Come installare il lavello incassato in un piano di lavoro

Tramite: O2O 30/01/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono dei veri e propri appassionati del metodo del bricolage e del fai da te, a capire come poter installare il lavello incassato, in un piano di lavoro. Sono davvero in tanti coloro i quali si appassionano a questo mondo, mediante il quale poter creare, con le proprie mani, qualcosa di davvero unico e speciale, per il proprio appartamento, riuscendo non solo a risparmiare, ma anche ed in particolar modo a mettere in pratica la propria manualità e fantasia! Se anche noi stiamo montando una cucina nuova o rinnovando quella vecchia, dovremo ricordare che uno dei lavori che dovremo sicuramente affrontare sarà la sistemazione di un lavello incassato in un piano di lavoro. Le operazione da eseguire non sono molto complicate, ma dovranno essere eseguite con precisione. Leggiamo con estrema attenzione questa guida, semplice e veloce, per capire come eseguire il lavoro. Pronti per iniziare? Buon lavoro e buon divertimento a tutti!

27

Occorrente

  • Pennarello
  • trapano
  • seghetto alternativo
  • raspa
  • silicone
  • martello e punzone
37

Iniziamo subito con il dire che se il nostro piano di lavoro è già fissato, dovremo iniziare il lavoro controllando che sotto ci sia spazio sufficiente per i bacini del lavello, poi passiamo pure a contrassegnare il contorno della sagoma del lavello sul piano. A questo punto, quando avremo fatto, passiamo a praticare un foro passante nel pezzo del piano di lavoro da togliere, poi inseriamo la lama del seghetto alternativo, ma mettiamo un supporto sotto il pezzo da asportare.

47

Una volta che avremo eseguito questa operazione, dovremo sistemare per bene il lavello nel foro praticato, in modo che sia a livello con il piano di lavoro. Se si dovesse blocca, eliminiamo l'ostacolo utilizzando una raspa. A questo punto, alcuni livelli devono essere montati con una guarnizione di plastica o di gomma. Se dovesse mancare, applichiamo intorno al foro una striscia di silicone, prima di sistemare il lavello. Clicchiamo pure su questo link per maggiori info:

Continua la lettura
57

Quando avremo concluso questa fase di lavoro, inseriamo il lavello nell'incasso, e dopo aver controllato la correttezza di questo lavoro, dovremo fissarlo al suo posto con i fermagli appositi. Ora puliamo pure con estrema attenzione, eventuali tracce di silicone fuoriuscite dai bordi del foro. Adesso, se il lavello non ha i fori per i rubinetti, mettiamo la sagoma apposita sul punto previsto da forare, quindi, con un martello e un punzone, pratichiamo i fori passanti, in modo da installare i rubinetti.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Basta davvero poco e con un pò di pazienza e tanta buona volontà, saremo in grado di realizzare un lavoro davvero unico e molto originale!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come costruire un lavello di cemento

Nel costruire, arredare o rimodernare la casa, spesso e volentieri sottovalutiamo la scelta del lavello nella cucina, perché non consideriamo la reale importanza che ha. Esso è un elemento d'arredo importantissimo, che usiamo ogni giorno e che riduce...
Bricolage

Come realizzare un tavolo lavello

Se avete acquistato una casa in campagna, un casolare, o più semplicemente se l'avete ereditata, sarà senza dubbio necessario ristrutturare alcuni ambienti o loro parti, per renderla il più personale possibile. Inoltre, se siete appassionati del "fai-da-te",...
Bricolage

Come cambiare un rubinetto d'arresto incassato

i cosiddetti rubinetti d'arresto, detti anche valvole d'arresto servono, molto semplicemente, per aprire o chiudere il flusso dell'acqua in varie occasioni. Sono infatti utilizzati in diversi dispositivi, come ad esempio lo scaldabagno, una caldaia, ma...
Bricolage

Come montare un miscelatore al lavello da cucina

Il miscelatore del lavabo in cucina è la parte che più si usura. Calcare e consumo dei materiali sono il motivo principale della rottura improvvisa delle componenti interne. Ripararlo il più delle volte non conviene, si corre il rischio di sprecare...
Bricolage

Come realizzare un tavolino con piano in legno e gambe in ferro

Per quanto riguarda il fai da te relativo alla realizzazione di mobiletti in legno, è bene premettere che si tratta di un lavoro creativo ed alquanto interessante, ma non alla portata di tutti, essendo molto faticoso. Pertanto, chi non possiede abbastanza...
Bricolage

Come impedire che l'argilla si attacchi sul piano

Negli ultimi anni, sempre più persone si dedicano alla creazione di nuovi oggetti, che possono essere vasi, piatti, cornici, piastrelle o semplici decorazioni per la casa. Il materiale più utilizzato è l'argilla, una tipologia di terra compatta che...
Bricolage

Come sostituire la termocoppia del piano cottura

Gli elettrodomestici, anche i più robusti, possono subire danni nel tempo. Usura e logorio colpiscono anche le loro funzionalità. Col passare degli anni potremmo notare un calo nella resa. La fiamma di uno dei fornelli della cucina, per esempio, potrebbe...
Bricolage

Come realizzare un tavolino con piano alzabile

La realizzazione di un tavolino con piano alzabile è un progetto di falegnameria abbastanza semplice, più di quanto vi possiate immaginare. Il piano alzabile permette di portare il tavolino ad un'altezza ottimale per facilitare tutta una serie di normali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.