Come isolare esternamente uno scaldabagno elettrico

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Lo scaldabagno elettrico è una delle principali cause di un elevato consumo di elettricità. È molto pratico e può essere installato ovunque esiste una presa elettrica. Inoltre, non costo moltissimo e non richiede manutenzioni complicate, ma impiega una notevole quantità di energia per il riscaldamento dell'acqua. Se si vogliono limitare i costi bisogna scegliere un modello isolato per evitare che l’acqua calda si raffreddi in breve tempo. Per risparmiare ulteriormente si possono adottare alcuni accorgimenti; leggendo questo tutorial si può scoprire come isolare esternamente uno scaldabagno.

25

Quando si installa lo scaldabagno nell'abitazione bisogna montarlo in un punto ben protetto della casa. Infatti, l’isolamento termico evita che l’ambiente esterno influisce sul suo funzionamento. Per questo motivo non va posizionato sulle pareti fredde della casa oppure accanto ad una finestra. È opportuno collocarlo il più vicino possibile agli impianti da esso serviti (vasca o piatto doccia, lavatrice, ecc.); l'acqua calda quando passa nei tubi disperde calore e se percorre una notevole distanza si ha un notevole spreco di energia.

35

Per non far lievitare la bolletta è opportuno regolare il termostato dell'apparecchio a 40°C nei mesi caldi ed a 60° C nel periodo invernale. Infatti, è inutile e costoso superare queste temperature. Occorre comprare un timer (si trova a pochi euro nei negozi di materiale elettrico, negli ipermercati o nei centri per bricolage) per stabilire l'orario di accensione dello scaldabagno. Esso infatti va acceso qualche ora prima dell'utilizzo dell'acqua calda; è poco sensato tenerlo acceso nelle ore (sia diurne che notturne) in cui non si utilizza.

Continua la lettura
45

Si può ricorrere anche ad un ulteriore stratagemma per ottenere degli ottimi risultati. Si può creare sullo scaldabagno un isolamento termico "a cappotto" per proteggere il calore interno dell'acqua. Per la sua realizzazione bisogna procurarsi del materiale isolante come la lana di roccia oppure del feltro; in alternativa si può utilizzare anche un vecchio plaid di lana. Occorre creare una copertura a forma di cappuccio (si può utilizzare del nastro adesivo da pacchi per unire le parti) per ottenere una specie di "vestito".

55

Poi si ricopre ulteriormente lo scaldabagno con un telo impermeabile all'aria; in questo modo si dà all'elettrodomestico un aspetto maggiormente ordinato. Infine, è fondamentale effettuare questo tipo di lavoro con molta attenzione e cautela, rispettando scrupolosamente le varie norme per i collegamenti di parti elettriche ed idrauliche. Se si hanno dei dubbi è consigliabile rivolgersi al rivenditore dello scaldabagno oppure ad un elettricista per avere le adeguate informazioni o istruzioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come regolare la temperatura dello scaldabagno

Ogni abitazione affinché si avvicini alle aspettative di ognuno di noi, deve completarsi con tutti quei complementi d'arredo ed elettrodomestici necessari al nostro fabbisogno giornaliero. Dobbiamo dunque acquistare i mobili adatti ed istallare sistemi...
Casa

Come sostituire un flessibile dello scaldabagno

Capita spesso che il flessibile che allaccia lo scaldabagno elettrico all'impianto idraulico di casa si buchi e quindi occorre sostituirlo. Certo chiamare un idraulico comporta una spesa anche se non eccessiva. Se vi siete precedentemente cimentati in...
Casa

Come testare uno scaldabagno

Se abbiamo appena acquistato uno scaldabagno nuovo ed intendiamo testarlo, ci sono alcune semplici regole da seguire molto importanti sia per garantirne la funzionalità a lungo termine che, per ottimizzare i consumi energetici. La guida che segue sicuramente...
Casa

Come pulire l'interno di uno scaldabagno elettrico

Nel corso degli anni e soprattutto nelle zone in cui è in uso dell'acqua molto ricca di calcio, il calcare tende ad accumularsi all'interno dello scaldabagno dando vita a delle incrostazioni anche di rilievo. Per rendere lo scaldabagno efficiente, ed...
Casa

Come accendere lo scaldabagno a legna

Riuscire a risparmiare su luce e gas, senza però dovere rinunciare ai comfort, sembra impossibile. Eppure una soluzione ingegnosa esiste ed arriva dal passato! Probabilmente non molti conoscono le virtù di uno scaldabagno a legna e forse non sanno neppure...
Casa

Come pulire lo scaldabagno

Non tutti conoscono il procedimento corretto per rimuovere il calcare dal proprio scaldabagno. Esso si forma a causa dell'elevata temperatura dell'acqua e perché il carbonato di calcio si adagia sulla resistenza elettrica. Quando si verifica questa situazione...
Materiali e Attrezzi

Come installare uno scladabagno elettrico

Lo scladabagno è un elettrodomestico molto importante che svolge la funzione essenziale di riscaldare l’acqua del nostro impianto idrico domestico. Per installare uno scaldabagno elettrico non serve una particolare competenza, muniamoci solo di pazienza...
Casa

Come manutenere la resistenza di uno scaldabagno elettrico

Se in casa abbiamo uno scaldabagno elettrico, è molto importante controllare periodicamente l'efficienza della resistenza che è soggetta a bruciarsi a causa dell'accumulo di calcare che si genera intorno ad essa. Per evitare che ciò accada, è necessario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.