Come funzionano i rilevatori antincendio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I rilevatori antincendio si differenziano tra loro in base alla strategia di rivelazione. In commercio, ne esistono di tre tipi: rivelazione di calore, rivelazione di fumo e rivelazione di fiamma. Ad essi, è affidato il compito di tradurre una rivelazione di tipo ottico, termico o di altro tipo, in un segnale (trasmesso poi ad una centrale di controllo e segnalazione) di probabile incendio. Questi dispositivi sono disposti in tutti i locali in cui si intende operare la sorveglianza (con particolare riferimento a quelli in cui non vi è occupazione continua delle persone). Vediamo come funzionano.

26

Occorrente

  • Rilevatori antincendio
36

Identificare il raggiungimento della temperatura tramite il rilevatore di calore

Il primo tipo di rilevatore è progettato in modo da rivelare variazioni di temperature nel loro immediato intorno. Essi, possono identificare il raggiungimento di una data temperatura (detta temperatura di risposta statica) o l'incremento troppo rapido della stessa, come potenziali pericoli derivanti dal fuoco. Questo tipo di dispositivo è progettato sfruttando il principio di attenuazione della luce. In particolare, un trasmettitore emette un raggio ottico verso dei riflettori o direttamente verso dei ricevitore. Se quest'ultimo capta il raggio ottico con delle variazioni o attenuazioni (causate dal fumo del fuoco) segnala la situazione di incendio.

46

Evitare di disporre i rilevatori in locali troppo ventilati

Questi dispositivi hanno un raggio di azione piu ampio rispetto al primo (all'incirca 7 metri) ma non vanno disposti in locali troppo ventilati, poiché il fumo verrebbe immediatamente ventilato senza attenuare il raggio ottico. In entrambe le situazioni, il dispositivo segnala alla centrale il possibile rischio incendio e questo darà l'allarme. I rilevatori di calore sono divisi in base alla temperatura di risposta statica ed al tempo di risposta. Generalmente, essi sono applicati al soffitto ed il loro raggio operativo non è considerabile maggiore di 4,5 metri.

Continua la lettura
56

Utilizzare il rilevatore di fiamma per una risposta più immediata

L'ultima tipologia di rilevatori sono quelli di fiamma. Questi rilevano direttamente raggi IR (infrarossi) e UV (ultravioletti) come indicatori della presenza di differenti tipi di fuoco. I rilevatori di fiamma sono caratterizzati da tre diversi livelli di sensibilità: classe 1, classe 2 e classe 3. La differenza sta principalmente nelle distanze nelle quali essi riescono a rispondere: la classe 1 risponde a distanze fino a 25 m, la classe 2 fino a 17 m, la classe 3 fino a 12 m. Questo tipo di rilevatore, inoltre, presenta tempi di risposta piu immediati rispetto ai precedenti ed è spesso utilizzato per sorvegliare edifici ad alto rischio di incendio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come installare un rilevatore di monossido di carbonio

Ogni anno, durante la stagione invernale, capita di imbattersi in notizie riguardanti morti per esalazioni da monossido di carbonio, emanato da vecchie stufe. È un problema molto grave, che potrebbe essere risolto montando dei rilevatori, in grado di...
Materiali e Attrezzi

Come usare un estintore

L'estintore è un dispositivo di protezione antincendio, utilizzato per estinguere piccole fiamme in situazioni di emergenza; non è adeguato per spegnere grandi incendi perché si potrebbe mettere in pericolo oltre che la vita dell'utilizzatore anche...
Materiali e Attrezzi

Come risolvere i problemi di un termostato

Quando il termostato ha problemi di riscaldamento o raffreddamento, di solito si opta per la soluzione più ovvia: quella di chiamare del personale specializzato per risolvere l'inconveniente. Ma se si desiderano risparmiare un bel po' di soldi e prima...
Materiali e Attrezzi

Come riparare un telecomando

Il telecomando è uno degli oggetti più importanti che ognuno ha in casa, poiché permette di pilotare il televisore a distanza senza doversi alzare dal divano o dal letto per accenderla, spegnerla e per cambiare canale. Ma come qualsiasi altro apparecchio,...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il filtro aria della motosega

La motosega è un modello di sega motorizzata tra i più utilizzati nel giardinaggio: ve ne sono diverse tipologie, dai modelli per l'abbattimento ai modelli per la potatura, ma tutte funzionano in modo pressoché uguale. Di conseguenza, anche i problemi...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un aspiratore di foglie

Gli aspiratori da giardino sono progettati per raccogliere foglie e altri piccoli detriti che si possono depositare sul nostro prato. Funzionano come un normale aspiratore da casa, risucchiamo il fogliame e lo depositano all'interno di un sacchetto posizionato...
Materiali e Attrezzi

Come costruire marionette con i calzini

Se c'è una cosa per cui i bambini impazziscono e, anzi, restano davvero incantati, queste sono le marionette. Provate a portare i vostri cuccioli ad uno spettacolo di burattini e li vedrete con lo sguardo assorto, fisso sulla scena, intenti a capire...
Materiali e Attrezzi

Come usare una chiodatrice

La chiodatrice, conosciuta anche come pistola sparachiodi, può essere utilizzata per qualsiasi progetto in cui è necessario impiegare i chiodi. Per i progetti di grandi dimensioni, come ad esempio l'installazione di un tetto o l'aggiunta di una recinzione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.