Come fertilizzare le piante dell'acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Chi non vorrebbe un bell'acquario pieno di pesci tropicali? Per molti rappresenta un sogno! Ancora meglio, un acquario pieno di pesci e piante rigogliose. Mica vorrete usare delle orribili piante finte, vero? Come per le piante da terra, però, anche quelle dell'acquario vanno fertilizzate. Ci sono diversi modi per farlo, vediamone alcuni. Ecco quindi una guida su come fertilizzare le piante dell'acquario!

27

Occorrente

  • Fertilizzante solubile
37

Acqua nutritiva

Il metodo più semplice per fertilizzare le piante dell'acquario è rilasciare direttamente nell'acqua le sostanze nutritive utili alle piante. Le piante del vostro acquario così possono raccogliere gli elementi nutritivi direttamente dalle proprie foglie. Ovviamente dovrete utilizzare prodotti specifici. Non preoccupatevi, non sono molto costosi. Potete acquistarli in un negozio specializzato per la modica spesa di 5€.

47

Fondo fertile

Un altro modo per fertilizzare le piante del nostro acquario è quello del cosiddetto "fondo fertile". Questo metodo è un po più complicato e va fatto nella fase di allestimento dell'acquario. È necessario acquistare un "fondo fertile". Si tratta di uno strato costituito da materiali nutritive; questo strato va inserito al di sotto del fondo. È importante che il fondo fertile non venga a contatto con l'acqua, specialmente nei primi mesi. Se ciò accadesse verrebbero rilasciate un'eccessiva quantità di sostanze fertilizzanti e l'acqua sarebbe inquinata. Questo metodo permette un ottima fertilizzazione delle piante dell'acquario per 8-12 mesi. Dopo meglio integrarlo con della ghiaia contente i prodotti necessari.

Continua la lettura
57

tabs per il fondo

Un altro metodo è quello di utilizzare le Tabs per il fondo. Sono delle pasticche composte da fertilizzante compresso. Queste tabs si sciolgono facilmente nell'acqua. Sono molto pratiche ed utili. Potete applicarle in vicinanza alle piante che necessitano un trattamento. Bisogna conoscere gli elementi che compongono le pasticche. Ne esistono di diversi tipi: da quelle complete (che contengono azoto e fosforo) a quelle specifiche, che invece contengono sostanze precise (come ad esempio il ferro).

67

In generale

Dovrete reintegrare regolarmente i nutrienti, per mantenere adeguati i livelli di fertilizzante nell'acquario. Molti di questi hanno breve durata, per questo meglio integrarli ogni due giorni. Alcune piante da acquario traggono nutrienti soprattutto attraverso le loro radici, mentre altre, traggono le sostanze nutritive attraverso le foglie. Una fertilizzazione corretta, porta ad avere un bellissimo acquario equilibrato, che fornisce l'ulteriore vantaggio di un'ottima filtrazione biologica e di ottimi livelli di ossigeno all'interno dell'acqua.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliete il metodo migliore in base alle vostre abitudini e alla grandezza del vostro acquario

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come scegliere il fondo per un acquario

Un acquario può diventare un meraviglioso e sorprendente elemento di arredo per un appartamento moderno ed affascinante. Curare un acquario con tanti pesci colorati è rilassante ed interessante, e di certo un acquario curato e ben decorato può veramente...
Altri Hobby

5 accessori indispensabili per l'acquario

Il mondo acquatico ha, da sempre, attirato e affascinato l'uomo. Qualcuno ha provato a ricrearlo e così sono nati gli acquari. Contrariamente a quello che si può pensare, allestire un acquario degno di essere chiamato con questo nome, non è così facile...
Altri Hobby

Come spostare un acquario nel modo corretto

Un acquario rappresenta un oggetto molto pesante da trasportare, oltre che un complemento di arredo da trattare in modo molto delicato. Quando si rende necessario, per una qualsivoglia ragione, lo spostamento di un acquario, occorre sempre sapere in quale...
Altri Hobby

Come trasformare un terrario in acquario

Se in casa avete un terrario ed intendete trasformarlo in acquario, potete farlo purché le misure siano adeguate; infatti, è importante sottolineare che specie per i pesci tropicali, deve essere di almeno 60X50X50 riferite rispettivamente ad altezza,...
Altri Hobby

Come scegliere l'acquario

Molte sono le persone appassionate di pesciolini da tenere in casa e se ci piace l'idea di voler arredare un angolo della nostra casa con un acquario di piccole, medie o grandi, non dobbiamo fare altro che leggere questa guida per sapere come sceglierlo,...
Altri Hobby

Le migliori pietre per l'acquario

Se ci apprestiamo ad allestire un acquario tropicale dovendo inserire delle pietre, è importante sapere che in natura ce ne sono tantissime compatibili con questo ecosistema. Si tratta in genere di materiali granitici e di origine vulcanica, disponibili...
Altri Hobby

Come montare il filtro interno dell'acquario

Chiunque ha la passione per gli acquari, conosce bene, che questo ha bisogno sempre di molta manutenzione e soprattutto di un'accurata progettazione. Difatti, per poter scegliere tutto il "contenuto" del nostro futuro acquario, dovremo fare una scrupolosa...
Altri Hobby

Acquario: manutenzione e pulizia

L'acquario è l'habitat naturale per i pesci che vivono in cattività. I pesci rossi sono piuttosto semplici da curare, non richiedono particolari manutenzioni, per cui la pulizia si può limitare al solo cambio dell'acqua. L'acquario tropicale, invece,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.