Come Installare Un Tritarifiuti Nel Lavandino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il tritarifiuti è uno degli apparecchi poco presenti nelle case degli italiani. In commercio ne esistono di diversi modelli, che si distinguono in base alla potenza. Si tratta di apparecchi altamente efficienti, silenziosi, provvisti di sistemi anti-corrosione; il dispositivo viene avviato mediante un interruttore pneumatico che può essere posto sul lavello o sul piano di lavoro. Per quanto riguarda i prezzi, sul mercato esistono modelli semplici che costano più o meno 200 o 300 euro per arrivare a modelli un po’ più sofisticati, sempre per uso domestico, che possono anche costare 1.500 euro. Vediamo come installare un tritarifiuti nel lavandino di casa propria.

26

Occorrente

  • Tritarifiuti
  • Kit di montaggio
36

Installare il tritarifiuti risulta essere un'operazione piuttosto semplice, questo perché in commercio sono presenti dei kit di montaggio che consentono di provvedere da soli all'installazione del proprio tritarifiuti. L'unica modifica che è necessario apportare al proprio lavandino riguarda l'incremento del diametro del foro dello scarico, al fine di adattarlo all'imboccatura del tritarifiuti; è tuttavia possibile svolgere tale operazione semplicemente utilizzando una fresa conica in acciaio, creata proprio per allargare i fori dei lavelli. Successivamente sarà sufficiente leggere e attuare passo dopo passo le istruzioni riportate nel kit di montaggio, rispettando accuratamente l'ordine di posizionamento esatto delle varie guarnizioni.

46

Come prima cosa è necessario controllare i vari pezzi e l'ordine di montaggio della flangia di bersaglio del bocchettone. Ricordatevi di tenere fermo il bocchettone di scarico del lavandino, dopodiché procedete infilando le componenti del tritarifiuti nell'ordine giusto, secondo quanto vi dicono le istruzioni del produttore. Continuate il processo stringendo le viti di fissaggio, in maniera da ottenere una tenuta stagna. Lubrificate l'orlo interno della flangia di gomma, proprio nella parte superiore dell'apparecchio, utilizzando una piccola quantità di vasellina.

Continua la lettura
56

Una volta eseguita questa operazione, inserite il tritarifiuti al suo posto, in modo che la flangia di gomma si inserisca in quella applicata al bocchettone del lavello. Tenete sempre a mente che l'apparecchio deve rimanere appeso. Giunti fin qui fate ruotare il tritarifiuti, affinché risulti essere allineato al tubo di scarico; serrate a fondo l'anello di fissaggio con le viti. Preparate quindi il sifone a 'P' e collegatelo mediante il suo collarino al tubo curvo. Continuate il lavoro controllando che i collarini facciano tenuta. Infine collegate il tutto al tubo di scarico. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'unica modifica che è necessario apportare al proprio lavandino riguarda l'incremento del diametro del foro dello scarico, al fine di adattarlo all'imboccatura del tritarifiuti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come cambiare la guarnizione del lavandino

La guarnizione del lavandino funziona silenziosamente sotto il lavello e il suo compito è quello di evitare che fuoriesca l'acqua dalle tubature. La parte visibile dello scarico del lavandino, chiamata "flangia", è collegata sotto con un pezzo di tubatura...
Bricolage

Come rendere idrorepellente un lavandino in gasbeton

Il gasbeton, nome commerciale del calcestruzzo aerato autoclavato, è un materiale da costruzione preconfezionato, noto soprattutto per la sua leggerezza e la sua resistenza, in particolare alle elevate e basse temperature. Fra i molti prodotti che è...
Bricolage

Come installare un sifone a bottiglia

Quando c'è da eseguire qualche piccolo grande lavoretto domestico, non sempre è necessario ricorrere ad un esperto. La semplice chiamata ad un fabbro, un idraulico o un elettricista, può arrivare a costare anche 30 o 40 euro, senza contare il costo...
Bricolage

Come installare un tubo in pvc per fognatura

Scegliere un buon tubo in PVC significa scegliere una resina con potenzialità altissime di rigidità. Installare un tubo composto di questo materiale significa sostanzialmente assicurarsi la buona riuscita di un lavoro, poiché, la polimerizzazione spontanea...
Bricolage

Come installare un tienitenda

Se si desidera rendere più bella e accogliente la proprio abitazione mettendo le tende alle finestre, la prima cosa da fare è installare al muro un tienitenda. Si tratta di una parte fondamentale quando si desidera applicare una tenda in una finestra....
Bricolage

Come installare un caminetto elettrico

Chi non ha il desiderio di avere in casa un caratteristico caminetto che, oltre a dare il giusto calore, crea anche quell'atmosfera unica che solo un caminetto sa dare? A tal proposito, in questa guida, vi mostrerò come installare nella maniera corretta...
Bricolage

Come installare una canalina elettrica

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo è possibile installare una canalina elettrica, con le nostre mani. Infatti riuscire a realizzare qualcosa da soli, senza l'aiuto di esperti, è sempre più un' abitudine che si sta diffondendo...
Bricolage

Come installare il citofono

Qualunque appartamento è provvisto di un citofono o videocitofono, affinché chiunque possa suonare al cancello senza fare una telefonata. L'installazione del citofono o videocitofono non è sicuramente un lavoro semplice da compiere. Quest'ultimo si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.