Come Iniziare a lavorare il fimo

Tramite: O2O 09/10/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come Iniziare a lavorare il fimo

Il fimo, conosciuto anche come pasta fimo, non è altro che una pasta modellabile di materiale sintetico. Si tratta quindi di un tipo di pasta che consente la modellazione di moltissime cose: la sua natura consente di lavorare anche gli oggetti più piccoli e dettagliati, come gli articoli di bigiotteria quali orecchini, collane, bracciali o particolari ferma-capelli. Il materiale di cui è composto il fimo viene definito termoindurente. Questo significa che una volta modellato a proprio piacimento, il fimo si indurisce grazie al calore, quindi cuocendolo in forno oppure anche a bagnomaria (anche se è un tipo di cottura molto meno utilizzato). È possibile trovarlo in commercio in diversi colori e tonalità oltre che di varie marche e qualità, a seconda dell'uso che se ne vuole fare. Vediamo quindi come iniziare a lavorare il fimo.

26

Occorrente

  • Fimo
  • Stuzzicadenti
  • Taglierino
  • Attrezzi specifici (per esperti)
36

Le varie tipologie di Fimo

Il fimo è facilmente reperibile nei negozi di belle arti oppure in quelli di bricolage e persino nelle cartolerie più fornite. Questa pasta modellante ha una vasta qualità di colori e di effetti "speciali". La versione classica è detta proprio Fimo classic, disponibile in diversi colori base, e si presenta abbastanza duro al tatto, ma lavorandolo per un po' con le dita, anche grazie al calore delle mani, diventerà molto più malleabile e quindi plasmabile, permettendo di eseguire lavori anche piuttosto precisi. C'è poi il Fimo soft, anche questo disponibile in diversi colori, ma la pasta si presenta già decisamente più morbida e facilmente modellabile. Esiste poi la versione Fimo Air che, a differenza delle altre, si indurisce ed asciuga semplicemente all'aria, risultando alla fine estremamente leggero.
Oltre alle colorazioni classiche, inoltre, esistono versioni ad effetto metallizzato, granito, trasparente, fluorescente e persino perlescente.

46

La lavorazione con gli strumenti giusti

Per i meno esperti è preferibile iniziare con il fimo soft perché più facile da lavorare. Per quanto riguarda gli strumenti da lavoro, in commercio ne esistono di specifici e persino bizzarri, ma non è necessario procurarseli subito tutti per iniziare a lavorare il Fimo, poiché in alternativa si possono utilizzare semplici taglierini, stuzzicadenti e altri oggetti già disponibili in casa o in cucina, per aiutarsi a modellare le forme che si desidera realizzare. In un secondo tempo, se si vorrà, si potranno acquistare strumenti più specifici e che si reputeranno utili e necessari. Per la lavorazione, invece, occorrerà sicuramente avere un po' di manualità: il calore delle mani, come già detto, renderà il fimo più malleabile e quindi più facile da lavorare.

Continua la lettura
56

La cottura del Fimo in forno

Una volta soddisfatti della forma che il fimo ha raggiunto, lo si deve fare indurire in forno ad una temperatura variabile tra i 110 e i 130°C. La fase di cottura è molto delicata e va affrontata con estrema attenzione. Se si supera la temperatura di 150°, infatti, il fimo può sprigionare sostanze tossiche potenzialmente pericolose che si andranno a depositare sulle pareti del forno. Anche il tempo di cottura è importante e varia in base alla dimensione dell'oggetto in questione: si va dai dieci minuti fino ad un'ora di cottura. Più l'oggetto è piccolo, dunque, meno tempo va tenuto in forno. Se l'oggetto viene lasciato in forno per troppo tempo si rischia che possa annerirsi. È molto utilizzata anche la cottura a "bagnomaria", poiché in tal modo si evita che il fimo possa bruciarsi. Sarebbe opportuno, dunque, procurarsi un fornetto apposito da dedicare solo alla cottura del fimo, evitando, quindi, di utilizzare il forno di casa con cui si cucina per scongiurare eventuali contaminazioni dei cibi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per la cottura del fimo è consigliabile utilizzare un forno dedicato appositamente a questo materiale perchè, se lasciato accidentalmente per troppo tempo in forno, il fimo può rilasciare sostanze tossiche che possono depositarsi nel forno e renderlo così nocivo per le operazioni successive di "ordinaria" cucina.
  • E' consigliabile, inoltre, mettere sotto gli oggetti modellati della carta da forno, durante la cottura.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come fare delle tartarughine in fimo

L'arte del fai-da-te è utile per creare tanti oggetti domestici che possono servire per arredare o per arricchire i nostri accessori da esporre in casa o da utilizzare come monili. Tra i materiali più utilizzati, adatti per realizzare piccoli oggetti...
Bricolage

Come fare la panna finta, per dolcetti in fimo

Sei un'amante dell'handmade, cioè del lavoro artigianale? Lavori il fimo e non sai come realizzare l'effetto panna? Per evitare di adoperare il classico silicone bianco che, purtroppo, non è un gran che per quel che concerne le creazioni in fimo, è...
Bricolage

Come Riparare Gli Oggetti In Fimo Rotti

Il fimo è un materiale sintetico che si può modellare abbastanza facilmente. Esso viene utilizzato per la realizzazione di piccoli oggetti che si solidificano attraverso le proprietà termoindurente di cui gode. Il fimo ha una consistenza tale che dà...
Bricolage

Come Realizzare Murrine In Fimo

Le murrine sono dei graziosi e preziosi oggetti in vetro, come ad esempio soprammobili, fermacarte, gioielli, tutti coloratissimi ed artigianali. È possibile ispirarsi a queste bellissime creazioni e realizzare qualcosa di simile e di altrettanto aggraziato...
Bricolage

Realizzare decorazioni natalizie in fimo

Il fimo è una pasta sintetica, molto versatile, che a differenza della pasta di pane, di sale e di mais ha il vantaggio di trovarsi in commercio già colorata, quindi non è necessario l'utilizzo dei colori dopo la cottura. È facilmente modellabile...
Bricolage

Come trasferire le immagini sul fimo con la tecnica laser

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori che sono dei veri e propri appassionati del bricolage, a capire come poter trasferire le immagini sul fimo, con la tecnica del laser. Sono davvero in tanti coloro che decidono d'imparare ad utilizzare...
Bricolage

Come cuocere correttamente gli oggetti realizzati in fimo

Nel mondo del fai-da-te c'è grande spazio per la creatività e l'inventiva. I piccoli oggetti decorativi sono tra i primi lavori che un principiante impara a creare. Piccoli ciondoli, charms, orecchini e bracciali sono tra i lavori più frequenti. E...
Bricolage

Come cuocere a bagnomaria il fimo

Il fimo è una pasta modellabile sintetica derivata dal petrolio che non secca all'aria ma necessita della cottura per indurirsi. Normalmente si cuoce in forno (a 110° per 30 minuti), ma non può essere utilizzato un forno che si usa anche per il cibo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.