Come lavorare a maglia tricot

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I lavori a maglia sono tornati molto di moda in questi ultimi anni. Danno la possibilità di creare qualsiasi tipo di indumento. Partendo da un semplice paio di calze per arrivare sino a complicati vestiti da sera passando per maglie di tutti i tipi, top, scaldacollo, gonne, minigonne, cappellini, sciarpe. Insomma si può creare veramente l'impossibile soltanto adoperandosi un po ed avendo alcune conoscenze teoriche ma, soprattutto, facendo tantissima pratica. Infatti maggiore sarà la pratica migliore sarà il risultato finale. In questa guida vi darò alcuni consigli ed indicazioni su come lavorare a maglia tricot.

25

Occorrente

  • ferri 9
  • lana di varie tipologie
35

Il termine tricot, maglia in francese, sta ad indicare tutto ciò che può essere intrecciato, incatenato per realizzare una maglia. La lavorazione è abbastanza semplice; vi basterà creare degli intrecci con qualsiasi tipo di lana e ferro. Questa lavorazione è stata usata tantissimo nelle ultime sfilate di moda e si pensa provenga dagli anni prima di cristo e che, già i greci, la usavano ai loro tempi per creare dei capi di abbigliamento. Si possono utilizzare semplici giri in dritto e rovescio per poi creare degli intrecci. Potete vedere nel video una dimostrazione pratica di lavoro tricot.

45

Vi mostrerò in particolare come creare una bella sciarpa calda, comoda ma anche alla moda. Un esempio facile di tricot. Prima di tutto procuriamoci della lana ed uniamo 2 fili di Plummet ed un filo di Enticelles. Acquistiamo, se non ne abbiamo a disposizione, due ferri 9; utilizziamo punto legaccio. Montate tre maglie sul vostro ferro 9 e lavorate il primo giro dritto (una volta dietro ed una volta avanti, senza lasciare la maglia). Dal secondo giro in poi aumentate di uno lavorando due volte la prima e l'ultima maglia. Questi aumenti vanno effettuati ad ogni giro. Al termine dei giri chiudete il lavoro lasciano la maglia molto morbida. Il risultato finale sarà una sciarpa di circa un metro e mezzo per cinquanta centimetri. Potete sostituire le due lane prese in considerazione per questo progetto con una lana del tipo Mohair messa doppia ed un filo di lana Lamè in tinta. Alle estremità potete ornare la sciarpa con dei pompon fatti col la stessa lana utilizzata per il lavro oppure fate penzolare dei fili intrecciati di lana.

Continua la lettura
55

Il tricot è anche utilizzato nel design moderno. Con questo stile vengono creati complementi di arredo come rivestimenti per vasi, copri cuscini, copri letto, o addirittura lavorati direttamente sul telai di una sedia per crearne la seduta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come iniziare a lavorare a maglia

Saper realizzare dei piccoli accessori lavorando ai ferri è davvero un passatempo utile oltre che divertente e distensivo. Lavorare a maglia infatti vi permetterà di rilassarvi e al tempo stesso creare degli indumenti utili per tutta la famiglia. Inoltre,...
Altri Hobby

Come lavorare a maglia jacquard con i ferri

Esistono diversi tipi di lavori eseguibili attraverso l'utilizzo dei ferri. Un tipo di lavorazione in particolare permette di realizzare maglioncini, maglioni, cardigan o quello che più vi piace da indossare in qualsiasi occasione. La tipologia di tessitura...
Altri Hobby

Come fare una mantellina a maglia

Il lavoro a maglia permette di creare degli orginali capi di abbigliamento, come sciarpe, cappelli e maglioncini. Chi è abile in quest'arte può realizzare soprattutto per il periodo invernale indumenti personalizzati spendendo pochi soldi. Una volta...
Altri Hobby

Come usare il metodo Zimmermann per chiudere i lavori a maglia

Il mondo della maglia non è solo costellato da soffici gomitoli e interminabili fili di morbida lana da intrecciare, ma è anche il frutto di un lavoro accurato e minuzioso reso possibile dall'utilizzo di tecniche ben precise. Molto spesso il primo metodo...
Altri Hobby

Come fare dei calzettoni a maglia

La lavorazione a maglia è un'arte molto antica e non esclusiva del genere femminile. Infatti fino al XIX secolo erano gli uomini a eseguire questo tipo di lavoro. Essa si realizza con strumenti detti "ferri" che possono essere di diverso materiale (alluminio,...
Altri Hobby

Come realizzare guanti medievali in cotta di maglia

Nel Medioevo insieme alle armature venivano indossati anche degli indumenti realizzati in cotta di maglia, ovvero usa sorta di rete metallica protettiva. In riferimento a ciò, se intendiamo realizzare dei guanti medievali della stessa natura, ecco allora...
Altri Hobby

Come realizzare il punto farfalla a maglia

Tutti coloro che lavorano a maglia sicuramente amano cimentarsi in nuove creazioni, variando i punti che si utilizzane. Sia che vogliate realizzare una maglia, così anche come una sciarpa, una cuffietta per bambini oppure un paio di scarpette da neonato,...
Altri Hobby

Come eseguire un giromanica a maglia

Fare un giromanica rappresenta, per molte persone che lavorano a maglia, una parte molto difficile da eseguire, la quale comunque non richiede grandissima fatica. Bisogna premettere comunque che esistono differenti tipi di giromanica: questi variano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.