Come lavare i capi di seta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I capi di seta sono molto belli e particolari senza dubbio, ma allo stesso tempo sono molto delicati. Per il loro lavaggio occorre utilizzare degli accorgimenti in modo da non rovinarli. Sull'etichetta, di solito, compare la scritta "lavaggio a secco", però è possibile lavare con particolare delicatezza il tessuto, senza andare in lavanderia. Perciò potrete li lavare sia in lavatrice, che a mano. La gradazione non deve essere maggiore ai 30°, in quanto si rischia il restringimento degli indumenti. È assolutamente fondamentale, quindi, fare molta attenzione ai passaggi che seguono. In questo breve articolo, vedremo come lavare i capi di seta.

25

Occorrente

  • acqua
  • detersivo
  • mezzo limone
  • 1 cucchiaio di sale
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
35

Prima di tutto dovrete riempire una bacinella di acqua fredda, mettete un po' di detersivo delicato e introducete dentro il capo. Per non avere brutte sorprese, naturalmente, è bene non strofinarlo troppo. Dopo che lo avrete lavato, innovate l'acqua nella bacinella e mettete anche un cucchiaino con aceto bianco. Questa operazione, vi servirà per far in modo di mantenere il capo morbido e luminoso. Terminato questo passaggio, mettetelo a bagno per qualche minuto nuovamente, poi lo potrete risciacquare in modo veloce senza strizzarlo troppo. Lasciate asciugare all'ombra, preferibilmente, e anche lontano da fonti di calore, in quanto lo potrebbero danneggiare.

45

Cosa molto importante e fondamentale è quella di non usare assolutamente la candeggina in quanto si rischia di rovinare il capo, proprio perché è molto delicato. Se dovete togliere i cattivi odori, bisogna mettere in ammollo sempre col solito detersivo però aggiungendo anche un cucchiaino di bicarbonato.
Se i capi sono di seta colorata, per detergerli dovrete fare queste operazioni:
- mettete il capo in ammollo con acqua fredda per almeno mezz'oretta;
- aggiungete ovviamente il detersivo classico;
- aggiungete anche un cucchiaio di sale.
Se sono presenti macchie particolari da togliere, strofinate lievemente e lasciate riposare per almeno 15 minuti. Per finire risciacquate con acqua corrente.

Continua la lettura
55

Se le macchie, invece, sono difficili da togliere, il consiglio che vi propongo è quello spremere mezzo limone nell'alone, e strofinare in modo delicato. Lasciate agire per mezz'oretta circa, e a seguire mettere il capo in acqua fredda, con l'aggiunta di un cucchiaio di sale. Lavare come sempre. Dopo l'asciugatura del capo, potrete stirarlo. Fate molta attenzione a quest'ultimo lavoro, in quanto la temperatura non deve essere troppo alta. In più è bene mettere un panno di cotone tra il ferro da stiro ed il vostro capo, in modo da evitare episodi spiacevoli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come lavare i vostri capi di lana

Quando si ha a che fare con il lavaggio dei capi di lana non bisogna pensare sia semplice o normale farlo, infatti, il processo di lavaggio di questi tessuti è diverso rispetto agli altri, ed un errato lavaggio può causarne il rovinamento. Dunque, in...
Casa

Come stirare i vestiti di seta

La seta è uno dei tessuti più delicati per cui stirarli non è affatto facile, soprattutto perché è molto rischioso, e richiede una mano lenta e molta pazienza. Imparare a farlo correttamente garantisce una lunga durata al vostro capo e nel contempo...
Casa

Come rimuovere macchie di pennarello dai capi delicati

Avendo dei figli piccoli, spesso ci si deve scontrare con macchie di pennarello su capi anche delicati. Comunque questo problema non riguarda soltanto i bambini, anche noi adulti spesso, grazie a un po' di distrazione, ci ritroviamo con una bella traccia...
Casa

Come non far stingere i capi colorati

La lavatrice, da sempre, è il primo alleato delle massaie: la sua introduzione ha sgravato tutte dall'impegno quotidiano di lavare a mano, per ore e ore. Per usarla al meglio occorre, però, destreggiarsi tra alcune indicazioni, le quali consentono di...
Casa

Come stirare le sciarpe di seta

La seta è un tessuto pregiato che viene impiegato nella realizzazione di indumenti come sciarpe, foulard e camicie. Viene prodotta dai bachi da seta i quali formano un bozzolo da cui si ricava il prezioso contenuto. Originariamente venne utilizzata per...
Casa

Come tingere la seta e la lana

A volte frugando nel baule delle lane e dei cotoni, potreste trovare qualche gomitolo avanzato da lavori precedenti, mediante i quali è possibile realizzare qualche altro lavoretto. L'unica cosa che vi trattiene però è il colore, infatti i gomitoli...
Casa

Come lavare i panni bianchi

Spesso l'idea di lavare panni bianchi ci preoccupa e dobbiamo cavarcela da soli. Ecco a tal proposito una serie di consigli utili per effettuare un ottimo lavaggio senza danneggiare i capi: passi preliminari, separazione degli indumenti in base al tessuto,...
Casa

Come pulire pellicce e capi in pelle

Quando finisce la stagione fredda vengono riposti negli armadi o nei soppalchi tutti gli indumenti pesanti, come per esempio i capi in pelle e le pellicce, ma spesso accade che quando li andiamo a riprendere li ritroviamo rovinati o sporchi. Sapete in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.