Come fare una lampada con la caffettiera

Tramite: O2O 08/08/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Riciclando i vecchi oggetti non utilizzati è possibile abbattere i costi. È ormai diventato un vero e proprio lavoro cimentarsi nel ridisegnare oggetti! La gente mette in moto la fantasia per rigenerare "inutili" e vecchi oggetti, in preziosi e unici lavori. Ora ci soffermeremo sulla creazione di una lampada ricavata da una vecchia caffettiera analizzando due modi diffetenti: una lampada a petrolio ed una elettrica. La praticità dei porta lampada, fa si che li si possano utilizzare e di conseguenza adattare, anche alle vecchie caffettiere/scalda latte della nonna. Dunque, cosa dobbiamo fare per riuscire a ricavare una lampada a petrolio da una caffettiera? Vedremo qui di seguito come fare.

26

Occorrente

  • caffettiera
  • stoppino
  • olio per lampade
  • cavo con spina, interruttore e porta lampada
36

Prendiamo una caffettiera, nuova o usata che sia non importa, la cosa importante è controllare accuratamente che non vi siano presenti buchi in nessuna delle sue parti! Ricordatevi inoltre che sarà necessariore alla fine versare dell'olio per lampade e, in presenza di eventuali buchi, il lavoro non andrebbe a buon fine. Passiamo ora alla sistemazione dello stoppino.Qui per approfondimenti.

46

Dopo aver comprato uno stoppino, abbastanza lungo da arrivare a toccare il fondo della caffettiera, inseritelo dalls bocca di quest'ultima e fissatelo bene al becco stesso della caffettiera; per portare a compimento questa operazione è sufficiente che con un paio di pinze, stringiate un pochino la punta del becco tutto intorno allo stoppino, stando attenti a non deformare troppo il beccuccio! Gli "stoppini per lampade ad olio" presentano, in basso, un cerchietto per evitare che lo stoppino vada a finire all'interno; in alternativa è possibile prendere un tappo di sughero, tagliare una rondella dello spessore di 1cm, forarlo al centro aiutandosi con un cacciavite ed inserire lo stoppino.

Continua la lettura
56

A questo punto non rimane altro che versare un po' di olio per lumini, non troppo, basta anche solo che raggiunga l'attacco del manico, quello situato più in basso. Lasciate per un po' di tempo lo stoppino immerso nell'olio in modo che si imbeva come si deve. Fatto questo prendete adessi un fiammifero e fate prendere fuoco allo stoppino. NON LASCIATE MAI questo tipo di lampade incustodite, ma vigilate sempre. Ora verro spiegato come ricavare una lampada elettrica decisamente più pratica e meno pericolosa. Innanzitutto è necessario svitare il pomello posto sul coperchio, dal foro fate passare il cavo elettrico con interruttore e presa. Montate il porta lampada in base ai vostri gusti con o senza telaio superiore. A questo punto non resta altro che inserire la spina ed ecco la lampada bella e pronta. La si può anche dipingere e decorare sempre in base ai vostri gusti. Buon divertimento!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come decorare una caffettiera in stile shabby-chic

Lo stile shabby-chic sta prendendo sempre più piede nel nostro mondo. La tendenza è quella di cercare di ricreare un arredamento semplice, quasi abbandonato a se stesso, ma che in realtà nasconde una grande cura e attenzione nei dettagli. Si riconosce...
Bricolage

Come riparare una lampada alogena

Sono diversi i motivi per i quali una lampada alogena può smettere di funzionare, generalmente il più comune è costituito dalla bruciatura della lampada stessa. In questo caso, osservando la lampada ad occhio nudo, i fili appariranno anneriti. Molte...
Bricolage

Come personalizzare una lampada

La lampada è un accessorio che oltre ad illuminare le stanze riesce a creare un'atmosfera magica all'interno della propria casa. Se ad esempio si ha una vecchia lampada in soffitta o in cantina invece di comprarne una nuova si può decidere di personalizzare...
Bricolage

Come riparare una lampada da tavolo

La tua lampada da tavolo preferita si è rotta? Stai pensando di buttarla nell'immondizia? Non farlo assolutamente! Tutto si può riparare, lampade comprese. Che sia un vecchio modello, ereditato dalla nonna, o una lampada moderna di design, in questa...
Bricolage

Come rimodernare una lampada

Se siete in possesso di una lampada che non è più di vostro gradimento, anziché buttarla, la si può restaurare e rimodernare rendendola sicuramente più attuale e più adatta all'ambiente nel quale andrete a metterla, sia essa di legno o di ferro,...
Bricolage

Come fare una lampada da notte

Se siete appassionati del "fai da te" allora potreste cimentarvi, di tanto in tanto, nel realizzare dei pezzi di arredo per rendere più bella ed accogliete la vostra casa. In questa guida, ad esempio, vi spiegheremo come fare una graziosa lampada da...
Bricolage

Come realizzare una lampada telefono

Possiedi in casa un telefono vecchio che ha la ghiera girevole e che non vuoi gettare via, ti piacerebbero però una bella lampada per la lettura dei tuoi libri al caldo dell'inverno freddo? Abbiamo qua in seguito la soluzione che fa per voi: modernizzare...
Bricolage

Come riparare una lampada al neon

Al giorno d'oggi moltissime persone hanno in casa propria una lampada al neon. Si tratta di un tipo di lampada piuttosto particolare che tende ad emettere una luce abbastanza debole e quindi viene utilizzata principalmente per una funzione di segnalazione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.