Come lavorare la pasta acrilica

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa guida, passo dopo passo, vi forniremo le indicazioni utili su come lavorare al meglio la pasta acrilica. Questo tipo di pasta, risulta essere facilmente reperibile in qualsiasi negozio, ma si può anche realizzare direttamente tramite il fai da te, utilizzando in questo caso dei prodotti che si possono trovare senza particolari difficoltà. Sempre con la pasta acrilica, è possibile lavorare su qualsiasi supporto, in quanto aderisce a tutti i tipi di superficie, inoltre è possibile modellarla conferendo un aspetto a tre dimensioni ed ottenendo un effetto reale a dir poco eccezionale. Vediamo come procedere.

26

Caratteristiche

Va detto prima di tutto che tramite la pasta acrilica è a dir poco perfetta per fare in modo di realizzare numerose opere che abbiano sia un rilievo, che un volume ed una profondità. Questo perché la pasta in questione è un materiale piuttosto plasmabile e che si può lavorare con molta facilità. Modellandola con accuratezza con le dovute tecniche, si attribuisce al risultato finale un aspetto molto realistico, dovuto alla corposità della sostanza che si va ad utilizzare. L'impasto è inodore e non nuoce alla salute. Si possono ottenere effetti particolari utilizzando basi di ceramica, vetro o altro tipo di materiale.

36

Lavorazione

In merito all'utilizzo vero e proprio della pasta acrilica ci si dovrà servire di spatole stecche o pennelli in caucciù. Preparare dunque la base del supporto che si desidera avendo cura di fornire lo spessore adeguato al soggetto che si intende riprodurre. Sempre usando i medesimi strumenti, modellare secondo le proprie intenzioni. Stendere il composto e creare prominenze, rocce ed onde. Successivamente, si dovrà definire il soggetto con il pennello per accentuarne o scolpirne ulteriormente la sagoma, aiutandosi anche con le dita. Si deve ricordare che la pasta è possibile utilizzarla anche così come viene fornita nella confezione, vale a dire bianca o di colore diverso e poi dipingerla come si desidera non appena quest'ultima sarà del tutto asciutta. Con tale pasta, sarà quindi possibile creare bomboniere, vari tipi di oggetti, case, castelli ed infine mattoni di piccole dimensioni che sono utili per decorare i presepi e molto altro ancora.

Continua la lettura
46

Essiccazione

I tempi di essiccazione dipendono dallo spessore che abbiamo dato alla base e possono variare da uno sino ad un massimo di quattro giorni. Una volta che sarà trascorso tale periodo, bisogna accertarsi che l'opera abbia raggiunto la massima solidità. Infine, tutti gli strumenti utilizzati possono essere puliti adoperando acqua e sapone.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come lavorare il fimo liquido

Nell'hobbistica del fai da te, il fimo liquido riveste un ruolo importante: sin dalla prima commercializzazione del prodotto molti hanno intuito di poter lavorare in piena libertà con il composto, sfruttando le sue caratteristiche in tanti modi diversi....
Materiali e Attrezzi

Come lavorare la fibra di carbonio

La fibra di carbonio è uno dei materiali tecnologici che oggi ha sostituito quasi del tutto alcuni metalli e cavi; infatti, viene utilizzata per la costruzione di svariati prodotti sia nel campo edilizio che in meccanica. Per fare un esempio oggi le...
Materiali e Attrezzi

5 attrezzi per lavorare la terra

Realizzare un piccolo orto o un giardino è un'impresa che richiede una serie di competenze e di attrezzi utili ai fini della coltivazione. Esistono infatti numerosi strumenti che ci permettono di lavorare il nostro terreno in base alle necessità. Che...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare il legno adatto alla lavorazione del tornio

Nel settore delle produzioni artigianali sono numerose le tecniche con cui è possibile realizzare opere artistiche e strumenti di arredo o utensili dall'uso quotidiano. L'elemento fondamentale per rEalizzare elementi durevoli e di alta qualità ruota...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare i blocchi di cemento cellulare

I blocchi in cemento cellulare hanno rivoluzionato il mondo dell'edilizia, inquanto la loro invenzione ha consentito di usufruire degli innumerevoli vantaggi che essi offrono. Questo materiale, infatti ha un peso molto inferiore rispetto al calcestruzzo...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare il polistirolo espanso

Per realizzate piccoli lavoretti in casa e oggetti per decorarla, esistono moltissimi materiali differenti. Tra questi, uno dei materiali più versatili è il polistirolo espanso, che oltre ad essere usato per l'isolamento termico e acustico della casa,...
Materiali e Attrezzi

5 attrezzi per lavorare il cortongesso

Il cartongesso è uno dei materiali che oggi si utilizza tantissimo in edilizia, e si rivela prezioso in casa per chi ama il fai da te. Con questo composto che come si evince dal nome stesso, è un semilavorato a base di cartone pressato e gesso, si possono...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare il plexiglas

Riuscire a creare degli oggetti o delle strutture con un particolare materiale, potrebbe essere molto utile, ma non sempre si riesce a farlo. Infatti, possono mancare le competenze necessarie, oppure, il tempo utile per potersi mettere all'opera ed imparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.