Come indurire la gommapiuma

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La gommapiuma è una sostanza che si presta agli utilizzi più svariati. Sul mercato commerciale si presenta di solito sotto forma di due tipologie: flessibile o rigida. La gommapiuma della seconda specie, detta appunto rigida, si utilizza prevalentemente come isolante per costruzioni, frigoriferi o congelatori. In questa guida vogliamo illustrarvi come indurire la gommapiuma per renderla adatta a differenti tipi di utilizzo.

24

Usare prodotti ad hoc

La gommapiuma è un materiale di moderna realizzazione che in questi ultimi anni ha sostituito la lana, le piume e la paglia. Soprattutto nel campo della creazione di materassi e cuscini, la gommapiuma può vantare oggi una grande utilizzazione. Ma non solo: essa viene inserita nell'intercapedine delle pareti per isolare meglio l'ambiente dal freddo o dal caldo. Come indurire la gommapiuma? Per prima cosa occorre sapere che la gommapiuma fa parte della famiglia dei il poliuretani, una sostanza che può essere resa dura grazie all'utilizzo di varie altre sostanze chimiche in commercio. Vediamo quindi quali sono i prodotti da utilizzare.

34

Spalmare lo stucco in pasta

Il primo prodotto è lo stucco in pasta. Un prodotto cremoso da spalmare sulle vostre opere di poliuretano per renderle resistenti e dure in poco tempo. Prima di utilizzarlo bisogna pulire per bene le superfici da trattare e miscelare il prodotto un paio di minuti. Dopo aver raggiunto una consistenza abbastanza densa, sarà possibile avvalersi del prodotto. Quindi basterà spalmarlo con un pennello sulla superficie di utilizzo e dopo poco tempo tale superficie sarà dura. Questo metodo è molto usato nelle scenografie cinematografiche o di altro genere, in quanto le rende lucide e perfettamente smaltate.

Continua la lettura
44

Stendere la pasta decorativa

Un altro prodotto è la pasta decorativa. Questo prodotto è composto prevalentemente di acqua, quindi pronto subito all'utilizzo. Viene usato per rendere rigide le strutture di gommapiuma che rappresentano statue o marmi poiché rende la superficie leggermente ruvida. Ideale per effettuare delle decorazioni. Esistono anche altri prodotti per indurire la gommapiuma ma il sistema di utilizzo è il medesimo. Basta scegliere il prodotto migliore per il vostro utilizzo. Vi basta scegliere tra la vasta gamma che trovate navigando in internet o recarvi in una ferramenta di fiducia. Quello che vi raccomandiamo è di utilizzare sempre le dovute precauzioni durante il lavoro, come gli indispensabili guanti protettivi per non entrare direttamente a contatto con i prodotti utilizzati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come modellare la gommapiuma a cellula chiusa

Se abbiamo della gommapiuma cosiddetta a cellula chiusa, ovvero di tipo compatto e a forma di parallelepipedo, poterla tagliare e modellare non è facile. Occorrerà seguire delle tecniche ben precise, per evitare che possa sfibrarsi e soprattutto sbriciolarsi....
Materiali e Attrezzi

Come colorare la gommapiuma

Il poliuretano espanso elastico viene denominato comunemente gommapiuma. Si tratta essenzialmente di un materiale morbido che serve per imbottiture o rivestimenti. In commercio è possibile reperirlo in diversi spessori e colori. Principalmente le tonalità...
Materiali e Attrezzi

Come attaccare la gommapiuma al legno

Come attaccare la gommapiuma al legno può essere un`operazione difficile a causa della natura assorbente della gommapiuma. Alcuni adesivi possono sciogliere la gommapiuma e renderla inutilizzabile, in questo caso la scelta giusta dell`adesivo da usare...
Materiali e Attrezzi

Come incollare la gommapiuma

La gommapiuma risulta essere esattamente un materiale spugnoso formato da fibre sintetiche che deriva dalla polimerizzazione di un derivato del petrolio. Per le sue principali caratteristiche quali la leggerezza, resilienza, vale a dire la capacità...
Materiali e Attrezzi

Come temprare l'acciaio laminato a freddo

Come sappiamo, l'acciaio è una lega di ferro e carbonio (sotto il 2,06%) utilizzata per la costruzione di svariati materiali. Dal momento che l'acciaio viene venduto dalle acciaierie in uno stato soffice, deve essere successivamente trattato con un particolare...
Materiali e Attrezzi

Come pulire i timbri

I timbri sono realizzati con gomma dura e vengono posizionati su una base di legno che funge da impugnatura. Alcuni modelli sono rifiniti in metallo o legno ed hanno superfici dure su cui sono scolpite le lettere che compongono le diciture da apporre...
Materiali e Attrezzi

Onigiri di stoffa: consigli per crearli

Negli ultimi tempi sono diventati diffusissimi gli onigiri, ovvero delle polpettine di riso di forma triangolare, che vengono decorate con delle alghe chiamate "Nori" di colore nero. Tipici della tradizione giapponese, gli onigiri, possono essere gustati...
Materiali e Attrezzi

Come ammorbidire l'argilla espansa

L'argilla espansa è un ottimo materiale molto utile per creare una base quando si piantano fiori e piante. Infatti l'argilla espansa consente di creare una base per il terreno in cui l'acqua possa defluire, di modo che le radici non si impregnino eccessivamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.