Come fertilizzare un autofiorente

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le autofiorenti stanno rivoluzionando il mercato, perché apportano numerosi vantaggi, ma anche diversi problemi, soprattutto a chi non ha abbastanza esperienza.
Molti mi chiedono perché è necessario fertilizzare delle autofiorenti?
Tutte le piante usano la fotosintesi per sintetizzare il cibo dall’anidride carbonica e dall’acqua.
Gli elementi principali per dar luogo a tale fenomeno sono Azoto, Fosforo e Potassio.
Tuttavia sono essenziali anche altri elementi, come Calcio, Magnesio e i Solfoni.
Normalmente, tutti questi elementi, si trovano già sulla superficie del terreno, ma in un vaso o in un ambiente circoscritto, una carenza, anche di uno solo di questi elementi, porterebbe indurre un deficit di crescita, ossia la pianta si svilupperebbe meno, in notevole ritardo o addirittura non fiorire.
Poi, bisogna considerare anche, che piante diverse hanno diverse esigenze, quindi bisogna scegliere i composti in base al tipo di pianta e all’esigenza della stessa.
Per esempio, il Fosforo aiuta la crescita e la fioritura, il Potassio aumenta il vigore in generale, l’Azoto favorisce la crescita vegetativa, ecc.
Ma come fertilizzare un autofiorente?

27

Occorrente

  • Humus di lombrico
37

Principi di base

L’elemento che limita maggiormente, in questo tipo di piante, è il breve periodo di crescita, la maggior parte delle autofiorenti, sviluppano in un arco di venti giorni. Qualsiasi carenza, che la pianta soffrirà in questo periodo, ne impedirà il corretto sviluppo, rimanendo troppo piccola o riducendone la produzione.
Una volta che la pianta ha fermato il suo sviluppo, anche se si risolve il problema, il tempo che impiega a recuperare è davvero lungo.
Anche un eccesso di fertilizzazione può provocare danni, in alcuni casi anche fatali.

47

Fertlizzazione

Il modo migliore per ottenere risultati è iniziare dal vaso definitivo, utilizzando concime biologico misto.
Con L’humus di lombrico si va sempre sul sicuro, la concentrazione ideale è del 30%, non oltre o si rischia di bruciare le piante.
L’uso di altri fertilizzanti, potrebbe migliorare il rendimento, l’importante è alternare i fertilizzanti all’annaffiatura, in modo da evitare o limitare eventuali problemi dovuti a eccessi.
Per fortuna, problemi di accumulo di Sali, per queste piante, è praticamente nullo.

Continua la lettura
57

Parassiti

Stesso discorso per insetti e parassiti. In un ciclo così corto, è consigliabile usare modi di contenimento non molto aggressivi, come insetticidi biologici leggeri, che per lo più, non eliminano tutti gli insetti, ma sono perfetti per queste piante. Con prodotti troppo aggressivi si rischia di provocare uno shock alla pianta e ucciderla.

67

Raccolto

Consiglio di non fidarsi troppo delle indicazioni fornite con i semi. I Produttori, per ovvi motivi, tendono a indicare tempi più brevi del normale.
Conviene raccogliere all’incirca dopo cinquanta o sessanta giorni dalla fioritura.
In ogni caso, ci si può regolare osservando i tricomi con una lente d’ingrandimento, e decidere di conseguenza, il momento giusto.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come dissodare e fertilizzare la terra indurita dal calpestio

Il calpestio, a lungo andare, può generare un inaridimento e un indurimento del terreno. Se hai un giardino, un'aiuola o un qualsiasi pezzo di terra che col tempo è stato calpestato continuamente da animali, da mezzi oppure persone, vediamo insieme...
Giardinaggio

Come concimare le piante acquatiche

Proprio come tutte le altre piante, anche quelle acquatiche hanno bisogno di essere concimate per essere in grado di prosperare in un giardino d'acqua. E proprio come le piante normali, ci sono diversi modi in cui si possono fertilizzare, con diversi...
Giardinaggio

Come Coltivare E Conservare La Consolida Maggiore

A fine estate, nei prati umidi e fertili e lungo i fossi e i corsi d’acqua crescono ancora vigorosi i cespi della consolida maggiore (Symphytum officinale L.), chiamata anche “erba di San Lorenzo”, “borana selvatica” o “simfito”. E’ una...
Giardinaggio

Come scarificare e arieggiare il prato verde

Con la scarificazione, si rimuove il muschio che è cresciuto nel periodo estivo. Se il muschio e le erbacce vengono rimossi correttamente, l'erbetta del prato, riceve più aria e più luce e dunque presenta una maggiore durata. Dopo scarificazione, è...
Giardinaggio

Il bonsai carmona: guida alla cura

Il bonsai Carmona appartiene alla famiglia delle Boraginaceae; esso però è conosciuto soprattutto con il nome di Carmona Microphylla. La pianta è abbastanza facile da coltivare; se si vuole avere una pianta sempre sana bisogna prestare attenzione alla...
Giardinaggio

Come coltivare i baccelli di vaniglia

I baccelli di vaniglia fanno parte di un vitigno di fioritura appartenente alla famiglia delle orchidee. La pianta più comune per la coltivazione dei baccelli di vaniglia è quella a foglia (Vanilla planifolia). Questa pianta è originaria del Messico,...
Giardinaggio

Orto sinergico: consigli utili

Quando si parla di agricoltura sinergica, si pensa spesso ad un'utopia, un orto che non ha bisogno di essere zappato e concimato, e in cui tutti i tipi di verdure riescono a coesistere in ogni fase della loro crescita. L'idea si basa sul principio che...
Giardinaggio

Come coltivare le ninfee tropicali

Se intendiamo coltivare le ninfee tropicali è importante sapere innanzitutto che ci sono varie specie e che appartengono tutte alla famiglia delle nymphaeaceae. Inoltre sono piante che crescono bene in climi decisamente umidi e richiedono dei terricci...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.