Come lavorare la pietra lavica

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pietra lavica (o basalto) è un elemento originato da fiumi di lava incandescente che possiede qualità assolutamente inimitabili: durevolezza, indistruttibilità e resistenza agli sbalzi termici. Si tratta di un materiale in grado di offrire svariate possibilità di impiego, come ad esempio in diverse opere urbane, pavimentazioni e vari complementi di arredo adibiti ad usi interni. In seguito al procedimento di ceramizzazione, questo tipo di pietra non si macchia. Inoltre, non trattiene l'unto, respinge il calcare ed è di semplice manutenzione. Per questi motivi, viene spesso utilizzato nella produzione di piani per le cucine e per i bagni. Leggendo questa guida, potrete scoprire come è possibile lavorare la pietra lavica, un prodotto unico al mondo per la propria composizione.

26

Occorrente

  • Pietra lavica
  • Attrezzatura adatta
36

Estrazione della pietra

Anzitutto, l'estrazione di questi grossi ammassi basaltici, avviene in grandi cave con l'utilizzo di apposite attrezzature, come gru e pale meccaniche. I blocchi vengono poi inviati alle varie industrie della lavorazione, che provvedono ad effettuarne una primo trattamento. È possibile lavorare la pietra lavica con diversi metodi. Per gli usi esterni si utilizza, ad esempio, la tecnica del piano segato e del bocciardato. Nel primo caso, viene effettuato un taglio con particolari lame che rende lo strato superficiale della pietra lievemente ruvido.

46

Tipologie di utilizzi

Nel secondo caso, invece, la pietra viene martellata utilizzando punte diamantate che creano minuscoli fori in superficie. Per adibirla ad usi esterni, la pietra lavica si tratta eseguendo la tecnica dell'anticato, vale a dire procedendo con trattamenti idro ed oleo-repellenti. Oltre a ciò, viene utilizzata la tecnica del lucidato, ottenuta lisciando la superficie della pietra con particolari abrasivi o, ancora, quella del satinato, che avviene "spazzolandola" meccanicamente. Successivamente, utilizzando pietra lavica di prima scelta, vengono creati meravigliosi elementi con decorazioni esclusive eseguite a mano.

Continua la lettura
56

Cottura della pietra

Queste, possono essere smaltate tramite il processo di ceramizzazione. Con questa tecnica, la pietra viene spruzzata con colori privi di piombo e posta a cuocere a quasi 1000°. Questo le permette una perfetta fusione con il colore, il quale si fisserà in maniera tale da rendersi assolutamente resistente ed inattaccabile da tutto, anche dagli acidi. Arrivati a questo punto, conoscete le basi per la lavorazione della pietra lavica. Se volete approfondire, visitate i vari siti web presenti tra i "link utili".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come realizzare un portacandele con una pietra

Da alcuni anni sono tante le persone che abbracciano il fai-da-te come nuovo passatempo. Per molti è una vera, piccola arte. Per altri una passione o addirittura un mestiere. I piccoli lavori d'artigianato consentono di esprimere la propria vena creativa....
Altri Hobby

Come realizzare un portacenere in pietra leccese

Se il nostro hobby preferito è la scultura, possiamo utilizzare la pietra leccese che è di origine calcarea e molto antica. La sua denominazione è dovuta al luogo di origine; infatti, è meglio conosciuta come pietra bianca, che si presta molto per...
Altri Hobby

Come creare una lampada in pietra leccese

Se dunque abbiamo a disposizione un blocco rettangolare in pietra leccese, nei passi successivi ci sono le istruzioni su come creare una lampada. La prima regola da seguire riguarda la sicurezza; infatti, quando si scolpisce la pietra, sia con scalpelli...
Altri Hobby

Come usare una pietra refrattaria

Chissà quante volte capiterà di voler preparare qualcosa di gustoso e croccante. Magari una fragrante pizza con una crosta dorata e saporita. La cottura è sempre uniforme e ottimale. Potremo trovarne in commercio di diverse forme: circolari, rettangolari,...
Altri Hobby

Come scegliere una pietra preziosa in base al segno zodiacale

Le pietre preziose hanno sempre affascinato popoli e culture. In alcuni stati si ritiene ancora oggi che queste possano emanare proprietà magiche o taumaturgiche. Soprattutto tra le popolazioni dell'India, vi era l'usanza di attribuire ad ogni nuovo...
Altri Hobby

Come lucidare il pavimento in pietra

Ci sono molte ragioni per utilizzare i giusti prodotti per la pulizia del pavimento in pietra. La più importante è quella di mantenere pulita una zona della casa che probabilmente è costata un bel po', sia per l'acquisto che per l'installazione. Pertanto,...
Altri Hobby

Come fare un rivestimento in finta pietra

Se si è appassionati del fai da te, e si ha la necessità di ricoprire un muro, si potrebbe optare per realizzare una parete di pietre finte. Il procedimento per la sua realizzazione non è nulla di complicato. Basta avere della buona volontà, una buona...
Altri Hobby

Come lavorare il vetro

Sin dai tempi antichi la lavorazione del vetro veniva effettuata in maniera artigianale, con risultati stupefacenti per quanto riguarda le decorazioni, oggetti di qualunque genere e figure particolari, ideali poi per rifinirle e scolpirle. Nei passi successivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.