Come fondere la ghisa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Apprendere nuove tecniche e nuovi modi per sapersi confrontare con il mondo è un obiettivo molto importante. Molti infatti hanno bisogno di accrescere le proprie competenze per poter far fronte a determinate necessità. Infatti, soprattutto in periodi di crisi economica, riuscire a fare qualcosa da soli è determinante. Senza affidarsi necessariamente a professionisti è possibile in taluni casi affrontare da soli alcune problematiche. Tramite alcune guide fai-da-te ci si aiuta nel processo di costruzione di determinanti oggetti. In questo frangente si parlerà del settore siderurgico. L'ottenimento e la fusione di alcuni materiali gioca un ruolo determinante per molti di noi. Questi processi sono molto costosi, ragion per cui si cerca di trovare una soluzione casalinga a questo dispendio economico. Ogni metallo, in determinate condizioni, può raggiungere il processo di fusione. Nei passi successivi si spiegherà come fondere la ghisa. Inoltre, si spiegheranno quali sono gli aspetti principali che definiscono totalmente questa procedura.

26

Innanzitutto, per fondere la ghisa dovrete tenere in considerazione le dimensioni del pezzo di ghisa che volete fondere. Ovviamente, se il pezzo è decisamente grande, sarà difficile poterlo fondere in casa. Infatti, poiché la ghisa fonde a milletrecentocinquanta gradi, diventerà difficile gestire un forno molto grande.

36

Se invece il pezzo è più piccolo, allora fondere la ghisa sarà potenzialmente più semplice. Se il pezzo è davvero piccolo, di dimensione standard, non ci saranno grossi problemi. Basterà procurarsi una fiamma ossidrica o una comunissima forgia a carbon fossile. Se, invece, si vuole lavorare su dimensioni più modeste, allora bisognerà procurarsi un forno elettrico artigianale. È chiaro però che la differenza consiste nella diversa temperatura che possiede: la temperatura per fondere la ghisa è molto elevata, poiché ai tratta di portare allo stato di fusione una lega metallica.

Continua la lettura
46

Lavorare la ghisa non è un'operazione semplice e anche al livello di sicurezza bisogna avere le giuste precauzioni. Innanzitutto è necessario che il locale sia attrezzato e adeguato per le affrontare le lavorazioni. Per la sicurezza nel luogo di cantiere è necessario fornire l'aria di un estintore e almeno di una pompa dell'acqua. Devono essere ben visibili i numeri di primo intervento il tutto per garantire la sicurezza ai lavoratori. Per quanto riguarda il lavoratore bisogna avere tutte le precauzioni in merito all'abbigliamento: la normativa vigente elenca quali siano i DPI (dispositivi di protezione individuale) come l'abbigliamento adeguato, le scarpe antinfortunistiche, i guanti e tutti i dispositivi occorrenti per proteggere il capo, gli occhi e le orecchie, oltre che all'apparato respiratorio.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come filettare la ghisa

La ghisa, come il ferro battuto e l'acciaio, è una lega formata da ferro e carbonio. È una lega contenente dal 2% al 4% di carbonio, nonché quantitativi variabili di silicio e di manganese e tracce di impurità quali zolfo e fosforo. Resistente, malleabile...
Materiali e Attrezzi

Proprietà termiche della ghisa

La ghisa è una lega ferrosa che si ottiene trattando a caldo i minerali del ferro. Questa lega trova una vasta utilizzazione in molteplici settori, in quanto ha delle proprietà davvero molto importanti. Una di queste è rappresentata dalla sua elevata...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare la ghisa

La ghisa è una lega che contiene un'alta concentrazione di carbonio e in minima parte di ferro; di solito viene utilizzata per le lavorazioni e i trattamenti a caldo dei materiali e oggetti ferrosi. Ha una durata maggiore all'acciaio nel processo di...
Materiali e Attrezzi

Come saldare la ghisa sferoidale

I metalli presenti in natura sono molteplici e, grazie all'intervento dell'uomo e allo sviluppo delle tecnologie industriali, sono variamente combinati per ottenere materiali di particolare qualità. La ghisa sferoidale ne è un esempio, con le sue caratteristiche...
Materiali e Attrezzi

Come proteggere la ghisa dalla ruggine

La ghisa è un materiale molto resistente alle alte temperature e pertanto viene impiegato in molti modi diversi: per realizzare le piastre per le stufe, per i dischi dei freni delle automobili, per i termosifoni, per le padelle comunemente usate in cucina...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare una stufa in ghisa

Le stufe in ghisa sono un elemento di arredo molto in voga negli ultimi tempi. Con il loro stile vintage e la loro utilità possono essere reimpiegate per l'arredamento e il riscaldamento delle nostre case. Una stufa rivestita in ghisa però è in grado...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare i tubi di ghisa

La ghisa (denominata anche fino all'800 "ferraccio") è una lega composta da un'elevata concentrazione di carbonio e una piccola parte di ferro; solitamente essa è impiagata per le lavorazioni e i trattamenti a caldo dei materiali e oggetti ferrosi....
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere la ruggine dalla ghisa

Quasi tutti i materiali sono attaccabili dall'ossigeno contenuto dall'aria. La reazione che questo gas provoca su alcuni metalli in ambienti umidi è l'ossidazione. Gli ossidi rovinano l'aspetto degli oggetti e spesso ne intaccano la resistenza metallica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.