Come funziona un interruttore magnetotermico

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'elettricità è presente dovunque nella nostra vita quotidiana: accendere un lume, premere il pulsante di un apparecchio televisivo, mettere in funzione un elettrodomestico, sono diventati gesti quasi istintivi. Malgrado questa familiarità con un'energia che costituisce una delle basi della nostra civiltà tecnica, l'elettricità continua ad essere molto pericolosa. Per evitare dei problemi con la corrente elettrica possiamo installare un interruttore magnetotermico: per chi fosse poco esperto, in questa guida parleremo di come funziona.

27

Occorrente

  • Interruttore magnetotermico
37

A cosa serve l'interruttore magnetotermico

Per interrompere un circuito elettrico si usa un interruttore di tipo magnetotermico ovvero un dispositivo automatico che nello specifico funge da protezione all'impianto stesso e, nel contempo, tutela le persone addette alla lavorazione e manutenzione di macchinari industriali ad esso collegati. II funzionamento di un interruttore magnetotermico, è molto semplice: infatti, all'interno della scatola che contiene tutto l'apparato elettrico e che si collega ad un contatore/distributore di energia, troviamo delle lamine di metallo (in genere di rame) unite tra loro con un diverso valore di dilatazione termica appositamente studiato dalle case costruttrici.

47

Funzionamento

Questa lama doppia, è interessata dal passaggio della corrente elettrica quindi ha un suo amperaggio e voltaggio ben definito per cui, in caso di sovraccarico di corrente, il calore tende a dilatare le lamine provocando, per reazione, l’apertura del circuito e dei suoi contatti preposti a questa funzione. Man mano che l'intensità di corrente aumenta, anche il calore lo fa in proporzione come è dimostrato dalla legge di Joule, riguardante proprio la suddetta dilatazione dei metalli. Lo scopo di ottenere due valori di dilatazione termica delle lamine è di farle allungare in modo diverso e quindi anche la deformazione avviene lentamente e con una piegatura progressiva. La deformazione viene poi sfruttata per staccare in automatico un apposito gancio precedentemente collegato ad una molla di acciaio in tensione.

Continua la lettura
57

In caso di cortocircuito

Questa carica avviene ogni qual volta si spegne manualmente l'interruttore generale provocando quindi l’apertura dei contatti. In caso di un cortocircuito questo speciale gancio magnetico si muove tempestivamente e la sua forza agisce principalmente su un apposito nucleo realizzato con del materiale ferroso, collegato a sua volta ad un elettromagnete. Il nucleo mobile in questo caso viene sollecitato da due forze opposte a quella di attrazione verso il magnete e la molla di carica quindi in grado di staccare in modo netto la corrente, con l'apertura del circuito, non appena avverte il pericolo di surriscaldamento. Il funzionamento, è quindi simile all'elettrocalamita, che come sappiamo, per legge fisica prevede che due segni uguali si respingono, mentre se opposti si attraggono.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come installare un interruttore dimmer

L'interruttore dimmer è un dispositivo che permette di regolare l'intensità luminosa grazie ad una piccola manopola collegata ad un deviatore di luce. Installare questo interruttore è un compito sorprendentemente facile, che però può cambiare la...
Materiali e Attrezzi

Come funziona un fusibile termico

Tutti quanti gli elettrodomestici e le apparecchiature elettroniche di buona qualità, sono provviste di un fusibile termico, ossia di quel dispositivo di emergenza utilizzato per prevenirne il surriscaldamento, e la conseguente fusione dei vari componenti....
Materiali e Attrezzi

Come funziona uno spettrofotometro ad infrarossi

In questa guida vedremo come funziona una spettrofotometro ad infrarossi, un argomento molto interessante per tutti gli appassionati di chimica. Esso è uno strumento che analizza l'interazione esistente fra la luce infrarossa ed una molecola, così da...
Materiali e Attrezzi

Come funziona un endoscopio

La procedura di endoscopia non è assolutamente nuova; infatti, il primo strumento è stato inventato nel 1805, e consisteva in un grande tubo che illuminato da un lato con una candela, riusciva a far vedere cosa c’era dalla parte opposta. Oggi la...
Materiali e Attrezzi

Come funziona un glucometro

Il glucometro è un dispositivo medico che misura il tasso di glucosio nel sangue; la presenza di zucchero nel sangue è un parametro che va tenuto strettamente sotto controllo quando si soffre di diabete e viene utilizzato sia dai medici che dai pazienti,...
Materiali e Attrezzi

Come reimpostare un fusibile termico

Un fusibile termico, detto anche TCO (Thermical Cut Offs) è una sorta di dispositivo di tipo elettronico capace di bloccarsi non appena la sua temperatura raggiunge una determinata soglia, proteggendoci così da possibili cortocircuiti. Il valore di...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il motore di un trapano

In quasi tutte le case è presente un trapano. Strumento molto utile per fare dei fori, che consentono di appendere quadri, mensole o fissare mobiletti alle pareti. Non tutti, però, sono in grado di effettuare la pulitura del motore del trapano, necessaria...
Materiali e Attrezzi

Come costruire una luce a infrarossi

Le lampade ad infrarossi son luci che sfruttando la radiazione ad infrarossi e che forniscono una notevole fonte di calore nell'ambiente in cui sono collocate. La radiazione ad infrarossi ha una frequenza elettromagnetica inferiore a quella della luce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.