Come fare un poggiatesta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il poggiatesta può essere uno strumento davvero molto utile per tante eventualità: possiamo utilizzarlo in macchina per viaggiare comodamente o nel divano per rilassarci alla fine di una stressante giornata di lavoro. Sono tanti i benefici che è possibile trarne, sarà quindi un oggetto sempre utile da poter utilizzare in famiglia. Questo particolare poggiatesta, che possiamo creare con le nostre mani, lo potremmo utilizzare anche in macchina per i nostri bambini, quando si assopiranno lungo i viaggi. Vediamo allora come fare un poggiatesta fai-da-te, procurandoci tutti gli strumenti ed i materiali necessari per la nostra creazione.

26

Occorrente

  • peluche
  • stoffa
  • forbici
  • filo
  • macchina da cucire
  • gessetto da sarta
  • bambagia per l'imbottitura
36

Innanzitutto, per un'idea semplice e conveniente, bastano veramente poche operazioni e poter contare sui materiali adatti. Quindi mettiamoci all'opera e creiamo il nostro soffice poggiatesta, ossia un particolare tipo di cuscino, dalla forma specifica, che aiuterà il nostro collo ad alleviare i dolori o i fastidi di una giornata; esso donerà un grande sollievo specialmente a chi soffre di dolori cervicali. La prima cosa che dovremmo fare, sarà quella di procurarci tutto l'occorrente necessario di cui avremo bisogno: dopo aver fatto ciò, potremo passare all'atto pratico.

46

Prima di tutto, bisognerà cominciare a creare il cartamodello, con carta e matita, e la forma che desideriamo dare al nostro poggiatesta. Se non abbiamo le idee molto chiare, potremmo scaricare il cartamodello anche da internet. Quindi, per realizzare il nostro poggiatesta, dovremmo inizialmente tagliare due salsicciotti di stoffa, dopodiché dovremmo realizzare un foro all'estremo di uno dei due. Dopo aver fatto tutto questo, potremo passarli a cucire sul retro lasciando uno spazio aperto in mezzo: servirà per rivoltarli e per poter inserire dentro la bambagia, che renderà il nostro poggiatesta sofficissimo.

Continua la lettura
56

A questo punto, dovremmo decapitare letteralmente il nostro peluche, successivamente bisognerà rivoltare la stoffa ed inserire la testa del peluche nel foro, fissandola poi per bene cucendo il bordo. Per finire, dovremmo semplicemente inserire la bambagia nel salsicciotto e dovremmo chiudere il tutto. Il poggiatesta per il riposino del nostro bimbo o per il nostro personale relax, sarà pronto in meno di un'ora. Se vorremmo dare al nostro poggiatesta una forma molto più particolare e divertente, potremmo optare per quello a forma di gatto. Potremmo trovare il cartamodello specifico sul sito internet: questo ci permetterà di realizzare un simpaticissimo poggiatesta, seguendo poi le stesse procedure che abbiamo descritto per il modello base.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come fare un portaombrelli

Tra i tanti arredi presenti all'interno di una casa, il portaombrelli è di certo quello che non può mancare. Posizionato all'ingresso dell'appartamento esso serve ad evitare che, con l'ombrello bagnato, sporchiamo i pavimenti interni. La sua funzionalità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.