlo e donare un aspetto consumato/antico.

48

Spazzola

Dopo che ci saremo procurati tutto l'occorrente, potremo e cominciare a lavorare. Per prima cosa, passeremo la spazzola su tutta la superficie del mobile in direzione delle venature del legno, in modo da aprirne i pori; dopodiché, tracciamo una rete di sottili solchi in superficie. A questo punto, dovremo prendere un pezzo di lana d'acciaio, intingerlo nella pasta bianca di cera e pigmento e spalmarla sul mobile incrociando le direzioni e facendo assorbire bene la pasta nei pori e nei solchi. Fatto questo passaggio, lasciamo asciugare per circa una mezz'oretta.

Continua la lettura
58

Lana

A questo punto prendiamo un nuovo pezzo di lana d'acciaio, immergiamola nella cera per mobili e strofiniamo nuovamente il mobile, togliendo la cera bianca che è stata applicata precedentemente. Ricordiamo che non sarà necessario togliere tutta la cera, ma solamente quella parte che riteniamo superflua. Starà quindi a noi decidere l'effetto finale che vogliamo dare al nostro mobile.

68

Lucidante

Non ci rimane che lucidarlo, per conferirgli la lucentezza e quella sorta di riflesso morbido per caratterizzare ogni finitura a cera. Per salvaguardare un mobile decapato, basterà passare ogni tanto un po' di cera chiara per mobili. Se poi vogliamo dare anche un pizzico di senso di vissuto e antico dal punto di vista olfattivo, è consigliabile mettere dei sacchetti di lavanda nei cassetti.
Evitiamo l'uso di rivestimenti protettivi a base di olio o di acqua sul decapaggio, perché queste a lungo andare, conferiranno un aspetto giallastro alla finitura.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come dipingere un mobile di legno senza carteggiare

Se in casa abbiamo un mobile che necessita di una ristrutturazione totale, in quanto si presenta piuttosto malconcio e soprattutto con delle superfici ruvide, possiamo ugualmente procedere senza tuttavia generare polvere, che si crea ad esempio se usiamo...
Casa

Come verniciare un mobile di legno senza carteggiare

Se in casa avete un mobile che ha bisogno di una ristrutturazione totale, in quanto ormai è ridotto molto male, e sopratutto ha delle superfici ruvide, potete verniciarlo ugualmente, evitando di carteggiare e di conseguenza evitando la creazione di polveri....
Casa

Come Sostituire Un Pezzo Di Legno Saltato In Un Mobile

Talvolta, i mobili che abbiamo in casa subiscono danni di diverse entità. Per ovviare a questo problema, esistono vari tipi di riparazione. Se poi non si riesce a sistemare il pezzo danneggiato, allora bisogna sostituirlo. In base a problema riscontrato,...
Casa

Come eliminare i tarli dal mobile in legno

Alcune volte, potrebbe succedere che un determinato mobile di antiquariato in legno (il quale fa la propria splendida figura nel vostro salone, grazie alla sua raffinatezza) si stia progressivamente "bucherellando", formando degli effetti indesiderati...
Casa

Come riparare un danno superficiale su un mobile di legno

I mobili in legno sono belli e resistenti e, se vengono curati nel modo giusto, possono durare anche decenni. Spesso, solo per qualche graffio, ammaccature o piccole lesioni, vorremmo sostituirli, magari perché non sappiamo come rinnovarli o...
Casa

Come riverniciare i mobili in legno

Ognuno di noi possederà sicuramente dei vecchi mobili di legno in cantina, ormai usurati dal tempo. Tuttavia, è un vero peccato sprecare così pezzi di arredamento che comunque possono essere di un certo pregio, quindi perché non recuperarli? In questa...
Casa

Tarli: come trattare il mobile

I mobili in legno sono molto eleganti ed hanno un fascino che non passa mai di moda, ma allo stesso tempo sono estremamente delicati. Infatti questi richiedono manutenzione e cura, altrimenti si rischia di rovinarli in modo irreparabile. Uno dei nemici...
Casa

Come realizzare un mobile per il sottoscala

Se nella vostra casa avete costruito un soppalco e posata una scala in ferro o in legno che non vi soddisfa dal punto di vista estetico per il vuoto sottostante, potete abbellirla con un mobile e nel contempo renderla anche funzionale sfruttando al...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.