Come installare un pluviale su una parete di cemento

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Dopo aver installato una grondaia, è necessario montare anche i pluviali discendenti per non vanificare tutto il lavoro. Hanno infatti il compito di allontanare le acque meteoriche dal tetto e dalle pareti, convogliandole in un pozzetto di ispezione, collegato con una fogna bianca comunale.
Nel caso in cui quest'ultima sia assente, il pluviale termina con una curva a gomito a 90° e scarica direttamente a terra o sul marciapiede, generando disagi alle persone e problemi di umidità alla casa.
L'opera di installazione è semplice e può essere effettuata da soli (con le dovute precauzioni di sicurezza), ma al tempo stesso richiede molta attenzione, essendo costituita da piccoli passaggi che vanno accuratamente verificati, specie per evitare il rischio di perdite d'acqua dall'alto.
Ecco alcuni consigli su come installare un pluviale su una parete di cemento.

27

Occorrente

  • Scala
  • Tubo pluviale
  • Ganci di fissaggio
  • 2 curve a 45°
  • Trapano elettrico con punta di 2 mm
  • Terminale di ghisa
37

La gronda è collocata ai margini del tetto e sporge dal muro, in genere 70-80 cm, quindi è lontana dal pluviale discendente, che va fatto scendere lungo la parete e fissato ad essa tramite ganci.
Una curva a 45° va pertanto collegata al boccolotto che fuoriesce dalla grondaia, il quale confluisce in uno spezzone di pluviale posto in maniera obliqua e diretto verso quello fissato a muro.
Il tratto di collegamento dovrà a sua volta essere collegato ad un'altra curva a 45°, da incastrare nel pluviale discendente a muro.

47

Tutti i componenti finora citati possono essere incastrati l'uno nell'altro senza problemi, visto che i pluviali hanno tutti un bicchiere nell'estremità superiore, che fa sì che il pezzo superiore possa essere infilato senza difficoltà e scorrere.
I pluviali discendenti vanno fissati alla parete con gli appositi ganci di bloccaggio.
Fatto ciò, è necessario realizzare almeno 2 fori con un trapano elettrico dalla punta di 2 mm, al fine di unire un pezzo all'altro.
Essi vanno poi rivettati, e infine poi siliconati con l'apposita pistola.

Continua la lettura
57

Come detto all'inizio, è bene che il pluviale discendente non scarichi direttamente sul marciapede per evitare problemi di umidità alla casa e disagi a chi la vive.
Piuttosto nella sua estremità inferiore va sempre collocato un terminale di ghisa, in genere lungo 2 metri, da fissare alla parete attraverso ganci di sostegno.
La ghisa è un materiale super resistente agli urti e quindi impedirà che esso si deformi o si rompa.
Il terminale dovrà confluire in un pozzetto di cemento prefabbricato (in genere 40x40 cm), collegato ad una fogna bianca comunale per il corretto smaltimento delle acque meteoriche.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Accertarsi che tutti i pezzi collegati siano sempre ben siliconati per evitare che le perdite d'acqua danneggino con il tempo la parete a caua dell'umidità

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come installare un pluviale circolare

Se per la nostra casa e precisamente in prossimità del tetto, intendiamo installare un pluviale per la raccolta e lo smistamento delle acque piovane, è importare sapere che in commercio oltre ai vecchi modelli dalla tipica forma ad imbuto, ce ne sono...
Materiali e Attrezzi

Consigli per installare un pluviale circolare

Se sul nostro terrazzo abbiamo deciso di installare un pluviale di tipo circolare, è importante prima di procedere con il lavoro di posa, seguire alcuni consigli in merito. Si tratta infatti di piccoli ma funzionali accorgimenti che a lavoro ultimato,...
Materiali e Attrezzi

Come rinforzare una parete composta da blocchi di cemento vuoti

Se in casa avete innalzato una parete usando dei blocchi di cemento vuoti, è importante rinforzarla sia per garantirvi maggior sicurezza e stabilità che per renderla nel contempo funzionale. In tal caso si possono inserire dei chiodi o dei fischer senza...
Materiali e Attrezzi

Come installare le tegole di cemento

L'istallazione delle tegole può essere un processo laborioso e difficile. I materiali più usati comunemente sono cemento oppure argilla. Sia che si tratti di una sostituzione delle tegole danneggiate, oppure che vengano installate nuove tegole, è sempre...
Materiali e Attrezzi

Come installare una fossa biologica in cemento

Avete acquistato una nuova abitazione ma vi siete resi conto che non è stato realizzato il collegamento alla rete fognaria dinamica? Niente paura, è possibile risolvere il problema mediante l'installazione di una fossa biologica. Tale operazione è...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire un pluviale in rame

Se all'esterno della nostra casa notiamo che quando piove l'acqua anzichè convergere nel pluviale, fuoriesce all'esterno dell'apposito convogliatore in rame (a forma di imbuto), non è difficile capire che si tratta di una lesione o di un foro, per cui...
Materiali e Attrezzi

Come collegare un raccogli foglie ad un pluviale

Quando una casa si trova in prossimità di un zona alberata, può nascere il problema non trascurabile legato alle foglie che specie in autunno tendono ad intasare il pluviale, impedendo di conseguenza il corretto smistamento delle acqua piovane. Per...
Materiali e Attrezzi

Consigli per posare i blocchi di cemento

Nel momento in cui ci si appresta ad alzare una parete con dei blocchi di cemento bisogna fare attenzione alla modalità di posa. I blocchi di cemento hanno una forma un po' diversa rispetto al classico forato, ma per linea generale si mantengono sempre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.