Come identificare le antiche monete spagnole

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Senza dubbio la storia coloniale della Spagna ha permesso il diffondersi delle sue monete in buona parte del mondo. Tuttavia esistono centinaia di antiche monete spagnole e, sono tanti i collezionisti che cercano di assicurarsi queste rarità. È bene comunque stare molto attenti nell'acquistarle, rivolgendosi a rivenditori che rilascino il certificato di autenticità. Durante il dominio coloniale spagnolo, le dodici zecche hanno prodotto in Spagna cinque tipi di monete. Tali monete non venivano utilizzate soltanto in Spagna e nelle loro colonie, ma erano una valuta accettata anche nelle colonie americane, ancor prima che venisse coniata la moneta americana. I cinque tipi di monete create dalle zecche spagnole raffiguravano rispettivamente il pilastro, lo scudo, il pilastro con le onde, il pilastro lavorato e il busto lavorato. Cerchiamo di capire adesso attraverso i suggerimenti che ci fornirà questa guida come identificare le antiche monete spagnole.

27

Imparare a riconoscere le monete con il pilastro. Quelle raffiguranti il pilastro sono state le prime monete d'argento utilizzate nel Nuovo Mondo. Cercare una moneta rotonda con due pilastri su uno dei suoi lati, mentre l'altro lato della medaglia ha un cappotto di armi con un castello e dei leoni, e l'immagine di un melograno sullo sfondo. Queste monete erano pressate a mano.

37

Per identificare le monete con lo scudo, che furono il secondo tipo nel periodo coloniale spagnolo, bisogna sapere che su un lato di ciascuna moneta è raffigurato uno stemma con dei disegni indecifrabili che rappresentavano le colonie spagnole. Sull'altro lato c'è impressa una croce con un castello e dei leoni. Anche queste monete erano pressate a mano.

Continua la lettura
47

Il terzo tipo di moneta spagnola del Nuovo Mondo era quella raffigurante il pilastro con le onde. Su un lato ci sono due pilastri con le onde e due linee rette orizzontali; l'altro lato riporta una croce con il castello e i leoni. Alcune delle monete di questo periodo non hanno le linee orizzontali sul lato dove ci sono i pilastri.

57

Il quarto tipo di monete coloniali spagnole è riconoscibile grazie a dei pilastri lavorati. Su un lato si possono vedere appunto i due pilastri con le onde, separati da due globi e coperti da un corona. L'altro lato della moneta mostra una corona sopra uno scudo con a lato due leoni; sullo sfondo è possibile scorgere un castello, un piccolo melograno e tre fiori di giglio.

67

Il quinto ed ultimo tipo di monete offerte dalla Spagna lo si può identificare mediante la raffigurazione del busto lavorato. Su un lato c'è il profilo del Re di Spagna, sull'altro ci sono due pilastri separati da due globi e una corona. Anche qui sullo sfondo si intravedono i leoni, il castello, il melograno e tre fiori di giglio. Queste monete furono le prime ad essere scolpite a macchina.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come identificare antiche monete greche

Ogni popolo, di ogni periodo storico, ha usufruito di strumenti utili allo scambio di beni, come il baratto, o l'utilizzo di oggetti di particolare valore per il periodo di riferimento come conchiglie, oro, ecc. In particolare, per la prima volta nel...
Altri Hobby

Come riconoscere le antiche monete arabe

Le monete, così come i francobolli e le bandiere, possono rivelare sia agli storici che ai collezionisti molto sulla storia del mondo. In passato, però, i collezionisti nel mondo occidentale in genere evitavano di prendere in considerazione le monete...
Altri Hobby

Come pulire le monete antiche

Tra i vari hobby più diffusi nel mondo, la numismatica è sicuramente uno dei più praticati. Riuscire ad appropriarsi di alcune tipologie di monete, comuni o rare, è, per i più appassionati, qualcosa di estremamente appagante. Questo discorso, vale...
Altri Hobby

Come valutare monete antiche

Per chi ama collezionare monete deve sapere che è necessario saperle valutare. Come ogni cosa è necessario avere delle conoscenze, anche in questo campo. Solitamente queste passione scaturisce in seguito al ritrovamento di vecchie monete, che magari...
Altri Hobby

Come vendere delle monete antiche

C'è chi ama contemplarle, compiendo viaggi indietro nel tempo col pensiero, e chi le colleziona per venderle in seguito, ottenendo così un margine di guadagno. Insomma, se sei il fortunato possessore di monete antiche, magari ereditate dal nonno collezionista,...
Altri Hobby

Come conservare le monete antiche

Se la vostra passione risultasse essere il collezionismo, nello specifico di monete, sicuramente saprete che conservare le monete in buone condizioni in modo che mantengano il loro valore ottimale di mercato è indubbiamente il fattore principale. Come...
Altri Hobby

Come pulire le antiche monete romane

Siete stati così fortunati nell'aver ritrovato una antica moneta romana oppure siete degli appassionati collezionisti di monete romane? Bene, allora vi sarà estremamente utile sapere come procedere con la pulizia delle stesse, soprattutto se ne avete...
Altri Hobby

Le monete italiane più rare

Tra i molti hobby che le persone hanno, quello di collezionare monete antiche è forse il più diffuso. Le monete infatti sono una bellissima fonte di conoscenza della propria storia, testimoniano determinati periodi storici e cambiamenti importanti nella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.