Come impastare e modellare l'argilla

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Argilla è il termine che definisce un sedimento non litificato estremamente fine (le dimensioni dei granuli sono inferiori a 2 μm di diametro) costituito principalmente da allumino-silicati idrati appartenenti alla classe dei fillosilicati. I minerali che compongono l'argilla sono tutti appartenenti alla sottoclasse dei fillosilicati e definiti collettivamente minerali argillosi. Il panetto di argilla generalmente si presenta sotto forma parallelepipedo del peso di 25kg, la migliore argilla è di colore grigio, molto scivolosa al tatto. Per tagliare il panetto si usa un filo, comune filo da pesca non molto sottile, oppure del filetto di ferro cotto, entrambi i fili debbono avere all'estremità due pezzetti di legno per fare da manici. Si prende il filo alle estremità e si appoggia sull'argilla, si spinge il filo in basso fino a quando non si è arrivati in fondo, si stacca quindi il pezzo tagliato dal corpo del panetto, e la parte che non si usa e deve essere richiusa con la plastica dell'involucro. In questa semplice e veloce guida vi spiegherò, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, come impastare e modellare l'argilla.

28

Occorrente

  • Argilla
  • Barbotina
  • Acqua
  • Filo di ferro
38

Lavorazione a Colombino: questo sistema di modellare è tra i più antichi e caratteristici. Prendete l'argilla e fatene tanti bastoncini con le mani. Stabilite una base per la grandezza, e mettete sul bordo di quest'ultima un po' di barbotina come collante (che si ottiene diluendo l'argilla nell'acqua), iniziate quindi a girare intorno i bastoncini. Ad ogni piano che volete alzare dovete mettere un po' di barbotina per incollare lo strato successivo, continuate così fino a quando non reputate finito il lavoro. Vi trovate davanti ora il vostro vaso finito, avete ancora due possibili soluzioni per dire veramente finito il vostro lavoro, lasciarlo così a strati, oppure lisciarlo, rendere in altre parole le pareti lisce. Per ottenere le pareti lisce dovete fare degli altri bastoncini d'argilla, questa volta più piccoli, che dovrete sistemate tra gli interstizi del lavoro eseguito, poi all'ultimo con una stecca piatta dovrete passarci sopra per rendere liscio il tutto.

48

Lavorazione a pressione: la lavorazione a pressione consiste nel prendere una certa quantità d'argilla e lavorarla a pressione, per darle la forma desiderata. In questo tipo di lavorazione bisogna stare attenti a non rendere le pareti laterali tropo sottili, perché si potrebbero poi rompere in seguito in fase d'essiccazione o per muoverli prima della cottura.

Continua la lettura
58

Per una costruzione a spirale, gli oggetti da bobine di argilla consente una maggiore versatilità, ma richiede niente di più che le mani. Inizia con un pezzo di argilla che è stato incastrato correttamente. Separare l'argilla in diversi piccoli grumi di circa le stesse dimensioni. Prendere ogni grumo e rotolare in una palla. Utilizzando i palmi delle mani, spingere verso il basso su ogni palla e rotolare avanti e indietro. Questo processo inizierà a formare una lunga serpentina sottile. Spostare il palmo della mano in senso orizzontale e continuare a tirare ogni bobina per renderlo più a lungo. Fermarsi quando le vostre bobine sono lo spessore desiderato. Possono essere più spesso o sottile a seconda della forma che si vuole fare (usare bobine più piccole per fare una ciotola sottile parete, per esempio). Forma una bobina in una forma desiderata. Per esempio, per fare una ciotola rotonda, forma la bobina in un cerchio, e pizzicare le estremità insieme per chiuderla. Bobine di impilare uno sopra l'altro per rendere l'oggetto più alto. Utilizzare progressivamente piccole bobine per chiudere un oggetto (ad esempio, per rendere il fondo di una ciotola). È anche possibile iniziare con una lastra di argilla per formare il fondo di un oggetto (quale un piccolo cerchio piana da servire come il fondo di una ciotola). Premere delicatamente sulle bobine di unirsi a loro insieme e per smussare i lati del vostro oggetto.

68

Lavorazione a sfoglia: per fare vasi con questo sistema si debbono preparare delle sfoglie d'argilla con il matterello e tagliarle a grandezza voluta. Ogni bordo deve essere unito tramite il solito sistema della barbotina, e per avere una maggiore aderenza spingete dentro all'interstizio con un dito, un bastoncino d'argilla in modo da riempire eventuali spazi rimasti vuoti, mettete tutti i vostri lavori su un piano di legno e lasciate essiccare per la cottura.

78

Guarda il video

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come impastare il calcestruzzo

Il calcestruzzo è un aggregato di sabbia, ciottoli, ghiaia uniti al cemento reso morbido dall'aggiunta di acqua. Si presta a diversi tipi di lavorazione, dalle rifiniture edili alle fondazioni. Come impastare il calcestruzzo? Per impastare il calcestruzzo...
Materiali e Attrezzi

Come impastare lo stucco per parquet

Le pavimentazioni in parquet hanno ben pochi rivali in quanto a eleganza in una casa. Con il loro odore, colori, e il disegno che viene creato unendo i listelli tra di loro, sono più che sufficienti per rendere accogliente una stanza.Sfortunatamente,...
Materiali e Attrezzi

5 strumenti per lavorare l'argilla

Lavorare l'argilla vi permetterà di tirar fuori la vostra vena creativa più nascosta, appassionandovi e rilassandovi. La catarsi generata dalla pratica dell'arte vi condurrà a liberarvi dalle impurità dello spirito, portandovi a raggiungere uno stato...
Materiali e Attrezzi

Come ammorbidire l'argilla espansa

L'argilla espansa è un ottimo materiale molto utile per creare una base quando si piantano fiori e piante. Infatti l'argilla espansa consente di creare una base per il terreno in cui l'acqua possa defluire, di modo che le radici non si impregnino eccessivamente...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare l'argilla espansa in edilizia

L'argilla espansa è un materiale molto versatile, che possiamo ritrovare sia nel giardinaggio che nell'edilizia. Si presenta generalmente sotto forma di palline espanse, da cui prende il nome il materiale. Ha la caratteristica di mantenere il giusto...
Materiali e Attrezzi

Come impastare il gesso alabastrino

Il gesso alabastrino è molto usato per la produzione di stampi, manufatti in gesso, come possono essere cornici e rosoni, ma anche nella stuccatura e nell'integrazione di oggetti in ceramica. Oltre a essere idoneo per l'eseguire in opera modanature e...
Materiali e Attrezzi

Come modellare la creta

Dai ritrovamenti delle popolazioni più antiche fino ai film contemporanei, la storia racconta che modellare la creta è una attività che appassiona da sempre l'uomo, un hobby che stimola la fantasia, grazie alla facilità di plasmare il materiale in...
Materiali e Attrezzi

Come modellare la gommapiuma a cellula chiusa

Se abbiamo della gommapiuma cosiddetta a cellula chiusa, ovvero di tipo compatto e a forma di parallelepipedo, poterla tagliare e modellare non è facile. Occorrerà seguire delle tecniche ben precise, per evitare che possa sfibrarsi e soprattutto sbriciolarsi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.