Come fare un pizzo macramè

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il Macramè è una tecnica che ha origini molto antiche. Mentre il nome Macramè deriva dall'arabo. Questo indica un merletto definito a pizzo. La lavorazione consiste nell'eseguire una serie di nodi legati fra di loro. Naturalmente partendo da una base a nodo e ripetendo la sequenza fino a terminare il tipo di lavoro che si vuole ottenere. I nodi adoperati si distinguono in: semplice, piatto, navetta, alternato e a perla. Ognuno di questi nodi vengono adoperati a secondo la creazione che si intende realizzare. Per fare un pizzo macramè si può adoperare qualsiasi tipo di filato. I più adoperati sono: il cotone, lana e fibre sintetiche. In questo guida vi spiego come fare un pizzo in macramè.

28

Occorrente

  • Supporto rigido
  • Spilli
  • Forbice
  • Ago
  • Cordoncino di cotone
  • Metro
38

La realizzazione del pizzo in macramè va eseguita in relazione al tipo di lavoro che volete fare. Per esempio potete applicare il pizzo nelle vostre tovaglie o asciugamani. Quindi la prima cosa da fare è quello di misurare i bordi e la parte interessata degli stessi. Queste applicazioni risultano un po' difficili da lavorare. Mentre il modo di aggiungerle nel tessuto è abbastanza semplice. A questo proposito prima di iniziare l'operazione è importante procurarsi l'occorrente. Quindi assicurarsi di avere a portata di mano: un supporto rigido, spilli, forbice, ago, metro. Infine per lavorare i cordoncini prendeteli di cotone spesso.

48

Il tipo di macramé che andrete ad eseguire è a nodo semplice. Questo sistema risulta ideale per chi non ha mai eseguito creazioni al macramè. A questo punto iniziate appuntando il primo filo nel supporto con due spilli. Tenendolo ben teso e in modo orizzontale. Piegate in due il cordoncino e infilate l'asola creata al di sotto del filo. Adesso prendete le punte del cordoncino e infilatele dentro l'asola. Tirate le due estremità e mettetela all'interno della stessa. Dopo averlo tirato stringete bene il nodo.

Continua la lettura
58

Proseguite il vostro macramè ripetendo lo stesso procedimento. Quindi appuntate nuovamente il filo alla base sottostante e ricominciare con lo stesso sistema. Concluso il primo cordoncino passate a fare il secondo. Quindi continuate ad eseguire gli altri che serviranno. Finiti tutti i cordoncini cominciate ad intrecciarli fra di loro, creando un tessuto unico. Ottenendo così un pizzo di macramè intero.

68

In questo modo avete fatto un pizzo in macramè che potete cucire dove desiderate. Volendo potete applicarlo nelle vostre fodere, nelle tovaglie o negli asciugamano. Così da creare un effetto particolare e soprattutto un ritorno alle cose antiche, che oggi vanno tanto di moda.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per iniziare questo tipo di lavoro iniziate con la tecnica del cordoncino semplice
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come lavorare a macramè

Il macramè è una tra le tecniche di ricamo più apprezzata nel mondo. Spesso si assimila erroneamente al pizzo o a un intreccio gradevole di nodi, mentre invece si tratta di un tipo di merletto a nodi, che possiede delle radici molto antiche e profonde....
Cucito

Come fasciare un cestino di rattan con lino e macramè

Rattan è il nome utilizzato per indicare varie specie di palme, il cui legno viene utilizzato per produrre dei mobili, delle ceste e differenti tipologie di accessori realizzati con le lavorazioni di intreccio. La particolare proprietà di questo tipo...
Bricolage

La tecnica del macramè

Il macramè rappresenta una tecnica dove un insieme di filamenti vengono annodati e intrecciati a mano, allo scopo di creare un merletto dal disegno geometrico. Essa è meglio famosa come "pizzo a nodi", ha origine araba e arrivò in Italia verso il 1500...
Cucito

Come applicare il pizzo alla gonna

Ogni donna ama vestirsi bene, con eleganza e con charme, ma non è facile adeguare lo stile spendendo poco e che stia bene indossato. Abbiamo in commercio diversi tipi di tessuti e di abbigliamento, magari come una bella gonna con delle applicazioni in...
Bricolage

Come realizzare i principali nodi del macramè

Il macramè è una tecnica di origine araba che consiste nell'intrecciare i nodi con finalità decorative. Attraverso questo tipo di lavoro si possono realizzare dei merletti intrecciati, delle orlature preziose per asciugamani, degli abbassamenti di...
Cucito

Come creare una farfalla a macramè

Il macrame è una particolare tipologia di pizzo in tessuto che impiega diversi nodi per realizzare degli elementi utili e decorativi. Nel macramè su posdo usare essere diversi fili ed è impiegato anche per la realizzazione dei gioielli. Inoltre, il...
Cucito

Come realizzare un vestito in macramè

Il macramè è tornato da un paio di anni a fare breccia nel cuore della moda. Canottiere, borse e addirittura gioielli fatti con questa tecnica di origine araba, sfilano sulle passerelle e per le strade delle città. Anche diversi manufatti decorativi...
Cucito

Come fare una sciarpa di seta con le frange macramè

Per qualsiasi motivo, ti può sorgere l'esigenza di avere una sciarpa di seta. Tieni presente che la potrai creare tramite le frange macramè. In questa guida, passo dopo passo, ti dirò come fare una sciarpa di seta con e frange macramè. È una procedura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.