Come inamidare i tessuti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Solitamente, per inamidare dei tessuti come ad esempio una tovaglia, una camicia, una maglia, si ricorre all'utilizzo di prodotti spray reperibili in qualsiasi supermercato ben fornito. Tuttavia se vogliamo invece effettuare questa operazione da soli a casa nostra, possiamo farlo in maniera molto semplice e senza spendere eccessivo denaro. Vediamo pertanto in questa guida come inamidare i tessuti.

25

Occorrente

  • Appretto con amido a crudo: 1l di acqua, 100 gr di amido, 1 panno bianco.
  • Appretto con amido cotto: 1l di acqua, 30 gr di amido, paraffina, borace, 1 panno di cotone.
35

Per inamidare dei tessuti direttamente a casa nostra, possiamo preparare due tipi di soluzioni: l'appretto con l'amido a crudo e l'appretto con l'amido cotto. Il primo è particolarmente adatto per inamidare tessuti come le tovaglie, i fazzoletti di stoffa o i colletti delle camicie. Per preparalo occorre sciogliere 100 grammi di amido in un litro di acqua. Dopodiché possiamo spruzzare tranquillamente il liquido ottenuto sul tessuto che vogliamo. In seguito stiriamo quando il tessuto è ancora umido.

45

L'appretto con l'amido cotto invece è l'ideale per quei tessuti che risultano essere più delicati e leggeri come ad esempio le tende o le stoffe di pizzo. Anche in questo caso, la preparazione è abbastanza facile da realizzare. Per prima cosa dobbiamo mettere sul fuoco un litro di acqua e sciogliere poi in un po' di acqua fredda circa 30 grammi di amido. Quando l'acqua comincerà a bollire, dobbiamo unire i due composti. In un primo momento il liquido apparirà piuttosto lattiginoso, perciò è preferibile continuare a farlo cuocere fino a quando non sarà diventato completamente trasparente. Infine, aggiungiamo una ridotta quantità di paraffina (una sostanza solida, leggermente untuosa al tatto) e di borace (un cristallo morbido, dal colore bianco, che si scioglie con grande facilità nell'acqua).

Continua la lettura
55

Una volta che avremo unito tutti gli ingredienti, dobbiamo mescolare attentamente per qualche minuto. In seguito dobbiamo aspettare fino a quando il composto non si sarà intiepidito. Dopodiché occorre filtrarlo mediante un panno di cotone pulito e non eccessivamente spesso. A questo punto la soluzione è pronta per essere utilizzata sui nostri tessuti. Ricordiamo che la biancheria dovrà essere bagnata con dell'acqua ben pulita, poi strizzata e immersa ancora umida. Lasciamola per alcuni minuti affinché la soluzione agisca correttamente. Successivamente dobbiamo strizzarla e stenderla in un luogo non esposto alla luce. Teniamo bene a mente inoltre che è consigliabile non adoperare nessuna molletta per fare in modo che non lasci alcun segno sulla stoffa. Stiriamo poi energicamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come inamidare il pizzo

Uno dei rimedi più antichi per il trattamento dei capi è quello di inamidarli. L'amido, posto sui tessuti, contribuisce a svolgere un'azione protettiva delle fibre. Inoltre esso tende a rendere quella parte di tessuto più rigida e più lucente, conferendogli...
Cucito

Come realizzare cestini all'uncinetto

La moda del fai da te ha due aspetti positivi: realizzare oggetti a prezzi contenuti e, non da ultimo, avere la soddisfazione di creare con poco qualcosa di concreto, a prescindere se sia o meno perfetto. In procinto di un'occasione, come una promessa...
Cucito

Come irrigidire un centrino all'uncinetto

L'uncinetto è uno strumento utilissimo per realizzare un'infinità di creazioni decorative: coperte, borse, costumi da bagno, abiti e cappelli, ma anche manufatti particolari, come bomboniere, centrini e orecchini. In questo caso si tratta di prodotti...
Cucito

Come cucire con la tecnica del sopraggitto antico

Un modo alternativo di cucire è rappresentato dal metodo a sopraggitto antico. Iniziamo col definire il sopraggitto: esso non è altro che l'unione di due pezzi (o lembi) di tessuto, già pronte o fatte all'uncinetto. Spesso vengono anche utilizzate...
Cucito

Come fare un angelo all'uncinetto

Le occorrenze sono tante e l'idea del fai da te stuzzica un po' tutte. Creare delle bomboniere per occasioni come un battesimo o una comunione non è solo un risparmio di denaro. Diventa anche una passione che può dare grandi soddisfazioni. Provate a...
Cucito

Come realizzare un cuore all'uncinetto

Realizzare un cuore all'uncinetto inizialmente potrebbe sembrarvi una procedura piuttosto complessa, ma dopo aver letto la guida capirete che invece potrete tranquillamente realizzarla con le vostre mani. In questo modo, oltre ad avere la possibilità...
Cucito

Come fasciare un cestino di rattan con lino e macramè

Rattan è il nome utilizzato per indicare varie specie di palme, il cui legno viene utilizzato per produrre dei mobili, delle ceste e differenti tipologie di accessori realizzati con le lavorazioni di intreccio. La particolare proprietà di questo tipo...
Cucito

Come realizzare un centro di pizzo a filet

Il filet costituisce un'arte popolare, la cui origine è risalente ai tempi remoti e che rappresenta una delle tecniche maggiormente semplici da imparare tra quelle che permettono di lavorare l'uncinetto: infatti, essa è basata su due punti essenziali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.