Come installare un impianto satellitare

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Dopo una giornata di impegni e lavoro, non c'è niente di meglio di una serata tranquilla guardando i propri programmi preferiti. Non tutti i canali però sono visibili in chiaro, motivo per cui moltissime persone si sono dotate di un impianto satellitare con relativo abbonamento, per vedere tutti i canali che desiderano. Se anche voi volete un impianto satellitare non c'è bisogno di un tecnico, ma con questa guida potrete imparare da soli ad installare un efficiente e solido impianto per la vostra casa. Procuratevi infatti il materiale necessario e seguite questi semplici passaggi, per ottenere il risultato sperato. Vediamo quindi insieme come installare un impianto satellitare.

27

Occorrente

  • Antenna parabolica
  • Uno o più LNB a seconda del tipo di impianto
  • Ricevitore o decodeder satellitare
  • Accessori e cavi
37

Scegliere il luogo per l'installazione

Per ricevere i segnali satellitari la parabola deve avere il satellite pienamente visibile, cioè senza ostacoli (ad esempio alberi, edifici, pali, ecc.) che impediscono di comunicare con la parabola. Oltre alla classica installazione sul tetto la parabola si può mettere sulla ringhiera di un balcone oppure ancorata ad una parete. In questo caso la staffa deve essere abbastanza lunga in quanto la parabola deve essere distante circa 30 cm dalla parete, altrimenti si hanno problemi di inclinazione.

47

Sistemare le componenti elettroniche e le staffe

Il convertitore (LNB) è la parte elettronica che riceve i segnali satellitari e li converte in frequenze gestibili dal ricevitore per farli visualizzare sul televisore. Il convertitore è semplice da montare; basta bloccarlo al braccio della parabola con le apposite staffe metalliche oppure di plastica. L'illuminatore deve essere diretto verso il fuoco principale (o secondario nel caso di dual feed) della parabola; le staffe sono dimensionate in maniera da posizionare il convertitore sul fuoco.

Continua la lettura
57

Puntare la parabola per il segnale

Prima di fissare la parabola al palo con dadi e bulloni bisogna affinare il puntamento del satellite. Senza questa particolare procedura infatti potrebbero non vedersi tutti i canali. Meglio quindi controllare prima la puntatura e poi finire di avvitare ogni bullone, così da non dover smontare e rimontare la parabola più volte. Ricordatevi quindi che in Italia, affinché potiate localizzare tutti i canali televisivi, la parabola deve essere puntata in direzione Sud. L'operazione di puntamento viene fatta utilizzando una semplice bussola oppure uno strumento chiamato "Satellite finder". Quest'ultimo serve ad analizzare lo spettro delle frequenze da 1 a 2 GHz. Una volta compiuta la sintonizzazione, il lavoro sarà completato e potrete godervi tutti i canali satellitari nella comodità del vostro salotto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Puntate il segnale prima di avvitare tutti i bulloni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come installare un impianto di irrigazione

Per avere un magnifico giardino pieno di fiori stupendi, o un orto che ci dia verdure fresche e sane, è necessario annaffiare continuamente il campo seminato, altrimenti non avremo niente di tutto questo. Magari a causa del lavoro non c'è il tempo...
Casa

Come installare la parabola

Da qualche anno a questa parte, le antenne paraboliche hanno invaso i tetti di tutte le case, in seguito soprattutto alla rivoluzione nei sistemi delle trasmissioni radio-televisive, che ha introdotto un gran numero di canali tra i quali poter scegliere....
Casa

Come aggiungere un nuovo termosifone a un impianto

Aggiungere un termosifone nuovo ad un impianto è un'operazione abbastanza semplice. Quando scegliamo di installare un certo numero di termosifoni, lo facciamo considerando alcuni fattori fondamentali, come ad esempio il salto termico e la temperatura...
Casa

Come individuare un guasto nell’impianto elettrico casalingo

Nella guida che seguirà ci occuperemo di un impianto elettrico casalingo. Nello specifico, infatti, andremo a scoprire come riuscire ad individuare un guasto nell'impianto elettrico casalingo. Lo faremo in modo graduale, passo dopo passo, per facilitare...
Casa

Come realizzare un impianto di scarico

Bisogna considerare come prima cosa la possibilità di due soluzioni per realizzare un impianto di scarico: la prima è quella di installare un tubo unico dove acque nere e bianche confluiscono nello stesso medesimo condotto per poi giungere nel pozzetto...
Casa

Come aggiungere un generatore a vento all'impianto solare

Collegare un generatore eolico ad un determinato impianto fotovoltaico rappresenta un potenziamento di quest'ultimo perché, dal tramonto all'alba oppure durante le giornate nuvolose, il pannello solare non genera tensione elettrica e di conseguenza le...
Casa

Come realizzare un piccolo impianto luce a led

Le luci a led sono molto funzionali, sia per le loro dimensioni contenute, che per il loro design neutro, abbinabile a qualsiasi genere di ambiente e di arredamento. Un altro buon motivo per creare un impianto luce di questo tipo, è la portata luminosa,...
Casa

Come mettere a norma un impianto elettrico

Uno dei fattori fondamentali di un'abitazione nuova o vecchia, è senza dubbio la predisposizione di un impianto elettrico abbastanza efficiente che rispetti le norme. Quando l'impianto non è a norma, è bene per la sicurezza di tutti trovare un modo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.