Come intrecciare cestini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'intreccio di cestini è una delle attività manuali più antiche ed utili, nata per la necessità di plasmare dei recipienti, utilizzando spesso materiali poveri e naturali, come il salice ed il vimini. In diverse epoche si è poi optato per l'uso di rafia, o altri "fili" vegetali, con un’alta consistenza, poiché, l'ordito deve avere una resistenza tale da permettere una successiva tessitura delle pareti, ovvero la trama. Per la creazione di questi contenitori, si sono sempre utilizzati materiali naturali che, un tempo, erano decisamente poco costosi, mentre oggi risultano cari e poco reperibili. Seguendo questa guida potrete imparare come intrecciare cestini con qualsivoglia materiale.

26

Occorrente

  • cata di giornali o stecche di midollino
  • filo di vimini o tessuto
  • colla
36

Occorrente

Per forgiare, quindi, dei contenitori, che potrete adoperare nei modi più diversi, dovete procurarvi alcune lunghe fettucce resistenti, è consigliabile l’utilizzo di vecchi giornali ripiegati per lungo o dei classici rami di salice, che incrocerete, uno con l'altro, per produrre una base.
Le forme che potete realizzare sono molte, tonde, quadrate, astratte, tutto dipende dalla manualità e dalla fantasia che porrete nel lavoro e da come lo inizierete, cominciando a incrociare più bande, procedendo, infine, in tondo o sovrapponendole in perpendicolare, alternandole per creare una tessitura quadrata o rettangolare.
Se userete la carta potrete anche decidere di arrotolarla per migliorarne la consistenza e rendere il risultato finale più stabile e simile ai veri cestini artigianali in midollino.

46

Il punto base

Creato il fondo, inserendo, con molta cautela, le fettucce della trama, sopra e sotto quelle dell'ordito, arriverete al punto di avere una base. Basterà piegare in verticale le strisce dell'ordito per poi procedere lungo le pareti e crescere in altezza, così da arrivare alla quota desiderata o, comunque, quella permessa dalla lunghezza dell'ordito. Ricordate che dipende dalla lunghezza di queste strisce la totale altezza del vostro manufatto. Per chiudere il lavoro, dovrete piegare la parte finale delle strisce e fermarle saldamente nelle maglie inferiori.

Continua la lettura
56

Opzione: Carta

Nel caso in cui optate per la carta, basta qualche goccia di colla a caldo per stabilizzare il tutto, al contrario, se utilizzate il vimini, ricordate di bagnarlo e di incastrare le parti finali con le maglie precedenti. Come avete potuto capire il procedimento è molto semplice, basta infatti alternare la trama e l’ordito. Inoltre, ora che avete appreso la tecnica, potete provare con diversi materiali come la stoffa e le cannucce di plastica.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se lavorate le fibre vegetali bagnatele per una notte
  • Se utilizzate carta o tessuto, formate più strati altrimenti la struttura sarà meno resistente

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come calcolare l'ordito

Quando si parla di ordito si intendono generalmente un certo numero di fili che uniti alla trama formano un tessuto. In tessitura esso viene principalmente adoperato per creare oggetti di una certa grandezza come ad esempio un tappeto, un copriletto oppure...
Bricolage

Come fare un cestino in legno

Un cestino, a seconda sella sua dimensione e della sua struttura, può essere utilizzato per diversi scopi: contenere la frutta, dei giocattoli o dei fiori, ma può essere anche regalato riempito di prodotti tipici o essere semplicemente esposto in casa...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un telaio per tessitura

La tessitura è un'attività artigianale che unisce profonde radici storiche, che sconfinano nel mito, all'incanto della creazione. Racconta la storia dei luoghi in cui si pratica. Permette di realizzare a mano tappeti, sciarpe, borse, coperte o maglie....
Cucito

Come Utilizzare Il Pettine Liccio Per Tessere Sul Telaio A Subbi

I subbi sono una parte del telaio, per la tessitura artigianale e/o industriale. Dalla forma cilindrica, sono in legno o metallo, posizionati tra le spalle del macchinario. Il subbio posteriore porta l'ordito; mentre quello anteriore raccoglie il tessuto...
Cucito

Come lavorare con il telaio

Il modo migliore, con cui potere affrontare il lavoro al telaio, è quello di raccogliere un po' tutti i filati che avete sparsi per casa e di usarli, anche su uno stesso ordito, per vedere gli effetti che si possono ottenere con essi. Con uno stesso...
Cucito

Come Preparare L'Ordito Sul Telaio A Subbi

La tessitura è un'arte antica che affonda le sue radici negli albori della storia: è in grado di catapultarci in un tempo scandito solamente dai giri della navetta. Lo strumento che ne permette l'esistenza, il telaio, è stato nel corso dei secoli sempre...
Cucito

Come Preparare Il Filo Sul Telaio A Cornice

La tessitura è una particolarissima arte che consiste nel realizzare un tessuto intrecciando il filo di ordito con quello di trama.Generalmente, quando abbiamo bisogno di un tessuto, preferiamo acquistarlo già pronto per essere utilizzato, recandoci...
Cucito

Come fare il ricamo d'arazzo

In questo articolo che seguirà, vi diamo spiegazioni relativamente a come fare il ricamo d'arazzo. Il ricamo d'arazzo è una forma di arte tessile. Veniva creato tradizionalmente su un telaio in posizione verticale. Oggigiorno viene realizzato invece...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.