Come inamidare il pizzo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Uno dei rimedi più antichi per il trattamento dei capi è quello di inamidarli. L'amido, posto sui tessuti, contribuisce a svolgere un'azione protettiva delle fibre. Inoltre esso tende a rendere quella parte di tessuto più rigida e più lucente, conferendogli un'aspetto sempre nuovo. Possono essere inamidate svariate tipologie di tessuti e capi, dai colletti della camicia alle tovaglie da tavola. Vediamo in questa pratica guida come inamidare il pizzo.

27

Occorrente

  • Tovaglia di pizzo
  • Amido e acqua
  • Recipiente
37

Prima di iniziare con la procedura occorre assicurarsi che il capo in questione sia ben pulito ed asciutto e che non sia sgualcito a causa dell'invecchiamento, prestando eventualmente attenzione a pieghe e grinze, che vanno accuratamente spianate con un ferro a vapore. La prima fase di lavorazione prevede dunque l’immersione del tessuto di pizzo in un recipiente contenente una piccola quantità di amido liquido e si attende che venga assorbito del tutto. Possiamo ripetere questa operazione un numero diverso di volte in base a quale sia il livello di rigidità che intendiamo ottenere per quel capo. Una volta effettuata l'inamidazione, occorre stendere il capo e lasciarlo asciugare al sole stando attenti a fissarlo bene con delle mollette e lasciandoli per qualche ora.

47

Quando l’asciugatura è terminata, bisogna spruzzare sul pizzo un altro po’ di amido per dargli un ulteriore tocco di freschezza e creare una pellicola protettiva contro l’ingiallimento. Inamidare i tessuti di pizzo è dunque facile e poco dispendioso sia in termini di tempo che di danaro. Quando si decide di stirare un vestito o un qualsiasi altro tessuto di pizzo appena inamidato e che ci appare ancora un po’ umido, bisogna utilizzare un fazzoletto di cotone sopra l'abito e premere leggermente con il ferro caldo. Il calore infatti, è in grado di rinnovare e rinfrescare il tessuto in modo soddisfacente ed ad un costo bassissimo.

Continua la lettura
57

Non bisogna però commettere l'errore di esagerare con l'uso di amido sul pizzo per evitare un accumulo della sostanza che tende ad irrigidirlo troppo facendogli perdere la sua particolare trasparenza, soprattutto quando lo si indossa per mettere in evidenza le proprie forme anatomiche. L’amido per le sostanze inerti in esso contenute, può essere utilizzato per irrigidire anche i capi e i tessuti di pizzo colorati in quanto non provoca nessuna reazione chimica tale da scolorirli, anzi ne migliora ulteriormente l'aspetto estetico risaltandone i colori.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Provate prima il trattamento su una piccola parte del tessuto per vederne l'effetto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come riutilizzare un centrino

Molto spesso oggetti acquistati da noi in precedenza, perdono il loro utilizzo, il nostro interessamento nei loro confronti e smettono di funzionare. Ciò porta ad accumulare cose di cui non abbiamo più bisogno e ci ritroviamo pieni di scaffali con oggetti...
Altri Hobby

Come decorare un t-shirt bianca

Quanti di noi hanno almeno una t-shirt bianca nel proprio armadio che però non indossiamo più perché la riteniamo troppo 'noiosa' e monotona? Se avete una vena artistica di seguito troverete qualche idea per sbizzarrire la vostra fantasia e mettervi...
Altri Hobby

Come preparare il tavolo per il giorno delle nozze

Per il giorno delle nozze bisogna organizzare tutto in modo perfetto e pensarci parecchio tempo prima, affinché non si arrivi stressati o con qualcosa da fare proprio all'ultimo minuto. Ricordati che per il giorno del tuo matrimonio devi preparare anche...
Altri Hobby

7 modi per realizzare un piattino portaoggetti

Siete disordinati? Siete pieni di piccoli oggetti che perdete per la casa? Allora avete assolutamente bisogno di realizzare un piattino portaoggetti! Sono degli arredi semplici da realizzare. Per farli potete usare anche materiali di riciclo! Ma vediamo...
Altri Hobby

Come fare un cigno all'uncinetto

A volte si deve fare qualche regalo oppure si vuole rendere più grazioso qualcosa di proprio, ma si è indecisi sulla scelta da fare. In questo caso, se si è appassionati nei lavori all’uncinetto, si può cercare di realizzare qualcosa di unico ed...
Altri Hobby

Come Realizzare un Centrino Con Tela Di Juta

I lavori fai da te, specie negli ultimi anni, stanno conoscendo un crescente incremento anche a causa della crisi economica. Essi, infatti, sono in grado di garantire un risparmio economico e, al contempo, di poter ottenere effetti unici e personalizzati,...
Altri Hobby

Come realizzare cuscini con lo spago

I cuscini oltre ad arredare allo stesso tempo sono molto utili per salvaguardare le nostre sedie. In commercio si trovano cuscini di ogni genere e per ogni gusto. In questa guida invece andremo a spiegare come poter realizzare dei cuscini con lo spago...
Altri Hobby

Come vestirsi in stile teatral sexy

Sentirsi belle è una prerogativa molto importante per le donne e proprio per questo motivo spesso le vediamo indecise, a passare ore intere solo per scegliere il look da utilizzare in occasioni particolari. Quindi per aiutare tutte quelle donne un po'...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.