Come lavorare a macramè

Tramite: O2O 30/05/2018
Difficoltà: facile
19

Introduzione

Il macramè è una tra le tecniche di ricamo più apprezzate nel mondo. Spesso si assimila erroneamente al pizzo o a un intreccio gradevole di nodi, mentre invece si tratta di un tipo di merletto a nodi, che possiede delle radici molto antiche e profonde. Il nome deriva dalla parola araba "migramah" e significa "frangia per guarnizione". Questo termine, probabilmente, è entrato a far parte della lingua italiana grazie a dei marinai provenienti dalle colonie oltremarine che approdavano in Liguria. Infatti, è proprio una tecnica tipica di questa regione, usata inizialmente esclusivamente per decorare le frange degli asciugamani. Questa guida è rivolta a tutti coloro intendono iniziare a scoprire come lavorare il macramè. In particolare, nei passaggi successivi ci occuperemo di capire come bisogna procedere per lavorare a macramè.

29

Occorrente

  • Filato di materiale e grossezza desiderata
  • Cuscino o tombolo
  • Spilli (q.b.)
  • Forbici
39

Utilizzare un filo ritorto e resistente

Innanzitutto è necessario premettere che si può utilizzare qualsiasi tipo di filo, che cotone, canapa, lana, juta, fibra sintetica, seta o ciò che preferite. La cosa importante è che sia ben ritorto e resistente. Si inizia appuntando, mediante due spilli, sul cuscino/tombolo il portanodi (un filo orizzontale atto ad accogliere i "fili annodatori") con due nodi provvisori eseguiti sugli spilli stessi. Ma non si pensi che questa tecnica possa essere realizzata con difficoltà, perché, al contrario, basterà solo un pizzico di pratica per padroneggiarla con una buona disinvoltura.

49

Scegliere il nodo d'avvio

Da questa breve descrizione, risulterà subito evidente come nella tecnica del macramè assuma un'importanza notevole il concetto di nodo. Non a caso, vi sono vari tipi di nodo da poter realizzare con il macramè. Il nodo semplice, come vedremo, rappresenta il tipo più agevole ed iniziale di nodo. Ma poi vi sono anche il nodo piatto e tutte le sue varianti, come il nodo doppio e il mezzo nodo. Successivamente si può lavorare questa tecnica effettuando il cosiddetto nodo giuseppina. Molto conosciuti ed utilizzati sono anche il nodo cordoncino e le noccioline. Per iniziare a lavorare con il macramè, molto importante è anche conoscere i motivi che si possono realizzare con questa tecnica: i più conosciuti sono senza dubbio il nexma, lo jasmine e il warda. Nel prossimo capitolo vi illustreremo, entrando nel dettaglio, come iniziare a lavorare a macramè.

Continua la lettura
59

Iniziare dal nodo semplice

Come già accennato, bisogna dunque sapere che esistono diversi nodi d'avvio. In questo caso, essendo questa guida rivolta a persone alle prime armi, andremo a descrivere quello più semplice: come prima cosa bisognerà munirsi di un filo di lunghezza non eccessiva, piegarlo a metà facendo coincidere le due estremità. Così facendo, da una parte si sarà formato un "cappio" che bisognerà introdurre sotto al portanodi. Infine, bisognerà far passare l'estremità, all'interno del cappio appena creato.

69

Tendere il filo di destra

A questo punto si può decisamente passare alla lavorazione vera e propria del nodo semplice, quindi, sarà necessario innanzitutto tendere il filo di destra e tenerlo fermo verso il basso e successivamente andremo ad annodare il filo di sinistra su quello in tensione. Quello che si dovrà fare è ripetere questi due passaggi fino al termine del lavoro. Ovviamente, per una buona riuscita del lavoro, è molto importante esercitarsi costantemente, fino a quando non si avrà acquisita la giusta dimestichezza con questa antica tecnica.

79

Realizzare l'oggetto

Oltre al nodo spiegato in questa guida, è bene sapere ve ne sono molti altri (cordoncino, navetta, scambiato, piatto, etc.) e altrettanti se ne possono inventare! Il consiglio è quello di utilizzare sempre dei materiali riciclati, poiché renderanno le creazioni davvero uniche nel loro genere e quindi difficilmente ricreabili. Come abbiamo già spiegato nell'introduzione, in passato il macramè veniva utilizzato solamente per decorare le frange degli asciugamani, ma ora viene utilizzato molto di più. Ultimamente, infatti, stanno spopolando molti bijoux, lavorati mediante questa tecnica: anelli, bracciali, collane, orecchini, decorazioni varie. La fantasia non ha limiti e sicuramente, così come sicuramente non ne hanno i possibili intrecci eseguiti in macramè!

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per iniziare a padroneggiare la tecnica del macramè, iniziate col realizzare sempre un nodo semplice
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come fare un pizzo macramè

Il Macramè è una tecnica che ha origini molto antiche. Mentre il nome Macramè deriva dall'arabo. Questo indica un merletto definito a pizzo. La lavorazione consiste nell'eseguire una serie di nodi legati fra di loro. Naturalmente partendo da una base...
Cucito

Come realizzare un segnalibro a macramè

Il macramè è una tecnica di cucitura di merletti che ebbe origine in Turchia. Questa tecnica consente di creare, tramite l'unione di più nodi realizzati in modo differente, moltissime decorazioni su tessuti e oggetti. Il macramè viene utilizzato per...
Cucito

Come realizzare un vestito in macramè

Il macramè è tornato da un paio di anni a fare breccia nel cuore della moda. Canottiere, borse e addirittura gioielli fatti con questa tecnica di origine araba, sfilano sulle passerelle e per le strade delle città. Anche diversi manufatti decorativi...
Cucito

Come creare una farfalla a macramè

Il macrame è una particolare tipologia di pizzo in tessuto che impiega diversi nodi per realizzare degli elementi utili e decorativi. Nel macramè su posdo usare essere diversi fili ed è impiegato anche per la realizzazione dei gioielli. Inoltre, il...
Cucito

Come chiudere braccialetti macramè

I bracciali sono un accessorio, femminile e non, sempre di moda.Ce ne sono in commercio di tantissimi tipi, modelli, colori e prezzi, talmente reperibili che ormai ci sono ragazze che li creano da sé.Ed è proprio di questo che tratteremo in questa guida,...
Cucito

Come attaccare un pizzo al macramè

Che meraviglia il pizzo! Sottile e impalpabile come un velo, oppure con i tipici ricami del raffinatissimo macramè, romantico e stupendo in tutti i colori possibili. È elegantissimo in bianco, avorio e rosa chiarissimo, ed è modernissimo anche in tinte...
Cucito

Come lavorare la maglia volant

Oggi vogliamo proporre un articolo davvero molto interessante ed utile, per tutti coloro che amano lavorare a maglia e nello specifico vogliamo imparare a tutti costoro, come lavorare la maglia volant, nel migliore dei modi ed in maniera facile e veloce.La...
Cucito

Come Lavorare I Guanti A Un Dito Con Due Ferri

Nel caso in cui bisogna lavorare dei guanti a un dito con due ferri, si va incontro ad una particolare cucitura sul lato interno della mano (del guanto). Questo guanto è praticamente uno dei più semplici da realizzare usando i ferri, nonché probabilmente...