Come inserire il pluviale in un pilastro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I pluviali sono tubi che permettono di raccogliere le acque del tetto e di convogliarle nella fognatura bianca o in appositi pozzetti di dispersione. C'è anche chi riutilizza le acque bianche per annaffiare le piante del giardino. Nella maggior parte dei casi i pluviali vengono sistemati esternamente e lungo le pareti della casa di solito agli angoli. Moderni architetti progettando nuove case possono concepirle come ben delineate e senza interruzioni, determinate dalla visibilità esterna del pluviale. In questo caso i pluviali vengono inseriti in appositi pilastri. Non esistono particolari controindicazioni a questa pratica, che fornisce alla casa una migliore estetica, l'unica accortezza è che il pluviale sia correttamente inserito. Come fare?

26

Occorrente

  • trapano
  • rivetti
36

È buona norma in primo luogo utilizzare pilastri in beton impermeabilizzato. È necessario saldare bene i pluviali che vengono inseriti nel pilastro in quanto in caso di perdita è inevitabile dover rompere la struttura del pilone per ripararla. Inconveniente questo che non si presenta nel caso di pluviali sistemati esternamente.

46

È da sconsigliare l'inserimento di tubi a bicchiere in quanto se questo con l'andare del tempo si deforma ed esce la guarnizione si verificano perdite di acqua. Nel caso l'altezza del pilastro sia molto elevata procuratevi pluviali più lunghi possibili, meglio se della lunghezza dello stesso pilastro. Questo vi eviterà di dover fare operazioni di collegamento tra i pluviali che con il tempo possono comunque essere soggette a perdite.

Continua la lettura
56

Qualora non riusciate a reperire pluviali sufficientemente lunghi allora dovrete necessariamente provvedere a collegarli insieme. Non vi accontentate del semplice meccanismo ad incastro tra i tubi. Il punto debole dei pluviali è proprio il punto di giunta. Per far si che i due tubi che andrete ad unire siano ben saldati oltre al meccanismo di incastro provvedete come segue: Procuratevi un trapano con una punta molto sottile 2 mm circa e praticate due fori nel tubo nel punto di incastro, In pratica il foro dovrà prendere i due tubi uniti proprio nel punto di contatto. Una volta praticato il foro inserite dei rivetti. Questi salderanno i due tubi e renderanno più sicura la giunta tra i due. Per una migliore saldatura provvedete a siliconare i rivetti. Questo impedirà che l'acqua con la quale sono a contatto li ossidi facendo cedere il loro meccanismo di tenuta. A fine di questa guida vi consigliamo di inserire pluviali nei pilastri solo se strettamente necessario per ragioni estetiche. I pluviali esterni si gestiscono con maggior facilità.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • usate tubi pluviali di lunghezza pari al pilastro

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come sostituire un pluviale in rame

Se all'esterno della nostra casa notiamo che quando piove l'acqua anzichè convergere nel pluviale, fuoriesce all'esterno dell'apposito convogliatore in rame (a forma di imbuto), non è difficile capire che si tratta di una lesione o di un foro, per cui...
Materiali e Attrezzi

Consigli per installare un pluviale circolare

Se sul nostro terrazzo abbiamo deciso di installare un pluviale di tipo circolare, è importante prima di procedere con il lavoro di posa, seguire alcuni consigli in merito. Si tratta infatti di piccoli ma funzionali accorgimenti che a lavoro ultimato,...
Materiali e Attrezzi

Come installare un pluviale circolare

Se per la nostra casa e precisamente in prossimità del tetto, intendiamo installare un pluviale per la raccolta e lo smistamento delle acque piovane, è importare sapere che in commercio oltre ai vecchi modelli dalla tipica forma ad imbuto, ce ne sono...
Materiali e Attrezzi

Come installare una prolunga flessibile sul pluviale

Se abbiamo intenzione di ripristinare un pluviale, senza spostare il vecchio pozzetto ubicato sul terrazzo, possiamo rimediare aggiungendo una prolunga. Nello specifico si tratta di utilizzarne una di tipo flessibile che è possibile tenere a vista,...
Materiali e Attrezzi

Come installare un pluviale su una parete di cemento

Dopo aver installato una grondaia, è necessario montare anche i pluviali discendenti per non vanificare tutto il lavoro. Hanno infatti il compito di allontanare le acque meteoriche dal tetto e dalle pareti, convogliandole in un pozzetto di ispezione,...
Materiali e Attrezzi

Come collegare un raccogli foglie ad un pluviale

Quando una casa si trova in prossimità di un zona alberata, può nascere il problema non trascurabile legato alle foglie che specie in autunno tendono ad intasare il pluviale, impedendo di conseguenza il corretto smistamento delle acqua piovane. Per...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare un pluviale di alluminio

Un pluviale è quello che comunemente viene definito "grondaia", ed è utile per la raccolta delle acque piovane nei periodi di pioggia. In questo modo l'acqua non cade liberamente dal tetto e viene raccolta mediante il tubo di cui si compone il pluviale,...
Materiali e Attrezzi

Consigli per la scelta di un pluviale in pvc

L'acqua piovana rappresenta una della maggiori cause d'infiltrazione nelle nostre case ed è quindi importante progettare un ottimo sistema per incanalarla. Proprio a questo servono i pluviali (comunemente chiamati grondaie) che con il loro opportuno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.