Come Guarire Una Pianta Infettata Dal Ragno Rosso Con Il Macerato Di Ortica

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Urtica (L., 1753) è un genere di circa un centinaio di piante erbacee della famiglia delle Urticaceae, diffuse in tutto il mondo nelle regioni temperate o nelle aree montane delle regioni tropicali. La maggior parte delle specie possiede numerosi peli che, toccati, causano un forte prurito. La specie più diffusa e conosciuta in Italia è Urtica dioica, comunemente chiamata ortica. Le ortiche sono piante erbacee, raramente arbusti, con altezza tra 10 e 300 cm, annuali ma anche perenni, monoiche o dioiche, spesso con peli urticanti sul fusto e sulle foglie. Le foglie sono opposte, dentate, con stipole libere o accoppiate. I fiori sono unisessuali, piccoli, di colore verde, violaceo o giallastro e sono raggruppati in false spighe lungo il fusto. Le specie perenni, come U. Dioica, possiedono solitamente dei rizomi sotterranei. In Italia, le seguenti specie di Urtica si trovano frequentemente nei terreni azotati, ad esempio tra le macerie e i luoghi incolti, vicino ai centri abitati, o nei lati più umidi e ombrosi dei boschi, dal mare alla montagna. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come guarire una pianta infettata dal ragno rosso con il macerato di ortica.

24

Specialmente se coltiviamo un orticello o degli alberi da frutta, ci potrebbe essere l'infestazione da ragno rosso, un antipaticissimo animaletto che compare nei luoghi asciutti e troppo caldi. Il suo manifestarsi avviene quando le foglie della frutta o degli ortaggi o anche le piante da giardino, cominciano a macchiarsi di giallo. Se è vero che sulle piante fiorite che abbiamo per bellezza o sugli arbusti di un cortile, non fa nulla se mettiamo del concime chimico per combatte il ragnetto, non possiamo dire la stessa cosa per gli ortaggi e la frutta.

34

Naturalmente è molto meglio curare ciò che serve per alimentarci con dei metodi assolutamente naturali e privi di agenti chimici. Innanzitutto la scoperta del ragno rosso, la potete capire immediatamente, non solo dalle macchie gialle che si formano sulle foglie ma anche dalle fittissime ragnatele che si formano su di esse. Potete curare le vostre pianticelle ed i vostri ortaggi, con del macerato di ortica che potete preparare voi stessi.

Continua la lettura
44

Per prima cosa infilate un bel paio di guanti da lavoro di tela doppia e raccogliete delle ortiche tenendo presente che per ogni litro d'acqua ne serve un chilogrammo ma potete anche comprare l'ortica essiccata in erboristeria, il risultato è lo stesso. Mettete quindi a macerare al solo le ortiche nell'acqua, girando di tanto in tanto. Dopo 12 ore, il macerato è pronto e lo metterete in un nebulizzatore e poi spruzzerete le foglie della pianta malate. In men che non si dica, il ragnetto rosso, scomparirà e le piante torneranno sane.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Concimare Con L'Ortica

La pianta di ortica, oltre ad essere una pianta urticante che può provocare tremende reazioni allergiche, ha in realtà molte proprietà benefiche. Conoscere le potenzialità di questa pianta può aiutarci in moltissime faccende ordinarie della nostra...
Giardinaggio

Come combattere gli afidi delle piante

Gli afidi, detti anche pidocchi delle piante per via della loro natura simile ai pidocchi che minacciano l'uomo. Essi attaccano sia le foglie che i rami succhiando via la linfa vitale. Per combatterli in commercio possiamo trovare diversi preparati ma...
Giardinaggio

Come disinfestare una pianta con l'aglio

L'aglio (Allium sativum L.) è una pianta coltivata bulbosa, assegnata tradizionalmente alla famiglia delle Liliaceae, ma che la recente classificazione APG III attribuisce alle Amaryllidaceae (sottofamiglia Allioideae). Il suo utilizzo primo è quello...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di Astro

Astro, nome scientifico Aster: ossia stella, dal greco antico. La scelta non è casuale, bensì un omaggio alla forma dei suoi fiori. Una pianta di astro si può descrivere così: bellissima, facile da coltivare, generosa nelle sue fioriture dai colori...
Giardinaggio

Come eliminare Il punteruolo rosso e proteggere la palma

Le palme sono delle piante tropicali e vengono utilizzate, nei paesi asiatici, per la produzione di vino e di olio. Purtroppo nel nostro territorio hanno un potentissimo insetto nemico conosciuto con il nome di punteruolo rosso. In commercio si vendono...
Giardinaggio

Come coltivare un acero rosso

L'acero è una specie vegetale che si adatta a ogni contesto, di grande impatto visivo, in grado di conferire grande fascino a ogni giardino. Può essere nano, oppure raggiungere anche 10 metri. Molto spesso viene scelto per l'arredo dei giardini, proprio...
Giardinaggio

Come Coltivare Una Pianta Di Tagete

La pianta di Tagete, detta anche Tagetes Patula, è una pianta originaria del Messico e dell'Arizona ed è particolarmente rustica, per cui la sua coltivazione risulta piuttosto semplice e adatta per aiuole e bordure. Appartiene alla famiglia delle Compositae...
Giardinaggio

Come scegliere la Stella di Natale

Esistono tantissime varietà di piante che possono decorare il proprio giardino; ognuna di esse ha caratteristiche diverse. Una è la Stella di Natale dal tipico colore rosso. In questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.