Come infeltrire la lana

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Si chiama "felting" o "fulling" il processo per infeltrire la lana, ed ottenere un materiale compatto e morbido, perfetto per la realizzazione di spille, borse, cappelli e pantofole. Tuttavia, in commercio è disponibile in pannelli pronti, già lavati e colorati in tinta unita o in numerosi colori, ma per gli amanti del fai da te sarà certo più divertente e gratificante seguire tutto il procedimento di produzione. Vediamo, passo dopo passo, come infeltrire la lana, un metodo abbastanza semplice che porterà ad ottenere un 'tessuto' senza trama o ordito. Sarà sufficiente avere a disposizione del filato in 100% fibre di lana grezza, senza alcuna presenza di acrilico o misti sintetici.

26

Occorrente

  • filato con 100% fibre di lana, sapone, acqua calda
  • bacinelle di varia misura
  • spugne
  • spazzolino per piatti
  • plastica a metro
  • forbici
  • cartone e stuoia
36

I tre fattori che contribuiscono all'infeltrimento delle fibre di lana sono: l'umidità, il calore e il lavoro meccanico. Per cominciare, si prepara un miscuglio di sapone ed acqua calda, miscelando circa 1-2 cucchiai (5-10 ml) di sapone con un litro di acqua, e si procede a sfregare la lana con le mani piene di sapone. Si deve, dunque, immergere la lana in acqua molto calda, a circa 40 gradi, con sapone liquido. Il sapone liquefatto a base di olio di pino è il più indicato, perché rende l'acqua moderatamente alcalina e neutralizza le sostanze acide. Questo facilita la lievitazione e apertura delle fibre. Inoltre, la superficie della lana, con l'utilizzo di questo sapone, scivola con più facilità e ne favorisce l'infeltrimento.

46

Si preparano due bacinelle: una con il sapone e l'altra per risciacquare. È necessario esercitare una certa pressione sugli strati di lana con una mano, perciò meglio posizionarli su un supporto rigido (un tavolo protetto da tela cerata o plastica). La pressione sulla lana permette di eliminare l'aria possibile e di avvicinare tra loro le fibre. Questa operazione porta già all'infeltrimento, ma il materiale è ancora sottile e poco resistente. Con la mano, ben insaponata, massaggiare la superficie della lana, con movimenti circolari dall'esterno verso l'interno. Quando la lana durante la lavorazione si raffredda, si aggiunge altra acqua calda e sapone. Il consiglio, per un risultato ottimale, è di fermarsi per lasciar riposare la lana, e poi ricominciare e di procedere un pezzo alla volta per sfruttare il calore dell'acqua.

Continua la lettura
56

Massaggiando e rullando, le fibre diventeranno così fitte da formare un tessuto compatto e resistente. Se la lana si attacca alle mani si deve aggiungere un po' di sapone; mentre se tutta la superficie si solleva insieme in modo compatto significa che il processo di infeltrimento è completato. A questo punto, è necessario infeltrire l'altro lato della lana; ma prima di procedere sul rovescio, però, è meglio eliminare l'acqua fredda in eccesso, ripiegando il lavoro in due o in quattro parti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • se la lana si attacca alle mani aggiungere altro sapone
  • se la lana si solleva in modo compatto, il processo è completato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come ottenere la lana cotta

La lana cotta viene usata principalmente per tessuti di grosso spessore, caldi e compatti. Questo procedimento viene ottenuto tramite la follatura, ovvero il processo che tende a restringere i tessuti in lana fino al 30%. In casa vostra è possibile eseguire...
Materiali e Attrezzi

Come fare la lana cotta

La lana cotta viene ottenuta tramite follatura dalla lana cardata e filata, un processo che la farà restringere fino al 30%, utilizzando ancqua calda e sapone.Ci sono due metodi che ti permetteranno di fare la lana cotta: il primo prevede l'utilizzo...
Materiali e Attrezzi

Come costruire pupazzi con lana e polistirolo

Spesso prima delle feste di Natale si tende ad acquistare oggetti decorativi. Questi serviranno per decorare la casa. Ovviamente senza prendere in considerazione l'eventualità di realizzarli con il fai da te! Infatti, osservandoli ci si rende conto...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la lana di roccia

La lana di roccia è un materiale di origini vulcaniche. Tra le sue peculiarità più importanti vanno annoverate in particolare le qualità fonoassorbenti e quelle isolanti, dovute alla sua singolare struttura a celle aperte. Oltre a ciò essa ha la...
Materiali e Attrezzi

Come fissare la lana di roccia al muro

La lana di roccia è un particolare silicato amorfo che si ricava dalla roccia; esso viene utilizzato in edilizia per coibentare le pareti. L’isolamento termico e acustico che si realizza con questo tipo di copertura prevede costi abbastanza contenuti....
Materiali e Attrezzi

Come tagliare i pannelli di lana di roccia

Combattere l'umidità nelle case è diventata sempre di più una priorità, e le operazioni non riguardano soltanto il fattore estetico; infatti, isolare una parete umida che genera macchie di verderame, significa anche salvaguardare la salute delle...
Materiali e Attrezzi

Come isolare con la lana di vetro

Chi abita in una casa molto antica, magari risalente a quaranta o anche cinquanta anni fa, può riscontrare il problema di un'umidità ed un freddo continuo, pur se la casa è riscaldata. Questo perché in passato per risparmiare, le abitazioni non venivano...
Materiali e Attrezzi

Come Fare Il Feltro

Le donne sono sempre molto attente alla moda, alla particolarità degli oggetti che comprano, ma soprattutto alla qualità con cui sono realizzati e alle rifiniture. Tra i materiali più apprezzati ed utilizzati possiamo annoverare il feltro. Il feltro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.